Speronella coltivazione


Speronelle-foto

La Speronella è una pianta ornamentale da giardino di facile coltivazione apprezzata soprattutto per i suoi grandi fiori a spiga molto decorativi.

Speronella-Ranunculacea


Caratteristiche della Speronella

La Speronella, Consolida ajacis, è una pianta erbacea, annuale o perenne, della famiglia delle Ranunculaceae, originaria dell’Asia, del Nord America e dell’Europa. In Italia cresce spontanea nelle zone costiere e nei luoghi ghiaiosi soprattutto nelle isole e le regioni meridionali.

Speronelle

La parte ipogea della pianta è composta da un robusto apparato radicale (tanto da essere commercializzata anche a radice nuda) mentre la parte aerea è formata da steli eretti, alti anche 1, 5 metri, ricoperti da numerose foglie di colore verde brillante riunite in folti ciuffi.

I fusti o steli sono eretti, pelosi e ramificati verso l’alto.

Le foglie, large, palmate e divise in lacinie lineari sono di colore verde brillante.

fiore-speronella

Durante il periodo della fioritura fanno la comparsa grandi e lunghe infiorescenze a spighe composte da numerosi fiori di colore azzurro, bianco, rosa o viola.

fiori sono a coppa e possono essere semplici o doppi.

I frutti sono ventricosi, composti da 2-3 follicoli vellutati contenenti 3-4 semi compressi e rivestiti di un tegumento rugoso e squamoso. I frutti maturano nel mese di Agosto e si aprono liberando i semi.

I semi grigio nerastri, compressi e ricoperti da un rivestimento rugoso, sono ovali e di odore sgradevole quando vengono a contato con l’acqua. I semi della Speronella sono dotati di alta capcità di germinazione e per autosemina danno vita a tante nuove piante.

Speronelle-fioritura

Fioritura:  la speronella fiorisce copiosamente per tutta l’estate.

Speronella-foglie

Coltivazione Speronella

Esposizione: per produrre fiori in abbondanza predilige i luoghi soleggiati e riparati dal vento.

Terreno: ama il terreno soffice, ricco di sostanza organica, sciolto e ben drenato. Il terreno ideale per la coltivazione della speronella è quello universale misto a sabbia grossolana  per favorire il drenaggio dell’acqua delle annaffiature. Un terreno troppo compatto provoca l’asfissia della pianta.

Annaffiature: va annaffiata abbondantemente dalla primavera fino alla fine della fioritura se il clima è siccitoso. In caso di piogge abbondanti invece la pianta si accontenta delle acqua piovana. In autunno, periodo in cui la pianta entra in riposo vegetativo, le annaffiature andranno sospese del tutto.

Concimazione: nel periodo primavera – estate, somministrare, ogni 15 giorni, del concime liquido specifico per piante da fiore, opportunamente diluito nell’acqua delle annaffiature. In alternativa ogni 40 giorni concimare con fertilizzante a lento rilascio da distribuire ai piedi dei cespi.

Speronella-foto

Moltiplicazione della Speronella

La pianta può essere moltiplicata in primavera per seme o per divisione dei cespi.
La propagazione con la semina non garantisce piante con le stesse caratteristiche della pianta madre mentre con la divisione dei cespi i nuovi esemplari saranno identici anche nelle tonalità di colore.

La semina generalmente si effettuata direttamente a dimora in autunno. La primavera successiva le piante potranno essere trasferite in vasi singoli con tutto il pane di terra che avvolge le radici. le nuove piantine di speronella producono i primi fiori fin da subito. Se il clima invernale è particolarmente rigido si consiglia di mettere  a germinare i semi nei vasi posti in un luogo luminoso ma riparato. Successivamente le nuove piantine potranno essere trapiantate a dimora definitiva.

Le specie di speronella coltivate come piante perenni  invece si possono propagare mediante la divisione dei cespi. Le piante moltiplicate con questa tecnica saranno identiche a quella madre per forma, dimensioni e colore dei fiori.

Speronella-potatura

Potatura della Speronella

Per stimolare l’infoltimento basale e quindi l’emissione di nuovi getti floreali, verso la fine dell’autunno, potare i rametti a circa 10 cm dalla superficie del terreno.

Rinvaso

La Speronella perenne vanno rinvasate solo quando il vaso diventa troppo piccolo per le sue dimensioni mentre la varietà coltivata come pianta annuale non necessita di alcun rinvaso in quanto è destinata a morire.

Speronella-coltivazione

Parassiti e malattie della Speronella

Teme il marciume delle radici a causa dei ristagni idrici; soffre l’attacco degli afidi, che rovinano i fiori quando sono ancora in boccio e delle lumache che, in breve tempo, la denudano completamente dalle foglie.

Pacciamatura-foto

Cure e trattamenti

La pianta di speronella per svilupparsi eretta necessita di tutori; per favorire la fioritura si consiglia di eliminare man mano le spighe sfiorite; per scongiurare il marciume svuotare sempre il sottovaso dopo circa 30 minuti dalle annaffiature; in inverno proteggere le speronelle perenni con una pacciamatura di paglia o foglie secche.

Usi e proprietà

Anticamente la speronella era utilizzata nella medicina popolare per scopi terapeutici infatti con i fiori essiccati venivano impiegati per la preparazione di infusi diuretici, per migliorare la circolazione periferica, per combattere infezioni batteriche e virali, per rafforzare le ossa e velocizzare la guarigione di piaghe e ferite.

Oggi viene invece coltivata soprattutto a scopo ornamentale e come rimedio naturale solo per uso esterno, contro i pidocchi, la scabbia, per la cura della congiuntivite ed altre infiammazioni degli occhi.

Tossicità della speronella

La speronella va maneggiata indossando sempre guanti da giardinaggio perchè è una pianta altamente irritante. I semi in particolare quelli della varietà Stafisagria sono altamente velenosi per l’uomo e i cani a causa dell’elevato contenuto di metillicaconitina un alcaloide vegetale simile alla colchicina.

Speronella-potatura

Linguaggio dei fiori

La speronella blu nel linguaggio dei fiori rappresenta la serenità, la gioia, la pace e la purezza di cuore. Regalata ad una persona cara per un evento importante  è segno di buon auspicio.
Leggenda: un uomo in difficoltà, venne salvato da un delfino, ma gli amici dell’uomo continuarono a dargli la caccia, sin quando Nettuno, per evitare che lo catturassero, trasformò il delfino in un bel fiore: il Delphinium.

Curiosità

Il nome della pianta che deriva dal termine delphís (delfino) è riferito alla forma a sperone del fiore che ricorda la pinna del delfino.

La speronella, Consolida ajacis, appartiene alla stessa famiglia della Vitalba, della Calta, dell’Aquilegia, ecc.

In Italia questa pianta ornamentale viene chiamata con nomi diversi a seconda delle regioni: in Calabria è conosciuta come Erba dei pidocchi mentre in Campania è lo Speron di cavaliere.

Galleria foto della speronella

Altre piante con fiori a spiga che fioriscono in estate

Galleria foto piante a fioritura estiva

 

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto