Quisqualis indica coltivazione


Quisqualis-indica

La Quisqualis indica o Combretum indicum è una pianta rampicante apprezzata per o suoi fiori molto decorativi che con il passare delle settimane cambiano colore passando dal bianco al rosa, al rosso e al viola.

combtretum-indicum-quisqualis-indica


Caratteristiche Quisqualis indica

La Quisqualis indica o Combretum indicum, chiamata comunemente anche Lonicera Cinese o Rangoon Creeper, è una pianta esotica appartenente alla famiglia delle Combretaceae originaria dell’Asia, diffusa nella fascia tropicale di America, Africa e Australia.

Si tratta di una pianta rampicante sempreverde formata da numerosi tralci cilindrici, lunghi anche più di 5 metri.

quisqualis-indica-foglie

I fusti, per tutta la loro lunghezza, sono ricoperti da un fitto fogliame composto da foglie verdi e lanceolate che ricordano quelle del glicine.

quisqualis-indica-combretum

fiori, gradevolmente profumati, con corolla composta da cinque petali, formano grandi infiorescenze a racemo che sbocciano nelle intersezioni ascellari e terminali dei rami.

I fiori, come avviene per la Brunfelsia hanno un comportamento molto particolare: con il passare delle settimane cambiano colore passando dal bianco, al rosa e al rosso.

quisqualis-indica-foglie-fiori

Fioritura

Il Combretum indicum o Quisqualis indica fiorisce da giugno a ottobre.

quisqualis-fiori

Coltivazione Quisqualis indica – Combretum indicum

Esposizione

Nelle zone caratterizzate da climi miti la Quisqualis può essere coltivata in piena terra in luoghi semi- ombreggiati o a ridosso di muri, in caso contrario va allevata in vaso e riparata durante l’inverno in quanto teme il freddo e le gelate. In entrambi i casi la pianta non tollera i raggi del sole soprattutto se filtrati.

Terreno

Predilige terreni umidi e ricchi di sostanza organica. Il substrato ottimale è un miscuglio composto da comune terreno da giardino, torba, pomice e sabbia o altro materiale che favorisce lo sgrondo dell’acqua delle annaffiature.

Annaffiature

La Quisqualis indica coltivata in piena terra si accontenta delle piogge ma va annaffiata  regolarmente durante i periodi di prolungata siccità e soprattutto in estate. La pianta allevata in vaso invece, necessita di regolari apporti idrici, ogni 7 – 15 giorni, a seconda della temperatura interna dell’ambiente.

Concime-granulare

Concimazione

Per rinnovare la massa vegetale e per produrre abbondanti fioriture, ogni 15  – 20 giorni, somministrare un concime liquido specifico per piante da fiore opportunamente diluito nell’acqua delle annaffiature. In alternativa, ogni 3 mesi, si può somministrare ai piedi della pianta un fertilizzante granulare a lento rilascio ricco in azoto (N) e potassio (K). Le concimazioni sono necessarie per mantenere di colore verde lussureggiante il suo fogliame che altrimenti scolorisce fino ad ingiallire.

Quisqualis: coltivazione in vaso

Il Combretum indicum è pianta facile da coltivare anche in vaso purchè abbia le dimensioni adeguate alle esigenze della radice e della chioma.

Il vaso destinato ad accoglierla deve essere profondo e largo in modo da evitare continui trasferimenti.

Si utilizza un terriccio ricco di sostanza organica mescolato con una parte di sabbia o altro materiale drenante.Le annaffiature vanno praticate con maggiore frequenza rispetto alla pianta coltivata a dimora evitando però gli eccessi idrici e facendo attenzione a non bagnare le foglie.

Per quanto riguarda le concimazioni si somministra un concime organico in forma granulare a lento rilascio o in forma liquida diluito nell’acqua delle irrigazioni. Anche la pianta coltivata in vaso necessita di un sostegno come grate o tutori.

quisqualis-indica-foglie-fiori

Moltiplicazione Quisqualis indica

La pianta, nei luoghi di origine, si propaga per seme.

Alle nostre latitudini può essere moltiplicata ma con scarso successo, sempre in primavera, mediante talee apicali di rametti che vanno interrati, previo trattamento con polvere rizogena o ormone radicante, in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali mantenuto costantemente umido fino alla comparsa di nuovi germogli. A radicazione avvenuta le nuove piantine vanno trasferite in vasi singoli aventi un diametro di 8-10 cm ed allevate in essi fino al momento della messa a dimora definitiva.

quisqualis-indica-potatura

Potatura Quisqualis indica

In primavera, quando la pianta ha emesso i nuovi germogli, con l’aiuto di cesoie ben affilate e disinfettate alla fiamma si potare drasticamente i fusti secchi o danneggiati per favorire lo sviluppo dei nuovi germogli floreali.

qusiqualis-fiori-rossi

Rinvaso del Combretum  indicum

La Quisqualis è una pianta che cresce velocemente (circa 10 cm al giorno) e, pertanto, va rinvasata ogni anno utilizzando, man mano, un contenitore più grande del precedente per assicurare lo spazio necessario allo sviluppo della radice e alla crescita della chioma. La pianta va trasferita nel nuovo vaso con tutto il pane di terra e i vuoti vanno colmati con l’aggiunta di nuovo terriccio fresco, fertile e ben drenato.

Quando il rinvaso risulta difficile per le dimensioni del vaso definitivo sarà sufficiente asportare uno strato di terreno di circa 5 centimetri e rimpiazzarlo con uno nuovo, fresco e ricco.

afidi-neri

Parassiti e malattie Quisqualis indica

La Quisqualis indica è sensibile ad alcune malattie fungine o crittogame; è soggetta al marciume delle radici causato dai ristagni idrici e dal terreno scarsamente drenante e soffre l’oidio o mal bianco se l’ambiente di coltivazione è eccessivamente umido o piovoso.

Tra i parassiti animali la pianta è soggetta all’attacco degli afidi e della cocciniglia minuscoli animaletti che di solito formano dense colonie sugli steli, tra le ascelle fogliari e in fiori in boccio.

quisqualis-indica-cure

Cure e trattamenti

All’inizio della primavera, per evitare infestazioni parassitarie, trattare la Quisqualis indica con un fungicida sistemico a largo spettro o con un antiparassitario biologico specifico come l’antiparassitario all’aglio, l’antiparassitario all’ortica o al piretro. I trattamenti vanno effettuati al mattino presto o dopo il tramonto del sole in una giornata soleggiata. Inoltre per prevenire  il marciume radicale si consiglia di svuotare sempre il sottovaso. La Quisqualis, nei primi anni del suo sviluppo, va sorretta da appositi tutori.

uisqualis-indica-infiorescenza

Usi

La Quisqualis Indica alle nostre latitudini viene utilizzata esclusivamente come pianta ornamentale nei parchi pubblici, nei giardini privati, in vaso su balconi e terrazzi  per la bellezza del suo portamento e per i colori intensi delle sue foglie e dei suoi fiori.

Nei luoghi di origine i semi e le radici del Combretum indicum vengono impiegati nella medicina popolare per la preparazione decotti antielmintici, ovvero per espellere i vermi intestinali e per combattere la diarrea.

Linguaggio dei fiori

Nel linguaggio dei fiori la Quisqualis  simboleggia l’ambiguità e la doppiezza i riferimento alla diversa colorazione che assumono i suoi fiori nel tempo.

Curiosità

La pianta fu descritta e studiata per la prima volta dal chirurgo scozzese dr John Ivor Murray.

Il Combretum indicum è noto anche come il caprifoglio cinese o rampicante di Rangoon-

Galleria foto Quisqualis indica

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto