Come realizzare una siepe senza commettere errori: leggi, vincoli, impianto e cure

Siepe

Oasi verdi intorno alla casa, le siepi difendono la propria privacy da sguardi indiscreti ed abbelliscono i perimetri della casa.

Ma cosa bisogna sapere prima di realizzare una siepe? Vediamo in questa guida l’ubicazione, i vincoli legali, la preparazione del terreno, concimazioni, impianto e cure.

Siepi

Leggi, normative e vincoli legali

Per evitare di incorrere in sanzioni, liti e discussioni interminabili con i propri vicini di confine è necessario attenersi a questi vincoli legali per la piantagione di alberi ed arbusti :

  • Alberi ad alto fusto come pini, pioppi, platani, ecc, devono essere collocati a 3 m dal confine del vicino.
  • Alberi di media altezza a distanza 1.50 m dal confine.
  • Siepi vive ed alte fino a 2,50 metri vanno piantate a distanza di 50 cm dal confine.

Le misure vanno misurate in orizzontale e dalla linea di confine fino al lato del tronco più vicino a questo al momento della piantagione.


Leggi anche: Barbecue: 10 errori da non commettere

Se sul confine esiste un muro divisorio tale distanza non va osservata purchè le piante non superino l’altezza del muro.

Siepe

Ubicazione

Scegliere l’ubicazione della siepe considerando i vincoli visti in precedenza e considerando le le necessità delle piante da impiantare:

  • spazio necessario all’impianto. Bisogna distanziarsi dal perimetro considerando lo spazio necessario per l’impianto corretto.
  • spazio necessario nella crescita. Bisogna considerare lo spazio necessario ad una corretta crescita della pianta.
  • natura del suolo,
  • impianto di irrigazione.

Preparazione del terreno

Le piante o arbusti da siepe di qualunque specie per uno sviluppo adeguato ed una crescita appropriata richiedono un terreno lavorato a fondo, ricco di sostanza organica che in generale viene concimato prima dell’impianto in fase di lavorazione.

Il terreno deve essere preparato almeno una settimana prima, scavando un solco profondo 50 cm e largo 60 cm.

Siepi

Impianto

L’impianto va effettuato o in autunno o nel periodo marzo aprile, preferendo piante giovani e sane.

La distanza d’impianto va fatta considerando lo sviluppo vegetativo delle piante scelte e non meno di mezzo metro l’una dall’altra nel caso in cui si vuole una siepe molto fitta.

Il riempimento del solco deve avvenire in modo compatto e una volta terminato l’impianto bisogna innaffiare abbondantemente.

Concimazioni

Dopo l’impianto, ogni 20 giorni circa, concimare la base delle piante con concime a lento rilascio o con concimi liquidi a base di azoto e potassio.


Potrebbe interessarti: 10 regole per arredare casa come un’oasi naturale

Cure

  • Periodiche scerbature e pulizia costante alla base delle piante.
  • Concimazioni primaverili ai piedi delle piante con concime a lenta cessione ricco di azoto e potassio al fine di favorire i nuovi germogli e l’emissione dei fiori.
  • Pacciamatura del terreno con composta o altro materiale organico durante l’inverno.
  • Potature di contenimento e di formazione.
Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica