Piante bulbose che fioriscono in autunno


Quali sono le piante da bulbo che fioriscono in autunno ed inizio inverno e quando impiantare i bulbi per avere i fiori nei mesi di settembre, ottobre, novembre e dicembre? Quando concimare le bulbose autunnali e quali fertilizzanti somministrare?  Quando estrarre i bulbi dal terreno e come conservarli? Quali sono i bulbi velenosi o tossici per ingestione per l’uomo, i cani e i gatti? Lista delle più belle piante da fiore autunnali e cose da sapere.

croco

Sembrerà strano, ma in autunno molte piante possono offrire una bella e colorita fioritura autunnale, in particolare la tipologia delle bulbose.

Infatti le bulbose a fioritura autunnale sono piante che vedono sbocciare i fiori nei mesi di settembre, ottobre e novembre, consentendo così di rallegrare con macchie di colore le aiuole del giardino, i vasi e ciotole sul terrazzo, balconi e l’interno delle case.

L’autunno si sa infonde tristezza e malumore con le sue giornate corte e per lo più piovose. Niente di più bello e rilassante che dedicarsi alla coltivazione e alle cure delle bulbose che fioriscono in questa stagione che segue la più pittoresca estate!

Amaryllis


Coltivazione delle bulbose che fioriscono in autunno

Vediamo una lista delle principiali piante da fiore autunnale:

crochi

Una menzione di rilievo è sicuramente da attribuire alla Sternbergia conosciuta comunemente come zafferano selvatico o zafferanastro, è una piccola bulbosa perenne di facile coltivazione in vaso e in piena terra.


Sternbergia-fiore

al Croco un fiore simile allo zafferano, ma appartenente a tutt’altra famiglia di piante, che con fiori di colore giallo riesce a ravvivare i prati erbosi, o ancora la profumatissima e coloratissima lavanda.

Lavanda

Fioriscono, fino all’inverno inoltrato, la rosa di Natale o Elleboro

Elleboro pianta invernale

l’Amaryllis belladonna comunemente chiamato Amarillide, una grande bulbosa con foglie nastriformi di colore verde, steli rossicci e fiori profumati colorati di bianco, rosso o rosa-pallido;

Amaryllis belladonna

il Colchico autunnale che mette i fiori in autunno e le foglie in primavera;

lycoris-squamigera

le Lycoris, bulbose appartenenti alla famiglia delle Amarillidaceae con bulbi allungati che producono grandi e spettacolari infiorescenze di colore rosso amaranto;

nerine

le Nerine, piante esotiche che fioriscono fino a novembre inoltrato. I fiori, raccolti in ombrelle, formano una nuvola rosa tendente al rosso;

Ciclamino

il Ciclamino, una pianta spontanea con foglie di colore verde scuro con un decoro argentato che fiorisce per tutto il periodo autunnale.

Crocosmia coltivazione

la crocosmia;

Lilium-fiore-foglie

le varie specie di lilium;

Agapanto-fiore

l’agapanto nelle colorazioni del bianco puro e del blu scuro.

bulbi

Quando e come impiantare le bulbose estive?

I bulbi estivi sono così chiamati perchè si mettono a dimora in estate per farli fiorire in autunno.

  1. Tutti i bulbi si mettono a dimora in buche larghe e profonde il doppio del loro diametro sempre con l’apice rivolto verso l’alto.
  2. Dopo la messa a dimora per almeno una settimana il substrato di coltivazione va mantenuto leggermente umido per favorire l’attecchimento delle radici.
  3. Il terreno destinato ad accogliere i bulbi deve essere ben lavorato, soffice e ben drenato per evitare i ristagni idrici.
  4. Gli eccessi idrici portano al marciume dei bulbi e quindi alla morte delle piante.
  5. Se i bulbi vengono piantumati nelle aiuole del giardino si consiglia di liberarli periodicamente dalle erbe infestanti che come è noto impoveriscono il terreno dei nutrienti indispensabili alla crescita delle piante ornamentali e non.

Bulbi-impianto

Concimazione delle piante bulbose che fioriscono in autunno e inizio inverno

Le piante a fioritura che va dall’autunno al primo inverno, coltivate in vaso o direttamente in piena terra, come le bulbose primaverili e quelle estive, necessitano di corrette concimazioni per poter fiorire.

Tutte le piante ornamentali coltivate come annuali, biennali o perenni, bulbose hanno bisogno di diversi elementi nutritivi che vanno aggiunti al substrato almeno ogni 15 giorni in base al tipo di pianta ed all’epoca di fioritura.

  1. Generalmente si concima il terreno alcuni giorni prima dell’impianto dei bulbi somministrando un prodotto ricco in azoto (N) importante per la massa vegetale.
  2. Successivamente a metà della fioritura, si arricchisce il terreno aggiungendo una piccola dose di un concime ricco di fosforo e potassio.
  3. La concimazione va fatta ad intervalli di tempo regolari, utilizzando sempre  piccole quantità di concime.
  4. Nel corso della stagione autunnale, si può  distribuire sul terreno anche un concime complesso o dello stallatico pellettato.
  5. Nel corso della stagione invernale le concimazioni vanno sospese del tutto in quanto i bulbi entrano in nella fase della dormienza.

Tra le bulbose a fioritura invernale quella più esigente in fatto di concimazioni è il ciclamino una pianta che in condizioni ottimali regala splendide fioriture per tutto il periodo invernale fino ai primi tepori primaverili.

Il ciclamino durante il periodo di crescita e sviluppo necessita di un concime con un titolo leggermente più alto di azoto (N) mentre durante il periodo della fioritura richiede un fertilizzante con un più alto titolo di potassio (K).

Concime-pellettato

Quali concimi utilizzare per le piante da fiore bulbose

In commercio esistono diversi tipi di concime, liquido, granulare a lento rilascio, stallatico pellettato, che richiedono  diverse metodologie di somministrazione. I fertilizzanti liquidi vanno mescolati all’acqua delle irrigazioni secondo le dosi consigliate sulla confezioni di acquisto.

Per non danneggiare i bulbi, acqua e concime devono essere somministrati nel sottovaso che va svuotato dopo circa 15 minuti tempo richiesto per l’assorbimento.

Il concime granulare invece, può essere mescolato direttamente nel terreno o distribuito intorno alla pianta a pochi centimetri dal colletto.

bulbi

Quando estrarre i bulbi dal terreno e come conservarli

I bulbi a fioritura autunnale come tutti gli altri possono essere lasciati a dimora per anni oppure sradicati dal terreno.

Nel caso di sradicamento dei bulbi, bisogna:

  1. recidere gli steli ed aspettare l’ingiallimento delle foglie;
  2. le foglie prima dell’essiccamento continuano ad assicurare i nutrienti indispensabili per l’accrescimento grazie al processo della fotosintesi clorofilliana;
  3. solo a completo ingiallimento vanno eliminate e a questo punto i bulbi potranno essere tolti dal terreno;
  4. Dopo lo sradicamento i bulbi vanno lasciati asciugare all’aria per qualche giorno;
  5. Successivamente si elimina la terra, si mettono in cassette di legno o sacchetti di carta e si conservano in un locale secco e buio fino al momento dell’impianto.

Pacciamatura-di-paglia

Consiglio per conservare in maniera ottimale i bulbi

Per una migliore conservazione dei bulbi sradicati si consiglia di cospargerli di fungicida. Se invece vengono lasciati a dimora è bene riparli dal gelo dell’inverno con una leggera pacciamatura di paglia e di foglie secche.

gatti-piccoli

Bulbi velenosi per l’uomo e gli animali domestici

Alcune piante bulbosa che fioriscono autunno-inverno sono velenose per l’uomo ed alcune sono elencate nella lista delle piante velenose per cani e gatti come il colchico e il ciclamino.

Il bulbo di colchico, per la presenza della colchicina, un alcaloide altamente tossico se accidentalmente ingerito provoca bruciori alla bocca, nausee, coliche, diarrea sanguinolenta, delirio e persino la morte. Anche ingerire i fiori di queste piante può causare irritazioni cutanee e quindi vanno maneggiati proteggendo le mani con guanti da giardinaggio. Questi bulbi vanno impiantati in luoghi non a frequentati da bambini.

I bulbi di ciclamino per la presenza sono di ciclamina e saponine sono invece tossici per i cani e i gatti. Se ingeriti dai nostri animali domestici i sintomi di avvelenamento si manifestano con diarrea, nausea, vomito, e gravi problemi gastro-intestinali che, in alcuni casi, possono portare addirittura alla morte. Anche i fiori del ciclamino, anche se in minor misura, sono tossici per cani e gatti soprattutto se cuccioli.

Piante esotiche e che fioriscono in autunno

Oltre alle bulbose, la natura ci offre tante tipologie di piante che fioriscono nel mesi che vanno dall’autunno al primo inverno e spesso anche all’inverno inoltrato:

Galleria foto bulbose

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta