Salvia Splendida coltivazione


salvia-splendida

La salvia splendida è una pianta ornamentale adatta per bordure di aiuole, angoli semi-ombrosi del giardino. Coltivata in vaso abbellisce terrazzi e balconi.

salvia splendida


Caratteristiche della Salvia splendens

La salvia splendente, salvia splendens, è una pianta erbacea annuale perenne della famiglia delle Labiate proveniente dall’America meridionale che alle nostre latitudini viene coltivata in giardino come pianta annuale.

La parte ipogea della pianta è formata da un apparato radicale fascicolato con numerose radici secondarie avventizie di colore biancastro. La parte aerea o chioma è un fitto cespuglio alto mediamente circa 40 cm composto da steli eretti di colore verde ricoperti da un ricco fogliame.

Le foglie della salvia splendens hanno la forma ovata, pagina superiore ed inferiore con vistose nervature con margini dentellati. La pagina superiore è di colore verde intenso mentre quella inferiore è di colore verde-argenteo. Sugli apici degli steli sbocciano numerosi fiori.

salvia-splendente-fiore

I fiori, portati sugli apici degli steli,  sono infiorescenze a spighe formate da brattee il cui colore va dal bianco all’avorio, dal rosa al viola carico fino al rosso rubino e in alcune specie i petali sono anche variegati.

salvia-splendente

All’interno dei fiori maturano dei piccoli semi di colore nero che germinano nella primavera successiva.

salvia splendida

Fioritura della Salvia

La salvia splendens fiorisce da maggio a settembre, ma nei climi temperati fiorisce anche nel periodo invernale se protetta dal freddo.

salvia-splendente

Coltivazione della Salvia splendente

Esposizione

La salvia splendens ama i luoghi soleggiati o semiombrosi. Teme il freddo e le temperature estive troppo alte. nelle regioni con estati afose e calde vanno coltivate all’ombra di siepi o alberi ad alto fusto per evitare scottature fogliari protette nelle ore più calde del giorno.

Terreno

E’ una è pianta che anche se si adatta al comune terreno da giardino, predilige i terreni umidi, ricchi di sostanza organica e ben drenati. Il suolo troppo compatto provoca il marciume delle radici che si estende via via al colletto e a tutta la pianta che rammollisce e muore anche nel giro di un giorno.

Annaffiature

La salvia splendente coltivata a dimora nei primi mesi primaverili si accontenta delle piogge ma se il clima è siccitoso necessita di regolari  irrigazioni. Un estate va annaffiata frequentemente. Le piante di salvia splendens coltivate in vaso vanno annaffiate con maggiore frequenza, in estate tutti i giorni.

Concime

Concimazione

Per produrre fiori a profusione la salvia splendente va concimata ogni 15 -20 giorni con somministrazioni di un fertilizzante specifico per piante da fiore in forma liquida opportunamente diluito nell’acqua delle annaffiature oppure ogni 40 giorni con un concime granulare a lento rilascio distribuito sulla superficie del terreno a circa 5 cm dal colletto.

Come coltivare la Salvia splendente in vaso

E’ una pianta molto facile da coltivare in vaso adatta ad abbellire balconi e terrazze.

Per ottenere splendide fioriture il vaso deve avere un diametro di almeno venti centimetri se si tratta di una fioriera rettangolare  la larghezza non deve essere inferiore ai 15 cm e la lunghezza almeno di 60 cm per poter accogliere 3 piantine.

Il vaso va riempito con terriccio misto a sostanza organica, sabbia o altro materiale drenante.

Poichè ama il terreno umido va annaffiata con frequenza soprattutto se il vaso è piccolo e il clima eccessivamente caldo e secco.

Per favorire la crescita e la produzione dei fiori ogni 15-20 giorni sono utili somministrazioni di un concime ternario (N, K, P) sciolto nell’acqua delle annaffiature.

Rinvaso

La salvia splendente non si rinvasa in quanto è una pianta annuale. Si rinvasano sole le piantine acquistate presso i vivai per eliminare l’effetto vaso che hanno assunto le radici.

salvia-splendente

Moltiplicazione della Salvia splendida

La salvia splendens si riproduce per seme, autosemina e mediante talea apicale in autunno.

semina-semenzaio

Semina della Salvia ornamentale

semi-salvia-raccolta

La raccolta dei semi avviene a settembre, mentre la semina della salvia splendens si effettua nel periodo febbraio – marzo in semenzaio in terriccio soffice e ricco di sostanza organica.

salvia-splendens

Moltiplicazione per talea

In autunno, a fine fioritura si prelevano con cesoie ben affilate e disinfettate, si prelevano gli apici degli steli e si interrano in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali. Il contenitore con le talee di salvia splendens si mette in un luogo, luminoso e protetto dal freddo fino alla primavera successiva. A radicazione avvenuta le nuove piantine potranno essere messe a dimora definitiva.

Impianto o trapianto della Salvia splendens – Salvia ornamentale

L’impianto delle piante di Salvia splendente in piena terra va fatto nel mese di aprile quando è scongiurato il periodo delle gelate notturne. Le piantine molto piccole soffrono le forti escursioni termiche.

Per bordure molto fitte e decorative le piante vanno piantumate in buche distanti tra loro circa 20 cm sulle file e tra le file.

Abbinamenti

La Salvia è bellissima in abbinamento con il Geranio selvatico (Geranium molle) , l’Achillea, l’Astranzia (Astrantia major), l’Echinacea purpurea, la Campanula, la Lavanda, l’Ortensia e alcune piante verdi come il Bosso.

salvia-splendens

Potatura e cimatura della Salvia splendente

La salvia splendente no va potata ma solo cimata per favorire l’emissione di nuovi getti fioriferi. Con le mani, di volta in volta, si cimano gli apici degli steli appassiti e si eliminano foglie eventualmente ingiallite per evitare che marcendo possano diventare veicolo di malattie fungine.

oidio-mal bianco

Parassiti e malattie della Salvia splendida

La salvia splendida teme gli afidi, la cocciniglia ed in particolare il ragnetto rosso un piccolo acaro che tesse delle piccole ragnatele tra gli steli. Le foglie, soprattutto quelle più tenere sono invece un forte richiamo per le lumache e le limacce. Tra le malattie fungine o crittogame è sensibile al marciume delle radici causato dai ristagni idrici a al mal bianco o oidio che si manifesta con depositi polverosi biancastri a carico delle foglie.

Cure e trattamenti

Eliminazione delle brattee appassite e cimatura apicale di tanto in tanto favorire l’emissione di getti laterali. Pulizia periodica delle erbe infestanti che crescono ai loro piedi. Per prevenire il marciume delle radici bisogna assicurare alle piante un perfetto drenaggio del terreno di coltivazione e svuotare il sottovaso dell’acqua di sgrondo delle annaffiature.

I trattamenti antiparassitari si effettuano prima della fioritura  utilizzando prodotti biologici che rispettano l’ambiente e gli insetti impollinatori, Per tenere lontano le lumache si consiglia di spargere ai piedi delle piante un po’ di cenere di camino o utilizzare delle lattine di birra o trappole ecologiche. per prevenire l’oidio sono utili irrorazioni fogliari a base di zolfo.

salvia-splendens-fiore

Linguaggio dei fiori

Nel linguaggio dei fiori la salvia splendens simboleggia la stima e la fiducia.

Curiosità

Il nome della pianta di salvia  deriva dal latino salvus o salus che significa salute.

Galleria foto Salvia splendens

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta