Pianta dei pesciolini coltivazione

Laura Bennet
  • Autore - Laurea in scienze biologiche

Nematanthus-Pianta pesciolini rossi

La pianta dei Pesciolini rossi è una pianta ornamentale sempreverde facile da coltivare e apprezzata per i suoi fiori caratteristici simili , come dice il nome, a  tanti pesciolini rossi.

Pianta-pesciolini-rossi

Caratteristiche Nematanthus gregarius –  Pianta dei Pesciolini rossi

La pianta dei Pesciolini rossi, Nematanthus gregarius, è pianta succulenta perenne della famiglia delle Gesneriaceae, originaria dell’America centrale e del Brasile coltivata alle nostre latitudini come pianta d’appartamento.

Il genere comprende una dozzina di specie suffruticose delicate composte da un radice fascicolata che dà origine a numerosi fusti cilindrici, carnosi, eretti o decombenti, ricoperti da numerose foglie molto decorative che, a seconda varietà, sono ellittiche, obovate, acute, lisce o pelose, spesso con la pagina inferiore violacea.

La specie più coltivata in Italia è la Nematanthus gregarius conosciuta con il nome comune Pianta dei pesciolini rossi.

Si tratta di una pianta perenne che in pieno sviluppo vegetativo presenta numerosi fusti ricadenti, lunghi circa 50 cm. Questa specie è adatta ad essere allevata nei panieri pensili.

Nematanthus-gregarius-foglie

Le foglie sono ellittiche-ovate, carnose, coriacee e lucide. La pagina superiore è di colore verde brillante mentre quella inferiore è opaca e di colore verde chiaro. Tutte le parti della pianta dei pesciolini rossi sono ricoperte da una cortissima e rada peluri bianca.

Nematanthus-fiore

I fiori di colore rosso-arancio con forma sono tubolari e rigonfi alla base compaiono tra le intersezioni delle ascelle delle foglie. I fiori della pianta dei Pesciolini rossi sono gradevolmente profumati.

Nematanthus-fioritura

Fioritura Nematanthus: inizia a fiorire dalla primavera inoltrata fino alla fine dell’estate. Per ottenere un’abbondante fioritura la pianta durante i mesi invernali, tra dicembre e febbraio in un luogo luminoso con temperatura intorno ai 10- 15° C.

Nematanthus-coltivazione

Coltivazione Pianta dei pesciolini rossi

Esposizione: ama le esposizioni luminose e ben areate. In estate, la pianta può essere portata all’aperto ma per evitare le scottature delle foglie è bene collocarla al riparo dei raggi diretti del sole. Trattandosi di una pianta tropicale, è resistente alle alte temperature e al contrario non sopporta quelle inferiori a 12-14°C.

Terreno: la Nematanthus gregarius predilige un terreno soffice, leggero e ben drenato. Il substrato di coltivazione ideale è un miscuglio di torba, terreno fertile da giardino e sabbia.

Annaffiature: dalla ripresa vegetativa e fino alla fine della fioritura va annaffiata regolarmente quando il terreno è completamente asciutto, in media ogni 15 giorni.. In estate nebulizzare le foglie con acqua non calcarea e a temperatura ambiente.

In autunno le annaffiature vanno diradate mentre in inverno sarà sufficiente mantenere il substrato somministrare un po’ d’acqua di tanto in tanto quel poco da evitare l’avvizzimento della pianta.

Concimazione: alla fine dell’inverno, somministrare un concime specifico per piante verdi e da fiore poi  una volta al mese un fertilizzante liquido ricco in potassio (K) e fosforo (P), opportunamente diluito nell’acqua delle annaffiature.

Nematanthus-moltiplicazione

Moltiplicazione pianta dei pesciolini rossi – Nematanthus

La pianta, nei luoghi di origine si riproduce naturalmente per seme ma da noi è molto più facile propagarla per talea, in primavera o in autunno.

Moltiplicazione per talea

Con forbici ben affilate e disinfettate si prelevano talee apicali lunghe 10 cm e poi si mettono a a radicare in vasi contenenti un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali.

Il contenitore con le talee va posto in un luogo protetto con una temperatura costante attorno ai 20 – 22° C.

Per tutto il tempo necessario alla radicazione il terreno va mantenuto leggermente umido e per assicurare un adeguato grado di umidità ambientale è consigliabile coprire il contenitore con un telo di plastica  che va comunque rimosso nelle ore più calde per evitare la condensa e di conseguenza la diffusione di malattie fungine.

L’attecchimento delle talee avverrà all’incirca dopo un mese e verrà segnalato dalla comparsa di nuovi germogli. Le nuove piante così ottenute, potranno essere trasferite nella primavera successiva in vasi singoli e allevate in essi come la pianta madre. Nel trasferire le talee in vaso bisogna fare attenzione a non traumatizzare le giovani e piccole radici.

rinvaso

Rinvaso Nematanthus

Il rinvaso della pianta dei pesciolini rossi si effettua in autunno, in media ogni 2 anni.

Il vaso deve essere di qualche centimetro più grande del precedente; il terriccio nuovo e fertile sempre misto a torba e a sabbia. La Nematanthus va rinvasata con tutto il pane di terra che avvolge l’apparato radicale. Per evitare il contatto diretto delle radici con l’acqua di sgrondo delle annaffiature si consiglia di mettere sul fondo del vaso del pietrisco grossolano.

Potatura o cimatura della Nematanthus

Per stimolare l’incespimento e quindi l’emissione di nuovi getti, a fine fioritura si cimano di qualche centimetro i rami più lunghi mentre si recidono alla base i fusti vecchi e sfioriti.

pianta pesciolini rossi-parassiti

Parassiti e malattie Nematanthus

La pianta dei pesciolini rossi raramente viene attaccata dagli afidi che di solito si annidano sotto la pagina inferiore delle foglie e dalla cocciniglia cotonosa che forma depositi cotonosi biancastri nelle intersezioni fogliari o sulla pagina superiore (macchie bianche sulle foglie).

Tra le malattie fungine teme la muffa grigia e soprattutto il marciume delle radici causato dal ristagno idrico se il terreno non è ben drenato.

Cure e trattamenti

In inverno la pianta coltivata in appartamento va tenuta lontana dai termosifoni o da altre fonti di calore.

Tenere pulita la pianta eliminando i fiori appassiti e le foglie ingiallite.

Eventuali cocciniglie potranno essere rimosse manualmente utilizzando un batuffolo dii corone imbevuto di alcol: in alternativa si possono nebulizzare le foglie con prodotti specifici.

Nel caso in cui la Nematanthus è stata colpita dal marciume delle radici per evitare la diffusione anche agli steli si consiglia di toglierla dal vaso e tagliare quelle affette con un coltello ben affilato oppure asportarle manualmente. Questa ultima accortezza, se praticata in tempo, eviterà la morte della pianta.

Nematanthus-varietà

Varietà di Nematanthus

Tra le numerose specie di questa pianta, le più conosciute e coltivate come piante da appartamento ricordiamo:

  • Nematanthus gregarius: la specie più conosciuta con fusti eretti o prostrati ricoperti per tutta la lunghezza da piccole foglie ovali di colore verde scuro;
  • Nematanthus wettsteinii: una varietà succulenta simile alla precedente ma che produce fiori di colore giallo intenso.
  • Nematanthus stigilosus: una varietà con foglie opache e fiori tubulari ricoperti da una fitta peluria biancastra. un tempo veniva chiamata Hypocyrta. In natura queste piante hanno sviluppo epifita; producono lunghi fusti prostrati, che raggiungono i 40-50 cm di lunghezza, abbastanza ramificati e flessibili; le foglie sono di piccole dimensioni, lunghe 3-4 cm, ovali, di colore verde scuro, leggermente carnose.
  • Nematanthus albus: una specie che produce fiori bianchi.

Curiosità

Anticamente, la pianta dei Pesciolini rossi era designata col nome scientifico Hypocyrta.

Galleria foto Nematanthus – Pianta dei pesciolini rossi