Solidago – Verga d’oro


Solidago-fioritura


Il Solidago o Verga d’oro è una pianta erbacea officinale apprezzata anche come ornamentale per la bellezza delle sue decorative infiorescenze dorate che sbocciano a profusione durante l’estate.

Verga d’oro


Caratteristiche generali Solidago – Verga d’oro

Il Solidago o Verga d’oro, è una pianta perenne che appartiene alla famiglia delle Asteraceae. Originario dell’America del nord, Asia ed Europa, è diffuso allo stato rustico nei terreni incolti, lungo i bordi delle strade di campagna, dei sentieri montani e a ridosso di muri e scarpate da o metri fino a 1200 metri di altitudine.

La pianta di Solidago è dotata di un apparato radicale rizomatoso poco profondo ma ben sviluppato grazie al quale si mantiene ben salda al suolo. La parte aerea, da portamento cespitoso ed eretto, è composta da steli verdi e pubescenti alti circa 1 metro ricoperti da un ricco fogliame formato da due tipi di foglie: basali e cauline.


Leggi anche: Pianta dell’incenso coltivazione

Le foglie basali sono lanceolate e con margine dentellato mentre quelle cauline o degli steli sono sessili e di dimensioni sempre più piccole verso le estremità apicali. Entrambi i tipi di foglie hanno consistenza morbida e vellutata e sono di colore verde chiaro.

Solidago-fiori

I fiori, numerosissimi e piccolissimi, sono riuniti in dense e abbondanti infiorescenze a pannocchia, erette e lievemente ricadenti sulle punte. Ciascuna infiorescenza è suddivisa a sua volta in altri numerosi racemi posti alle ascelle delle foglie, ognuno dei quali è costituito da capolini di colore giallo; i capolini sono formati da fiori con petali ligulati esternamente e fiori tubulosi disposti al centro nelle varie gradazioni di giallo.

Verga d’oro-fiore

I frutti sono acheni più o meno cilindrici, con le estremità assottigliate e dotati di pappo, una struttura cilindrica formata da peli leggerissimi simili a piccole piume che ne facilitano la dispersione e la disseminazione ad opera del vento anche a notevole distanza dal luogo di produzione.

Dalla germinazione dei fertilissimi semi nascono nuove piante di Solidago che in breve tempo tendono a diventare così numerose da essere considerate infestanti. L’impollinazione è entomogama ed avviene ad opera delle api e di altri insetti pronubi.

Solidago-frutti

Fioritura

Il Solidago produce un’abbondante fioritura dall’estate all’autunno, i fiori sbocciano infatti sui lunghi steli da luglio a ottobre.

Solidago-Verga d’oro coltivazione

Coltivazione del Solidago – Verga d’oro

Esposizione

Cresce bene anche alla mezzombra ma per dare la massima produzione di fiori richiede l’esposizione in piene sole per molte ore del giorno. Sopporta bene le alte temperature estive e sopporta senza problemi quelle basse dell’inverno anche senza alcuna protezione.

Terreno

E’ una pianta rustica che si adatta a qualsiasi terreno, purchè profondo, permeabile e fresco. Predilige un pH leggermente acido di circa 6,5. Le migliore varietà si moltiplicano per suddivisione delle ceppaie da eseguirsi in autunno o da marzo ad aprile. Per un migliore sviluppo della pianta si consiglia di posizionare il Solidago in un luogo dove può ricevere almeno due ore di sole diretto.

Annaffiature

E’ una pianta che in natura si accontenta delle piogge e pertanto le annaffiature vanno fatte saltuariamente, ogni 15 giorni, bagnando il terreno di coltivazione fino a 5 cm di profondità soprattutto se l’impianto è giovane. Nelle regioni caratterizzate da estati molto calde, invece gli apporti di acqua vanno praticati con maggiore frequenza per non rischiare di avere fioriture scarse o addirittura assenti.  Le annaffiature vanno effettuate costantemente almeno fino a quando la pianta avrà raggiunto l’altezza di 30 cm. In pieno riposo vegetativo non necessita di interventi idrici.

Concimazione

per favorire i nuovi getti e la fioritura, ogni 20-25 giorni, somministrare un fertilizzante per piante da fiore diluito all’acqua di annaffiatura. Il momento del rinnovo, concimare con concime organico e ternario, oppure, dello stallatico ben maturo.

Solidago: coltivazione in vaso

Alcune varietà di Solidago a portamento basso e compatto si possono coltivare anche in vaso come ad esempio la Solidago canadensis ‘Little Miss Sunshine’,  una pianta nana alta circa 30 cm, compatta che produce da luglio ad ottobre ampie infiorescenze ramificate di colore giallo oro. Necessita di un vaso avente un diametro di 30 cm, riempito con terreno misto a sabbia ben drenato e ricco di sostanza organica.

Rinvaso

Ha l’esigenza di essere spiantata e ripiantata spesso perchè esaurisce molto velocemente i nutrienti  contenuti nel terreno. Quando diventa vecchia va sostituita con una giovane e come la pianta  coltivata in piena terra, in autunno va potata a livello del terreno.

Moltiplicazione del Solidago – Verga d’oro

La pianta si riproduce per seme in primavera e per via vegetativa può essere propagata anche con il metodo della divisone dei cespi, in autunno.

Moltiplicazione per divisione dei cespi

Se si sceglie questo secondo metodo di propagazione, i cespi divisi e con porzioni di rizoma ben radicate vanno ripiantati al momento stesso in un terreno ben fertilizzato.

Impianto o messa a dimora

Le piante di Solidago si piantano nel terreno ben lavorato e arricchito con stallatico ben maturo o concime ternario. Le buche destinate ad accoglierle vanno distanziate tra loro almeno 40 cm.

Abbinamenti

Le diverse specie di Solidago si abbinano perfettamente con graminacee ornamentali tipo Panicum, con piante a fioritura autunnale come Aster o Settembrini di colore lilla, Helenium bruno- rossiccio, Chrysanthemum, LythrumRudbeckia e Vernonia.

Verga d’oro-fioritura

Potatura o  cimatura

Per stimolare l’irrobustimento e l’emissione di nuovi getti  le piante di Solidago vanno cimate il più rapidamente possibile, generalmente dopo circa tre settimane dopo la messa a dimora e preferibilmente quando cominciano ad allungarsi. La cimatura, che va praticata lasciando 4-5 foglie, consente una crescita uniforme di tutte le piante. In autunno, stagione in cui le piante di verga d’oro entrano in riposo vegetativo,  si effettua una potatura drastica, tagliando a   livello del suolo tutti gli steli fioriferi.

Raccolta del Solidago

I fiori si raccolgono nel periodo di massima fioritura e quando sono completamente aperti (è evidente la loro forma a stella). Il tempo di fioritura utile per la raccolta varia da 7 a 10 giorni.

Gli steli fioriti delle piante di Solidago utilizzati in commercio, dopo la raccolta vengono selezionati in base alla loro lunghezza e alla loro robustezza; vengono trattati con un battericida e successivamente posti in frigorifero a 4 °C prima di essere inviati sui mercati e utilizzati per richieste specifiche.

Verga d’oro-parassiti

Parassiti e malattie del Solidago – Verga d’oro

Si tratta di una pianta sensibile alle malattie fungine o crittogame, infatti teme:

l’oidio o mal bianco, che si manifesta con deposti polverosi biancastri sulle pagini delle foglie;

la Ruggine, una malattia che si manifesta con pustole polverulente di colore rossastro o bruno, sulla pagina inferiore delle foglie e macchie giallastre tondeggianti sulla pagina superiore delle foglie delle macchie giallastre rotondeggianti. La lotta deve avvenire alla prima comparsa dei sintomi.

la Peronospora, una muffa biancastra, con una maculatura giallastra o brunastra che provoca la caduta prematura delle foglie per disseccamento.

Tra i parassiti animali le piante di Solidago soffrono gli attacchi;

  • della Minatrice, una larva che in breve tempo si nutre di tutte le foglie lasciando totalmente nudi gli steli;
  • della Mosca Bianca, un piccolissimo insetto biancastro che si nutre della linfa;
  • i Tripidi, che danneggiano con macchie marroni soprattutto i fiori;
  • il Ragnetto rosso, un acaro che tesse ragnatele tra gli steli.

Cure e trattamenti

Per avere delle piante di Solidago sane e robuste basta seguire degli opportuni accorgimenti:

  • mantenere una umidità relativa dell’aria al di sotto del 65%;
  • assicurare una buona illuminazione;
  • evitare impianti troppo fitti;
  • evitare di bagnare le foglie durante le irrigazioni.

Per la lotta alle infestazioni fungine e parassitarie basta utilizzare prodotti adatti come: zolfo, piretro  e poltiglia bordolese. I trattamenti vanno fatti scegliendo una giornata soleggiata e non ventosa.

Solidago

Varietà e specie di Solidago

Le varietà di Solidago si differenziano per dimensioni, per epoca della fioritura, per la grandezza e la tonalità dei fiori, che possono variare dal giallo-limone al giallo-dorato.

Solidago Canadensis

La Verga d’oro del Canada è la varietà di Solidago più utilizzata per la produzione di un olio essenziale ricco di sostanze saponine, triterpeniche, flavonoidi, tannini.

Solidago Citronella

Una varietà alta 90 -100 cm. In estate, da luglio a settembre, produce con fiori stellati di colore giallo limone riuniti in grandi racemi decorativi. da luglio a settembre.

Solidago flexicaulis Variegata

Una erbacea perenne alta 80-100 cm con steli ricoperti da grandi foglie verdi variegate di giallo.  Da Agosto a Settembre produce fiori gialli profumati. Cresce bene al al sole o a mezzombra.

Solidago x luteus- Lemore

Solidago x luteus Lemore

Una varietà erbacea perenne con steli eretti alti 45 -75 cm, ricoperti foglie strette di colore verde chiaro. Produce  infiorescenze a pannocchie formate da piccole margherite di colore giallo pallido.

Solidago Little Lemon

Una varietà alta 25-30 cm dal portamento compatto. In estate produce infiorescenze a spighe composte da piccoli fiori di colore giallo limone o giallo tenue.

Solidago Cloth of Gold

Una specie erbacea di dimensioni contenute che in pieno sviluppo vegetativo forma cespugli alti 30-40 cm. Da agosto a settembre produce fiori gialli.

Solidago Crown of Rays

Questa cultivar ibrida conosciuta anche come Strahlenkrone è alta 30-40 cm e ha un fogliame di colore verde scuro. Dall’estate fino all’autunno anche questa varietà produce fiori gialli che attirano molte farfalle.

Solidago Queenie

Una cultivar dal portamento basso e compatto, alta non più di 30 cm. Presenta un fogliame variegato verde dorato  e infiorescenze di colore giallo brillante. E’ una pianta ideale per bordi compatta per la fine dell’estate, teste dense di giallo brillante sopra fogliame giallo dorato.

Solidago riddellii

E’ un’erbacea perenne alta fino a 100 cm. Forma cespugli composti da circa 10 steli. Le foglie sono lanceolate, strette e lunghe fino a 25 cm. Le infiorescenze sono composte da circa  450 piccoli capolini gialli, ciascuno con fiori a 7-9 raggi che circondano fiori a 6-10 dischi.

Solidago rugosa Fireworks

Una cultivar di origine Nordamericana con steli ricadenti lunghi da 70 a 120 cm. In estate produce una ricca fioritura che passa dal verde acido dei boccioli al giallo oro in piena apertura. Si coltiva in terreno fertile e drenato in pieno sole o mezzombra.

Verga d’oro-Usi

Usi

Il Solidago è una pianta erbacea largamente impiegata in giardinaggio per costituire aiuole o per realizzare bordure miste insieme alle altre perenni. Viene utilizzata per dare una nota di ambientazione naturale ai giardini più moderni e formali. Da qualche anno viene commercializzata anche come fiore reciso grazie alle nuove varietà molto produttive e resistenti alle avversità, infatti viene utilizzata come la Mimosa come per adornare i mazzi e composizioni miste.

In cucina le sue foglie commestibili e tenere possono essere consumate come gli spinaci.

Usi in medicina

La Verga d’oro o Solidago virgaurea è una pianta molto utilizzata in medicina, per le sue note proprietà salutari: ha azione diuretica, antisettica e astringente. Il suo decotto è consigliato nei casi di ritenzione idrica, per agevolare l’espulsione dei calcoli renali e anche per curare diarrea e le enteriti.

Nel Medioevo il Solidago veniva utilizzato per curare le ferite da taglio, gli arrossamenti e le infezioni cutanee.

Nel XI sec a.C il medico e filosofo arabo Avicenna ne consigliava l’uso del decotto per curare le afte della bocca. Nel Medioevo veniva utilizzata per curare le ferite da taglio

Questa pianta “dorata” proviene dall’America Settentrionale e viene spesso utilizzata come come fiore, da riempimento, per adornare i mazzi, ravvivandoli con il loro colore giallo intenso. Sono anche ideali per rivestire le aiuole, mischiata con altre piante perenni, o le scarpate, conferendo uno “stile country” agli ambienti che adornano.

Verga-d’oro-Solidago

Curiosità

Il nome del genere Solidago deriva dal latino solidare e significa rinforzare.  L’epiteto specifico  virgaurea che significa ramoscello d’oro, fa riferimento alla vistosa infiorescenza gialla della pianta.

Galleria foto Solidago – Verga d’oro

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta