Vanda – Orchidee Vanda

Vanda-Orchidea

Le Vanda sono orchidee molto diffuse che vengono coltivate a scopo ornamentale nei cesti appesi, in vasi bucati, su tronchetti in legno e anche in giardino se il clima invernale è temperato.

Caratteristiche generali della Vanda

Il genere Vanda comprende circa 80 specie di orchidee prevalentemente epifite della famiglia delle Orchidacee. Sono diffuse e coltivate in tutte le regioni asiatiche tropicali, soprattutto in India, Cina, in Malaysia, Indonesia e Australia.

Le Vanda a differenza delle altre orchidee sono a crescita monopodiale ovvero si sviluppano verticalmente tramite un solo fusto che si accresce velocemente, ogni anno, nella parte apicale e che talvolta produce anche ramificazioni laterali.


Leggi anche: Pellet Tronchetti confezioni prezzi e consumi

Laelia-orchidea-epifita

Le radici sono aeree, lunghe e germogliano lungo lo stelo formando densi ciuffi che nei luoghi di origine vivono come epifite utilizzando come sostegno il tronco di altre piante e raramente se litofite utilizzano come supporto le rocce.

Le foglie, a seconda della specie, hanno forma e dimensioni diverse. Esistono Vanda con foglie piatte, appuntite e disposte simmetricamente al fusto, una a destra e l’altra a sinistra; altre con foglie cilindriche sottili, lunghe circa  15 cm di lunghezza e altre ancora, soprattutto le varietà ibride, con foglie aventi caratteristiche intermedie,  aventi le lamine large o nastriformi che avvolgono il fusto fin dalla base.

Orchidea-Vanda

I fiori, da 5 a 15 e dalle diverse varie tonalità di colore e talvolta profumati, sono raccolti in infiorescenze a spiga lunghe fino a 15 cm e che si sviluppano all’apice del fusto. Ciascun fiore può avere un diametro che varia dai 2 ai 15 cm. In condizioni ottimali di coltivazione, luce e umidità ambientale, vengono prodotti più volte durante l’anno e persistono sui rami anche per settimane. In condizione di riposo forzato (luce scarsa, temperatura e umidità non adeguate),  i fiori non vengono prodotti e, per potere ammirare quelli nuovi bisogna aspettare la primavera successiva, stagione in cui la Vanda riprende il suo normale ciclo vegetativo.


Potrebbe interessarti: Cesti di vimini

Fioritura

Le orchidee Vanda se coltivate in condizioni ideali e in zone con clima mite fioriscono di continuo,  producendo ricchi steli floreali di ineguagliabile bellezza per quasi tutto l’arco dell’anno che con la loro ineguagliabile donano alla casa un tocco di eleganza raffinata.

Vanda-denisoniana

 Coltivazione dell’orchidea Vanda

Esposizione

La Vanda necessita di moltissima luce per crescere bene e fiorire, e deve essere esposta al sole come minimo per 2-3 ore al giorno. Tollera benissimo il sole diretto del mattino, ma dalle 11 alle 15 è meglio schermarlo un po’ con un tessuto a rete (come sono fatte alcune tende). Predilige  temperature diurne di 23-28°C e quelle notturne di 18-20°C, con gli sbalzi termici quotidiani di 4-6°C tra giorno e notte. Alcune specie di Vanda sopportano bene le temperature estive alte, anche superiori ai 30°C, mentre soffrono se sono inferiori ai 16°C. Amano l’aria con valori di umidità compresi tra 55 al 70%. Se l’umidità ambientale è più bassa, le foglie della Vanda smettono di respirare, rallentano la fotosintesi e quindi la crescita e la fioritura. Durante il giorno, per innalzare l’umidità dell’aria, è consigliato vaporizzare la pianta 1-2 volte al giorno d’estate, e 1 volta ogni 1-2 giorni d’inverno. Teniamo presente che le nebulizzazioni non devono sostituire le bagnature.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Terreno

Le Vanda si coltivano esclusivamente a radice nuda su un substrato soffice, poroso, ben areato e in grado di trattenere l’umidità. Un terriccio troppo compatto provocherebbe il soffocamento delle radici che amano vivere libere.

Annaffiature

Le Vanda sono piante che anche se soddisfano le loro esigenze di acqua assorbendola direttamente  dall’umidità ambientale tramite le loro radici aeree vanno comunque annaffiate regolarmente almeno 3 -4 volte a settimana, soprattutto se fa molto caldo e l’aria è secca. Vanno immerse in acqua tiepida o piovana per un paio di minuti o fino a quando le radici diventano verdi dopodiché si fanno sgocciolare ben e bene e poi si rimettono al loro solito posto. In estate è consigliabile nebulizzare le piante con acqua piovana o non calcarea. Fusto e foglie vanno tamponati con carta assorbente da cucina per evitare che l’acqua accumulata nelle ascelle fogliari possa essere causa di pericolosi marciumi. le bagnature vanno ridotte in inverno e dopo il rinvaso.

Concimazione

Le Vanda si concimano ogni 7-10 giorni con un fertilizzante specifico per orchidee e solo nella forma liquida. Si immerge la pianta per 10 minuti in un contenitore con acqua e concime in dose minore rispetto a quella indicata sulla confezione del produttore. Se la pianta dovesse entrare in riposo vegetativo a causa di poca luce, troppo freddo, etc., le concimazioni dovranno essere sospese e riprese non appena inizia nuovamente a vegetare. Comunque, bisogna fare di tutto per evitare questo periodo di riposo forzato.

Vanda in vaso – coltivazione

Vanda: coltivazione in vaso

Le Vanda possono essere coltivate facilmente in un vaso di piccole dimensioni con poco terriccio soffice e sciolto che consente alle radici aere di respirare senza alcun problema.  In alternativa si può utilizzare un vaso di vetro con un fondo d’acqua, sfagno, carbone di legna o corteccia di pino bagnati, inserendo dentro solo le radici, lasciando il fusto fuori dal vaso per evitare il rischio del  suo marciume. Dopo l’invasatura le orchidee Vanda vanno poste in un luogo luminoso, protetto dai raggi solari diretti e dai venti forti. Si può tenerle appese in un un ambiente caldo ed umido come il bagno o sul davanzale di una finestra molto luminosa esposta ad ovest oppure sud-ovest.

In estate, possono stare tranquillamente all’aperto nei posti dove l’umidità dell’aria è sopra i 55% e le temperature notturne non scendono al di sotto di 17-18°C.  Durante il giorno, per innalzare l’umidità dell’aria, le piante vanno vaporizzate 1-2 volte al giorno d’estate, e 1 volta ogni 1-2 giorni d’inverno praticate solo per assicurare l’adeguata umidità richiesta dalle piante e non in sostituzione delle bagnature che vanno a loro volta praticate al massimo ogni 2-3 giorni.

Rinvaso

Le orchidee Vanda non amano i rinvasi quindi si trasferiscono in contenitori leggermente più grandi dei precedenti quando le radici e il fusto sono compressi dalla mancanza di spazio disponibile. Il rinvaso quindi va effettuato solo se necessario e se il substrato di coltivazione è quasi del tutto deteriorato.

L’operazione che crea tanto stress alla pianta va fatta con estrema delicatezza e nel seguente modo:

  • se bisogna cambiare solo il substrato si adagia la pianta di Vanda con il suo vecchio contenitore in uno nuovo e aggiungere poi  nello spazio libero tra i due vasi del carbone di legno e della fibra di felce arborea.
  • quando è necessario sostituire il vecchio contenitore, si immergere la pianta con tutto il vaso  in un recipiente contenente dell’acqua tiepida per far ammorbidire le radici. Questa particolare accortezza consentirà di estrarre facilmente la pianta dal vecchio vaso senza inutili stress. più facile estrarre la pianta.
    Il rinvaso delle orchidee Vanda può essere effettuato in  primavera o in estate utilizzando un substrato ad elevata sofficità, altamente poroso e ben drenante per evitare l’asfissia delle radici, fenomeni di ristagno e marciume radicale.

Moltiplicazione della Vanda

In natura le piante di Vanda si riproducono per seme ma nei vivai nuovi esemplari vengono prodotti per via agamica mediante clonazione o talee di fusti o germogli alterali.

Semina

La riproduzione per seme è molto lunga; produce esemplari diversi dalla pianta originale che vanno allevati in serra per almeno due anni di allevamento in serra prima di poter essere piantumati in vasi singoli.

Propagazione vegetativa

E’ la tecnica praticata quando i fusti delle Vanda staccando dalla pianta madre i fusti laterali provvisti di nuove radici aeree.

Potatura

Le orchidee Vanda non si potano in quanto le infiorescenze crescono sempre sullo stesso stelo. Si eliminano solo le foglie secche o danneggiate per evitare che marcendo possano essere veicolo di pericolose infezioni fungine.

Parassiti e malattie della Vanda

Le orchidee Vanda sono quasi tutte abbastanza resistenti ad attacchi di parassiti infatti solo raramente sono soggette agli attacchi della cocciniglia e del ragnetto rosso.  Tra le malattie fungine bisogna prestare attenzione a quelle causate da Pythium e Phytophtora, funghi che causano seri danni alle radici e che compromettono la vita delle piante.

Cure e trattamenti

Bisogna prestare attenzione alle malattie fungine, alle annaffiature e all’umidità ambientale. Evitare una cattiva esposizione della pianta alla luce e ridurre al minimo i rinvasi.

Le malattie fungine e le infestazioni parassitarie vanno contrastate facendo ricorso a specifici prodotti.

Varietà di Vanda

Tra le 80 specie di Vanda citiamo quelle più diffuse e coltivate anche alle nostre latitudini.

Vanda coerulea

Vanda coerulea

Nota comunemente come Orchidea blu, è un’orchidea molto diffusa e di alto pregio ornamentale. E’ un’epifita  a crescita veloce con un solo stelo molto robusto. Produce grandi fiori dal diametro di circa 10cm,  riuniti in racemi ascellari eretti alti più di 40 cm. I fiori sono di colore blu e persistono sullo stelo per molti giorni. Si coltiva in cesti sospesi di legno esposti alla luce del sole.

Vanda cristata

Un’orchidea Pianta epifita che nei luoghi di origine cresce sui tronchi degli alberi coperti di muschio. Ha un fusto molto robusto, foglie verdi coriacee e ricurve. In primavera-estate sugli steli floreali sbocciano fiori profumati molto grandi, con petali laterali gialli o verdi che contrastano con  il labello (petalo centrale inferiore) giallo e le sue maculature rosse. E’ una specie che predilige l’esposizione a mezz’ombra e innaffiature regolari e frequenti.

Vanda insignis

Questa specie di Vanda a differenza delle altre produce un’infiorescenza pendula, lunga 15 cm, composta da fiori molto grandi (circa 7 cm),  le cui tonalità di verde, giallo o rosso si mescolano con con i colori del labello, bianco e con macchie rosa. La Vanda insignis ama il caldo, l’esposizione luminosa ma non i raggi diretti del sole e frequenti annaffiature specialmente durante la fioritura.

Vanda insignis

Vanda Miss Joaquim

È un’orchidea ibrida molto robusta che produce steli eretti molto lunghi che necessitano di un supporto. Produce infiorescenze formate solitamente da 4 grandi fiori, 5 cm di diametro e 6 cm di altezza, composti da petali attorcigliati. I due petali in alto e il sepalo superiore sono di colore rosa-violetto, mentre i 2 sepali laterali sono malva chiaro, nella metà inferiore. Il labello è molto grande e il suo colore rosa-violaceo contrasta fortemente con le sue macule arancione e la gola viola scuro. L’orchidea Vanda Miss Joaquim è una  pianta che ama il sole, un’elevata umidità dell’aria e  continue concimazioni e regolari apporti idrici. Questa bellissima orchidea fiorisce tutto l’anno a Singapore.

Vanda bensonii

Una specie di medie dimensioni con fusto monopodiale, foglie basali coriacee di colore verde. In primavera produce un’infiorescenza molto lunga composta da 10 – 20 fiori giallo-verdastri con vistose macchie rosse e con labello bianco o rosa. Questa specie occasionalmente rifiorisce anche in altri periodi dell’anno. E’ un’orchidea che ama il clima più caldo.

Vanda alpina

E’ un’orchidea di piccole dimensioni che fiorisce liberamente nelle foreste montane con clima temperato. Ha un fusto spesso con foglie sono lineari, oblunghe e leggermente arcuate. Durante il breve periodo della fioritura, produce piccoli di colore verde chiaro, con labello bianco e con striature rosse.

Vanda denisoniana

Una pianta epifita di grandi dimensioni, con foglie ricurve di colore verde. In primavera e in tardo inverno, produce bellissimi fiori cerosi di colore giallo, di circa 5 cm, che nelle prime ore della sera profumano l’aria di un gradevole odore di vaniglia.

Usi

Nei paesi di origine  le orchidee Vanda vengono coltivate a scopo commerciale su scala mondiale. Alle nostre latitudini invece alcune specie sono apprezzate come ornamentali d’appartamento,  altre per la coltivazione  in piena terra, in grandi aiuole o in angoli ben riparati dei giardini con clima mite. Spesso vengono vendute in letti di buccia di cocco.

Nel sud Florida, l’orchidea hawaiana, Vanda Miss Joaquim, viene utilizzata per realizzare splendide siepi fiorite.

Vanda

Linguaggio dei fiori

Le orchidee Vanda al pari di altre specie sono simbolo di armonia, bellezza e perfezione. Sono perfette come regalo per la persona cara se la si vuole  ringraziare per l’amore donato.

Curiosità

Le orchidee Vanda sono molto diffuse in commercio in forme e dimensioni e moltissime sono varietà ibride chiamate orchidee Ascocenda perchè ottenute da esperti ibridatori dall’incrocio con Ascocentrum.

La Vanda Miss Joaquin porta il nome in onore di Agnes Joaquin la illustre botanica armena che l’ha riprodotta per ibridazione artificiale.

La Vanda Miss Joaquim, per la sua bellezza, resistenza e rifiorenza continua che testimonia la forza e la voglia di vivere, è stata scelta fin dal 1981 come fiore nazionale di Singapore.

Galleria foto orchidee

 

 

 

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica