Zucche ornamentali – Zucche Lagenarie


Zucche-ornamentali-Lagenarie

Le zucche rampicanti da coltivare in vaso, su pergole, nell’orto come piante ornamentali, per la produzione di oggetti decorativi per la casa da utilizzare come vasi, fiaschi per vino o altri liquidi, centrotavola di stagione e anche come maracas.

Zucche ornamentali-raccolta


Caratteristiche delle zucche ornamentali

Le zucche ornamentali sono piante erbacee rampicanti annuali della famiglia Cucurbitacee originarie dell’Asia e dell’America centrale.Zucche ornamentali-Lagenaria

Queste bellissime piante dalla crescita prodigiosa sono piante erbacee coltivate come annuali per la produzione di zucche coriacee e persistenti.

  • La pianta è provvista di una robusta radice fascicolata che  in poco tempo dà origine ad un fusto ramificato, che può superare anche  i 5 metri lunghezza.
  • I fusti sono ricoperti da numerose foglie per lo più cuoriformi di colore verde intenso.
  • Durante il periodo della fioritura, come nelle altre varietà di zucca, tra le foglie fanno la comparsa fiori maschili e femminili, di colore variabile dal bianco al giallo più o meno carico.  Dai fiori femminili  si sviluppano le zucche che variano per forma e dimensioni.
  • I frutti o meglio le zucche sono inizialmente di colore verde chiaro, di consistenza tenera, ma ben presto la buccia coriacea diventa impermeabile e durissima. Quando le zucche raggiungono la maturazione completa diventano leggerissime.  La polpa e i semi seccano lasciando l’interno cavo.

Zucche ornamentali-coltivazione

Coltivazione delle zucche ornamentali

  • Esposizione: La zucca teme il gelo e riporta danni con temperature inferiori ai 10 gradi, anche se c’è anche troppo caldo, oltre i 30 gradi la pianta ne soffre. L’ideale è una temperatura mite, intorno ai 20 gradi.
  • Terreno: come le altre varietà di zucche anche quelle ornamentali necessitano di un terreno sciolto, ricco di sostanza organica, ben ben drenato e con valori di pH  tra 6 e 7. Se il terreno ha un pH diverso va corretto con specifici ammendanti.
  • Annaffiature: sono piante che per poter crescere forti e rigogliose richiedono molta acqua e pertanto vanno regolarmente irrigate per tutto il ciclo vegetativo  e con maggiore frequenza durante i periodi siccitosi e in estate, evitando però i ristagni idrici soprattutto alle piante coltivate in vaso.
  • Concimazione: le zucche ornamentali per allungarsi e produrre frutti richiedono una buona dose di macronutrienti  e micronutrienti. Per avere zucche belle grandi al compost o al letame secco bisogna aggiungere molto potassio (K), per questo è ottimo mischiare cenere a volontà nel compost, oppure usare borlande (residui di lavorazione delle barbabietole)

semi-zucca-foto

Moltiplicazione della zucca ornamentale

Le zucche decorative o ornamentali si riproducono per seme in primavera , nel mese di Aprile.

La semina si effettua in semenzaio, in vaso o direttamente nell’orto.  Se la semina viene fatta in vaso le piantine vanno poi trapiantate in vasi molto ampi e profondi o in piena terra facendo attenzione a non traumatizzare le fragili radici.

Se si intende seminare le zucche ornamentali direttamente nel terreno a dimora definitiva ecco cosa fare:

  • si prepara con anticipo il terreno arricchendolo di sostanza organica in modo da fornire alle zucche tutti i nutrienti indispensabili per la loro crescita e la produzione dei frutti.
  • si interrano 2-3 semi a 4 cm di profondità in buche distanti tra loro più di 1,5 metri.
  • si compatta ben ben il terreno sui semi e si procede con le annaffiature per mantenere il substrato umido fino a germinazione avvenuta.

Luffa-impianto

  • successivamente si diradano le piantine, eliminano quelle più fragili lasciandone una sola per buca. tale operazione va fatta quando le piantine potranno essere agevolmente maneggiate e avranno emesso almeno 3-4 foglioline.

Luffa-frutti

Impianto o messa a dimora

Le maggior parte delle piante di zucche ornamentali hanno uno sviluppo verticale pertanto al momento dell’impianto vanno sostenute con pali, fili metallici oppure posizionate intorno a pergole. Se coltivate in vaso vanno fatte arrampicare vicino a graticci o griglie.

Lagenaria a fiasco- ucca ornamentale

Raccolta delle zucche ornamentali

La raccolta in generale avviene dopo circa 5 mesi dalla semina. Per poterle conservare a lungo devono essere ben mature ovvero quando la buccia o la scorza che le riveste è diventata legnosa, coriacea al tatto e difficilmente scalfita dalla punta del coltello.

Zucche-ornamentali-raccolta

Se vengono raccolte ancora immature difficilmente si conserveranno perchè con il tempo avvizziscono fino a marcire.

Per staccarle dalla pianta si recide il peduncolo che le tiene sospese a circa 5 cm dalla base. Le zucche ornamentali piccole sono quelle che maturano prima, e generalmente vengono raccolte in estate, mentre le zucche di grandi dimensioni il periodo migliore l’autunno inoltrato.

realizzare-una-zucca-per-halloween–460×528

Come essiccare e svuotare le zucche per la conservazione

Dopo la raccolta, le zucche ornamentali vanno fatte essiccare in un luogo caldo, secco e arieggiato, ben distanziate tra loro. Il tempo di essiccazione ovviamente varia a seconda delle dimensioni delle zucche. Per le più piccole l’essiccazione è più veloce e i risultati ottimi mentre per le zucche molto grandi ci vuole più tempo e la probabilità che qualcuna marcisca è più alta.

Se l’essiccazione ha successo, le zucche potranno essere conservate per anni intere o dopo averle svuotate dei semi e della polpa racchiusa nel loro interno.

Zucca-semi

Le sementi, che sono germinabili fino a 3 4 anni dalla produzione, potranno essere recuperate. Dopo averle fatte asciugare ulteriormente all’aria in un luogo caldo e asciutto  si conservano in sacchetti di carta fino al momento della semina nella primavera successiva. ovviamente a causa della ricombinazione genica le zucche nate da questi semi non avranno gli stessi colori e le stesse della pianta madre.

Luffa-malattie

Parassiti e malattie della Lagenaria – Zucca ornamentale

Le zucche ornamentali come le altre varietà utilizzate a scopo alimentare sono soggette a varie malattie fungine o crittogame e ai comuni parassiti animali che prediligono le colture ortive e le piante ornamentali.

Come le altre cucurbitacee, quali anguria, melo, zucchino cetriolo,  sono sensibili agli attacchi:

  • dell’oidio o mal bianco che si manifesta puntualmente quando il clima è troppo umido e come nelle zucche e zucchine, si manifesta con una polvere bianca sulle foglie e porta alla marcescenza dei frutti, anche dopo la raccolta;
  • della ruggine che forma vistose macchie scure sulle foglie;
  • della peronospora, una malattia che porta la pianta di zucca a morte rapida;
  • degli afidi che si annidano soprattutto sui teneri germogli;
  • del marciume delle radici, causato dalle eccessive annaffiature e dai ristagni idrici;
  • del marciume del colletto (Pitium), malattia crittogamica che si manifestano in primavera e agisce solo a temperature sotto i 15 gradi e se c’è molta umidità.

antiparassitario-biologico

Trattamenti e cure

Per combattere le malattie fungine e i vari parassiti che affliggono queste bellissime piante ornamentali  e che provocano la marcescenza anticipata dei loro frutti  è consigliabile effettuare irrorazioni fogliari con prodotti naturali quali: oli vegetali, sapone di Marsiglia, antiparassitario all’ortica, all’aglio,  piretro, propoli, ecc.  In alternativa le zucche possono essere trattate con prodotti a base di verderame che va spruzzato sulle foglie, sui tralci e anche sul terreno delle zucche coltivate in vaso.

I trattamenti biologici o quelli chimici vanno effettuati in una giornata non ventosa, al mattino presto o la sera dopo il tramonto. Poichè la maturazione delle zucche si completa in autunno i trattamenti vanno fatti anche tra luglio e agosto.

Le zucche ornamentali prediligono il terreno smosso ed ossigenato pertanto sono utili periodiche rincalzature alla base della pianta. Inoltre per evitare l’impoverimento del suolo occorre liberarle dalle erbe infestanti che crescono nelle immediate vicinanze.

Zucche ornamentali-usi

Utilizzi delle zucche ornamentali

La coltivazione di queste zucche esotiche, diffusa soprattutto nelle zone dell’Asia tropicale, negli ultimi anni sta suscitando un grande interesse anche nel nostro Paese per vari scopi. La coltivazione di questa zucca, originaria dell’Asia tropicale, in questi ultimi anni sta destando tra gli appassionati di piante esotiche e degli amanti di caratteristici e insoliti oggetti decorativi.

Le zucche raccolte ancora giovani vengono utilizzate allo stato fresco in cucina per la preparazione di zuppe, minestre, contorni, sott’aceto, marmellate tipo la cucuzzata siciliana oppure, una volta mature ed essiccate, per realizzare contenitori per acqua e oggetti decorativi di vario tipo.

Nei paesi di origine queste zucche vengono utilizzate come fiaschi, borracce in cui conservare, per breve periodo, acqua, vino o altri liquidi o per la fabbricazione  di strumenti musicali.

Altre invece come la Luffa vengono utilizzate per la produzione di spugne vegetali biologiche.

zucchina-cucuzza

In Italia e in molti altri paesi del’Europa alcune zucche ornamentali vengono lavorate per trasformarle in lanterne per Halloween, lampade, ciotole, vasi e altri oggetti originali tutti ecologici e biodegradabili, dipinti amano con coloranti sempre di origine vegetale.

Centrotavola-Zucche decorative

Altre invece vengono usate per la realizzare un centrotavola di stagione misto a fiori.

Zucche ornamentali – Zucche rampicanti

Varietà di zucche ornamentali – Lagenaria

La  maggior parte delle zucche ornamentali, appartengono al genere Lagenaria e tra le tante citiamo quelle più coltivate diverse per forma e dimensioni:

  • Lagenaria-zucca
  • Lagenaria siceraria longissima una varietà rampicante che produce frutti molto lunghi simili a randelli utilizzati in cucina quando sono freschi e con polpa succosa. Questa varietà coltivata soprattutto in Sicilia è ideale, da far crescere anche come pianta ornamentale su pergole, recinzioni e altre strutture simili.

Lagenari siceraria a fiasco

  • La Lagenaria siceraria a fiasco così chiamata per la sua forma simile a quella di un fisco di vino con base arrotondata e collo rigonfio e scorza liscia oppure rugosa tipica della impagliatura. f
    La Lagenaria siceraria a bastone presenta invece frutti cilindrici non molto lunghi (30-40 cm) e piuttosto ingrossati (10-12 cm di diametro).

Lagenaria siceraria a collo di cigno

  • La Lagenaria siceraria a collo di cigno si distingue per i frutti a collo ripiegato e per la buccia di colore verde intenso. Questa varietà è molto apprezzata a scopo ornamentale per la caratteristica forma e per l’originale colore della buccia dei frutti con macchie bianche di varie dimensioni

Zucche ornamentali- Lagenaria a botiglia

  • La Lagenaria siceraria a bottiglia, una varietà che produce zucche lunghe circa 20 cm a forma di bottiglia con collo cilindrico stretto e base rigonfia.
    La Lagenaria siceraria a pera, produce zucche lunghe più di 30 cm a forma di pera di colore verde chiaro e variegato.
  • La Lagenaria siceraria a borraccia con frutti schiacciati, molto larghi alla base, collo corto e  ripiegato.

Zucche ornamentali – Zucche rampicanti

Le zucche  ornamentali  sono commestibili?

Come tutte le altre varietà anche la zucca ornamentale se consumata ancora giovane è commestibile. La polpa infatti è tenera e succosa e come le zucchine si presta a molte ricette. Tra le tante varietà di zucche decorative presenti sul mercato  non escludo che esistano zucche ornamentali non commestibili.

Zucche ornamentali-commestibilità

Curiosità

Tra le tante varietà  di zucche ornamentali esistenti in commercio senza dubbio più conosciuta da tutti è  la Cucurbita maxima, la zucca di colore arancio carico e di grandi dimensioni che nella cultura anglosassone, viene da sempre utilizzata come lanterna da mettere sui davanzali delle finestre o davanti alla porta come scaccia fantasmi, streghe e demoni nella notte di Halloween.

La Jack-o’ Lantern, realizzata con la Cucurbita maxima viene illuminata dall’interno da una candela.

Anticamente le zucche del genere Lagenaria erano conosciute come zucche da vino, zucche dei pescatori, zucche dei pellegrini, zucche a borraccia.

Galleria foto zucche

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger

Google News


Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta