Piante medicinali


Come realizzare un giardino con le migliori piante officinali o medicinali e poterle poi utilizzare come rimedi naturali per contrastare raffreddori, sintomi influenzali, combattere infezioni batteriche o virali o altri disturbi di varia natura.

Ecco una lista di piante medicinali facili da coltivare nel proprio giardino o in vaso in pieno sole, a mezz’ombra o anche all’ombra di alberi ad alto fusto. Alcune sono ornamentali e altre spontanee ma tutte ricche di principi attivi che fanno bene alla nostra salute e che rafforzano le difese organiche.


Piante per il giardino medicinale

Potete acquistarle già cresciute e trapiantarle a dimora definitiva oppure partire dalla semina in semenzaio protetto o in piena terra nel caso in cui la temperatura del luogo è adatta alla germinazione dei semi ed è del tutto scongiurato il rischio di tardive gelate notturne.

Echinacea-fiori


Echinacea

Si tratta di una pianta che possiede proprietà antibatteriche, antivirali e utilissima come rimedio erboristico per la prevenzione delle malattie respiratorie, per rafforzare le difese immunitarie.  Combinata con l’uva ursina è un ottimo rimedio per le infezioni urinarie. E’ una pianta ornamentale perenne molto decorativa facile da coltivare anche in vaso su balconi e terrazze delle zone caratterizzate da un clima temperato. Pur prediligendo l’esposizione in pieno si adatta anche l’ombra. Tutte le parti di questa pianta sono utilizzate a scopo terapeutico: fiori, foglie e radici.

I fiori, raccolti alla fine dell’estate, e le radici raccolte invece in autunno, dopo l’essiccamento, in un luogo riparato dall’umidità e ben ventilato, vanno ridotti a pezzi grossolani e conservati in barattoli o sacchetti di carta in un luogo asciutto e buio per poi poterli utilizzare sotto forma di infusi e decotti utili contro le malattie da raffreddamento e la cura della influenza, per depurare l’organismo dalle tossine accumulate e per uso esterno come impacchi o massaggi efficaci per tonificare, contrastare le smagliature, le rughe o per favorire la cicatrizzazione di piccole ferite e la cura di infezioni della pelle.


Leggi anche: Allergia al polline – rimedi naturali

Il decotto di echinacea è utilizzato in particolare per la tosse, il raffreddore, il mal di gola e l’influenza. Si prepara facendo bollire per 5 minuti in 200 ml di acqua fredda 1 cucchiaio di radice essiccata. Si spegne il fuoco e si lascia in infusione per altri 10 minuti poi si filtra e se ne consumano massimo 2 tazze al giorno per 15 giorni.

Per l’assunzione di preparati di questa pianta è consigliabile sempre consultare il parere del proprio medico di base.

Scheda di coltivazione: Echinacea.

Proprietà benefiche dell’Echinacea.

Artemisia-coltivazione

Artemisia

L’artemisia annua considerata anche un’erba infestante è una pianta aromatica che cresce spontanea ovunque dai bordi delle strade ai sentieri collinari. Si coltiva anche in vaso e necessita di poche cure.È una pianta di facile coltivazione anche in vaso. Ha bisogno di terreni ben drenati e leggermente alcalini ma poveri in posizioni soleggiate.

Questa pianta ha proprietà medicamentose:

  • antibatterica, blocca la proliferazione dei batteri;
  • antisettica, impedisce o rallenta lo sviluppo dei microbi;
  • carminativa, aiuta ad eliminare i gas intestinali;
  • digestiva, stimola la digestione lenta;
  • febbrifuga o antipiretica, abbassa la temperatura corporea;
  • chemioterapica, i suoi principi attivi sarebbero utili nel distruggere le cellule del cancro ai polmoni.

In erboristeria viene consigliata sotto forma di tintura, estratta dalle foglie superiori fresche e dai fiori giovani.

La droga essiccata invece, è utilizzata principalmente per ottenere infusi dal potere antiossidante.

L’olio essenziale ricavato dalle foglie di artemisia, come altre dello stesso genere, può fornire un olio essenziale ricavato dalle foglie e utilizzato come l’assenzio per aromatizzare diverse bevande anche alcoliche.

Scheda di coltivazione: Artemisia.

Astragalo

Astragalo

Chiamato anche erba dell’immortalità è una pianta perenne, molto utilizzata nella medicina tradizionale cinese e in Ayurvedica. E’ una pianta a crescita lenta che per poter fiorire e fa ingrossare le radici richiede almeno 2.3 anni. Va seminato in zone soleggiate.

La radice dell’Astragalo  rafforza il sistema immunitario, stimolando la produzione degli anticorpi, e dei globuli bianchi. E’ utilissima anche nei casi di anemia.

In cucina si può usare per arricchire minestre e zuppe.

salvia

Salvia officinalis

Un’altra erba che giova alla nostra salute è per eccellenza la salvia, una pianta efficace per combattere qualsiasi malanno.

La salvia è una pianta perenne facile da coltivare tutto l’arco dell’anno, in vaso, in giardino e nell’orto in luoghi soleggiati o a mezz’ombra abbinata anche con altre piante aromatiche che hanno le stesse esigenze colturali. Necessita di un terreno ben drenato per evitare il marciume delle radici. Si utilizzano, fresche o essiccate, sia le foglie raccolte prima della fioritura che avviene tra maggio e giugno, sia le sommità fiorite.

Per la conservazione le parti recise vanno fatte essiccare all’ombra in un luogo riparato dall’umidità e ben ventilato e poi chiuse in barattoli a chiusura ermetica.

Scheda di coltivazione: Salvia officinalis.

Proprietà della Salvia.

Tarassaco-usi

Tarassaco

Il tarassaco o dente di Leone o il soffione tanto amato dai bambini  possiede tante proprietà benefiche  da essere considerato la pianta che cura tutti i mali. Cresce spontaneamente un po’ ovunque e si può coltivarlo anche in vaso. Vegeta quasi tutto l’arco dell’anno e le sue foglioline più tenere da sapore leggermente amarognolo sono buone crude nell’insalata mista o saltate in padella come gli asparagi o i broccoli.

Le radici, raccolte soprattutto durante l’estate, tra giugno e settembre, si lavano accuratamente; si tagliano a pezzi; si asciugano con un canovaccio pulito e  poi si mettono ad essiccare in un luogo asciutto e ben ventilato. Quando le radici saranno si conservano in un barattolo chiuso.

Le proprietà del tarassaco sono dovute a sostanze purificanti, antinfiammatorie e disintossicanti soprattutto nei confronti del fegato. Tisana o decotto di tarassaco.

Scheda di coltivazione: Tarassaco.

Proprietà del tarassaco.

Acmella oleracea- Spilanthes

Acmella oleracea

Una pianta tappezzante originaria del Brasile, adatta anche alla coltivazione in vaso con foglie coriacee dal sapore leggermente piccante. Ama il caldo e teme il gelo.

In fitoterapia la pianta di Acmella viene utilizzata per le sue proprietà analgesiche contro il mal di denti. Le foglie masticate lentamente inducono una sorte di una benefica sensazione anestetica e il mal di denti si placa.

In erboristeria, la tintura estratta da foglie e fiori giovani viene consigliata per le sue proprietà antivirali e antibatteriche, utilissime ed efficacissime per rafforzare il sistema immunitario che vengono ulteriormente potenziate se combinate anche con quelle di altre piante similari come ad esempio l’echinacea.

Bacche di alloro

Alloro

Una pianta diffusa in tutte le zone caratterizzate da un clima temperato, diffusa soprattutto in Asia,   Europa e in Italia. E’ una pianta che può essere allevata ad arbusto o ad albero, perfetta come siepe di recinzione e facile da coltivare anche invasi larghi e profondi. Tutte le parti di questa pianta sono aromatiche anche i rami ma in particolare le foglie ellittiche ed oblunghe che possono essere raccolte tutto l’arco dell’anno. I suoi frutti, bacche nere tondeggianti commestibili che vengono raccolte in autunno, tra ottobre e novembre.

Le foglie da conservare secche in barattoli chiusi ermeticamente, si raccolgono in estate senza picciolo e poi rinnovate anno per anno.

Le foglie dell’alloro, sia fresche che secche, vengono impiegate in cucina per insaporire pietanze. Le bacche sono usate per preparare un ottimo liquore digestivo.

Tra le tante proprietà del Laurus nobilis non dobbiamo dimenticare quelle che aiutano ad evitare i fastidiosi effetti di gas gastrointestinali che insorgono quando si consumano legumi come i fagioli.  L’olio ricavato dalle drupe dell’alloro, è un valido coadiuvante nella cura dei dolori articolari e le foglie semplicemente masticate sono un ottimo rimedio per lenire i dolori mestruali.

Infine con le foglie di alloro si preparano anche deodoranti naturali per eliminare i cattivi odori(frittura) dalla casa e che con rami frondosi ben intrecciati si realizzano corone di alloro per adornare le teste dei neolaureati.

Scheda di coltivazione: Alloro.

Alloro proprietà.

lavanda

Lavanda

E’ una pianta ornamentale coltivata in molti paesi per la sua essenza floreale, utilizzata anche in casa per profumare la biancheria, come antisettico e insetticida. Si coltiva anche in vaso su balconi e terrazze che vengono gradevolmente profumate durante il periodo della fioritura.

La raccolta delle spighe o infiorescenze va fatto tra giugno-luglio e preferibilmente nelle prime ore della giornata. Riunite in mazzetti legati con spago, vanno fatte essiccare appese a testa in giù in un luogo ombreggiato e molto areato per preservarne tutte le proprietà.

Scheda di coltivazione: Lavanda.

Melissa-vaso

Melissa

La melissa, Melissa officinalis,  è una pianta erbacea perenne della famiglia delle Labiatae, che ha un’elevata capacità di autoseminarsi assicurando ogni anno tante nuove piante.  Si presenta con foglie simili a quelle dell’ortica ma con un gradevole aroma di limone e ricche di oli essenziali e di principi attivi utili nella cura di molti disturbi. E’ una pianta con proprietà antispasmodiche, antinfiammatorie, carminative, digestive, antinevralgiche.

Il consumo di Melissa viene anche  per calmare gli stati d’ansia, stress, nervosismo, insonnia, mal di testa, nausea, flatulenza crampi addominali e colite.

La tisana di foglie fresche di melissa, ricca di acidi polifenolici e polisaccaridi ha una potente attività antivirale, efficace anche contro Herpes simplex.

Preparare la tisana di melissa è molto semplice, ecco come fare.

  • 1 cucchiaio raso foglie di melissa,
  • 1 tazza d’acqua.

Portate ad ebollizione l’acqua; versatevi le foglie e spegnete il fuoco.

Coprite e lasciate in infusione per 10 min.

Filtrate l’infuso e bevetelo al momento del bisogno in caso di crampi addominali, colite spastica, nervosismo e nevralgie o dopo i pasti come digestivo e la sera prima di andare a letto per favorire il sonno. Potete anche dolcificare con il miele.

Scheda di coltivazione: Melissa.

Melissa proprietà e controindicazioni.

Curcuma-coltivazione

Curcuma

Conosciuta anche come zafferano delle Indie, è una pianta medicinale coltivata anche come ornamentale.Alla sua radice carnosa e robusta sono state riconosciute proprietà antiossidanti, antimicrobiche, antibatteriche, analgesiche, cicatrizzanti, epatoprotettive, cardioprotettitve. È un rafforzante delle le difese immunitarie, migliora la digestione e allevia anche problemi respiratori.

Si coltiva in vaso e in piena terra. A scopo terapeutico si utilizza la radice perchè ricca di curcumina, la sostanza gialla che viene usata come spezia in cucina e come base per la preparazione del curry.

La raccolta delle radici di Curcuma si fa in inverno estrapolando dal terreno solo quelle più sviluppate, le più piccole invece vanno rimesse nel terreno per potere ottenere nuove nella stagione successiva e quindi altre radici.

Curcuma-radice

Le radici estirpate vanno pulite dal terreno con uno spazzolino e lavate poi sotto il getto della fontana e asciugate ben bene. Si possono consumare fresche e in questo caso vanno conservate in frigorifero per non più di 1 mese altrimenti si procede all’essiccamento mettendole in un luogo asciutto e ventilato per circa un mese.

Quando saranno ben secche e asciutte, si frullano per ridurle in polvere. La polvere ottenuta, si mette in barattoli di vetro e conservata in dispensa al riparo dell’umidità e lontano  lda luce e fonti di calore.

Curcuma-conservazione

Scheda di coltivazione: Curcuma.
Curcuma proprietà.

Timo

Timo

Una pianta aromatica officinale digestiva, balsamica, espettorante, emolliente vie respiratorie e antisettica che viene coltivata anche per aromatizzare pietanze.

La tisana di timo è un toccasana per la cura dell’influenza e calmare la tosse spasmodica.

Tisana al Timo.
I gargarismi sono efficaci contro i mal di gola quasi sempre causati da virus.

Scheda di coltivazione: Timo.

Timo proprietà e usi.

Galleria foto piante medicinali

LauraB

Commenti: Vedi tutto