Emergenza Beirut: prima e dopo il disastro. Come donare ed aiutare alla ricostruzione


Tragedia nella tragedia a Beirut, Libano, il disastro porta con se oltre 200 vittime e si contano anche i danni post esplosione, circa 300.000 abitanti rimasti senza una casa. Ecco come fare per contribuire nel nostro piccolo alle donazioni!

beirut-esplosione-2


Lo scorso 4 agosto è stato un giorno che ha segnato tutti, tra le pagine nere della storia del Libano, dopo già diversi mesi di crisi socio economica del paese e disagi già fortemente presenti in questo stato una volta considerato come la Svizzera del Medio Oriente.

Ad aggiungersi alla crisi in atto, alla disoccupazione, corruzione politica e disagi sociali, anche questa grande disgrazia che ha portato via persone care ed ha lasciato senza più un tetto oltre 300.000 persone.

Beirut: Situazione ad oggi

Il crollo degli edifici, e le drammatiche conseguenze, hanno fatto strada al crollo del governo stesso.

Il governo Libanese si è dimesso in seguito alle proteste che stavano sorgendo sia per l’esplosione che per gli ampi disagi che stanno mettendo in ginocchio il paese.


Leggi anche: Acquistare casa vantaggi

Ad oggi inoltre iniziano a sorgere dubbi sulla presenza della nave sequestrata in quell’area, piena di nitrato d’ammonio, e più volte segnalata dalla polizia portuale in quanto non sicura, si teme la corruzione da parte di funzionari intenti a vendere quella merce.

Situazione non facile da riequilibrare, un paese in ginocchio sotto ogni punto di vista e il nostro compito può essere quello di aiutare gli ultimi, ecco perché vi parliamo di questa iniziativa.

Doniamo per Beirut

Arriveranno aiuti internazionali in questi paesi, gestiti con l’intento di far fronte alle grandi necessità, ci saranno certamente gli esclusi, chi avrà poco o nulla.

Se sentiamo dentro di noi di poter fare qualcosa, partecipiamo agli aiuti con una piccola donazione valida, dove a garante della buona riuscita troviamo la chiesa cattolica di Beirut con l’iniziativa del monsignor Matthias Charles Mrad, vicario patriarcale dell’eparchia di Beirut dei siro cattolici, che coinvolge la comunità religiosa, e non solo, in questa donazione per cercare di aiutare tutti coloro che restano indietro e purtroppo si teme siano tanti.

Come donare per Beirut

La redazione di CasaeGiardino.it è vicina alle persone del Libano, un piccolo aiuto da parte di molte persone equivale ad un grande aiuto per chi si trova oggi in grosse difficoltà.


Potrebbe interessarti: Cani randagi, prodigi della natura

Chi volesse fare una donazione per questa opera di assistenza può inviare una donazione tramite l’Iban che segnaliamo di seguito:

LB17007500000001140A72559800

Causale: L’Italia per il Libano
Nome del titolare: Charles Georges Mrad
Nome della banca: Bank of Beirut
Indirizzo: Bob – Palais de Justice Branch
SWIFT: BABELBBE

Causale: L’Italia per il Libano

Nicola Spisso

Commenti: Vedi tutto