Peperoncino: origini e varietà

Dalla forma originale e il gusto notoriamente acceso ed audace i peperoncini custodiscono le loro origini in una fitta storia millenaria affondando le radici tra le civiltà precolombiane di Perù e Messico conoscendo, secoli dopo, un enorme diffusione in Occidente grazie alle conquiste coloniali ad opera di Cristoforo Colombo.

Peperoncino

Dall’America al Vecchio Mondo grazie alle consistenti campagne di colonizzazione, il peperoncino ed altri prelibati prodotti della terra conobbero il territorio europeo e ben attecchirono favorendone crescita e coltivazione fino ai giorni nostri. I peperoncini si presentano in natura come piccoli frutti dalle fattezze estetiche eleganti e sinuose le cui varietà sono innumerevoli e con proprietà diverse l’una dall’altra, dai famosissimi Habanero e Jalapeño di provenienza messicana fino alle specialità italiane, regine indiscusse della tavola e della cucina mediterranea. 

Peperoncini


Leggi anche: Peperoncini piccanti coltivazione

Moltissime le varietà di peperoncino presenti in natura, bellissimi a vedersi ben si adattano ad essere ornamenti originali nella realizzazione di insolite composizioni floreali o per abbellire un angolo della casa con stile, originalità… e gusto!

come-coltivare-i-peperoncini-in-vaso-5

Peperoncino: varietà e caratteristiche

Habanero

Famosissima varietà originaria della penisola dello Yucatan si presenta in natura in una serie numerosa di sotto varietà molto differenti tra loro per consistenza e sapore. Dall’Habanero chocolate a quello Rosso, passando per l’Orange fino al Peach questa cultivar si conferma una delle più famose al mondo, più coltivate ed utilizzate in cucina.

Habanero

Jalapeño

E’ una varietà ormai leggendaria tra le più note al mondo e viene direttamente dalle calde terre del Messico. Diventa protagonista a tavola perchè largamente utilizzato nella cucina tex mex grazie alla sua piccantezza bilanciata e la polpa turgida e croccante. Queste caratteristiche organolettiche lo rendono perfetto per abbinamenti audaci in salse di verdura e carni sostanziose e la sua estrema versatilità in cucina lo eleva a protagonista di successo della cucina messicana.

Jalapeno-green_Westlandpeppers-1


Potrebbe interessarti: Peperoncini verdi al forno

Aji Amarillo

Frutto originario del Perù si presenta in natura come una pianta robusta, con frutti discreti dalla forma tipicamente allungata, di color giallo arancione e non troppo piccanti. Facilmente utilizzabile in cucina grazie al suo sapore intenso, ma moderato è perfetto se abbinato a dell’ottimo pescato fresco.

Aji-amarillo

Tabasco

Ricorda molto la famosa salsa ed è all’origine della sua preparazione, il tabasco è una cultivar molto interessante e si caratterizza oltre che per il suo inconfondibile sapore e l’estrema piccantezza, anche per la facilità con cui è possibile coltivarlo anche a casa.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Pepper-Hot-Tabasco

Beni Highlands

Il colore di questo peperoncino mette allegria e incanto al primo sguardo. Pianta dai piccoli arbusti presenta frutti carnosi dal color giallo brillante, molto versatili ed utilizzati in cucina grazie ad una piccantezza di media intensità e dal retrogusto dolce ed aromatico. 

Peperoncino: origini e varietà

Carolina reaper

E’ ben noto tra gli intenditori per essere in assoluto il peperoncino più piccante al mondo. Secondo la classifica del guinness dei primati la varietà di peperoncino Carolina Reaper è tra i più potenti per piccantezza ed è destinato solo a palati specializzati, nonché estremamente coraggiosi!

dreamstimemaximum_59231796-e1584984760246

Naga Morich

Sfida combattuta con il Carolina Reaper il peperoncino Naga Morich proviene dalle affascinanti e sinuose terre d’India e cresce rigoglioso nell’emozionante Bangladesh. Gradisce temperature prettamente tropicali e richiede pertanto un clima caldo umido, motivo per il quale la coltivazione di questa varietà avviene spesso indoor.

IMG_0081-1500×1000-1500×1000

Ornamentale Multicolor

Come recita la nomenclatura è una pianta di peperoncino prettamente ornamentale dai frutti delicati e colorati. Detto anche “bonsai pepper” è una pianta che sullo stesso arbusto presenta più frutti di colore diverso, elemento estetico che lo consacra come una delle varietà più belle da coltivare sul balcone di casa o per abbellire con originalità ed audacia un raffinato angolo della casa.

bonsai

Hot lemon

Il nome deriva dal colore giallo brillante dei suoi frutti che si presentano in natura allungati e di dimensioni discrete con arbusti lunghi e resistenti.

hot lemom

Peperoncini Maya

Nel ricordo di una delle civiltà antiche più note di sempre questa cultivar è tipica dell’area messicana e si presenta in natura come una pianta dai rami di media lunghezza e dai frutti di media grandezza che abbondanti crescono quasi a creare deliziosi mazzetti di ispirazione floreale. In piena maturazione i frutti tendono a crescere prolungando l’estremità verso l’alto, tanto da conferirgli l’appellativo di  “guarda in cielo”.

maya

Diavolicchio calabrese

Un viaggio nella bella Italia tra le calde e autentiche terre di Calabria per conoscere una delle varietà più curiose e diffuse. Il peperoncino diavolicchio è il principe della tavola che spopola nei ricettari della tradizione calabra custodendo un’intensa piccantezza e che ben tiene testa alle varietà sudamericane. Sulle nostre tavole è possibile consumarlo fresco ma ben conserva le sue caratteristiche se essiccato, esaltandone gusto e versatilità.

2019_peperoncino

Peperoncini italiani: gusto e bontà

La bella e soleggiata Italia offre un clima di impareggiabile benessere per flora e fauna, che rigogliose e prolifiche offrono alla natura tesori gastronomici di inestimabile valore. Il peperoncino gode di grande fama soprattutto nelle calde terre del sud, in particolare in Calabria dove molte cultivar hanno raggiunto un grande successo che va anche oltre la penisola italiana stessa.

Degno di nota è il peperoncino di Soverato che si presenta in natura turgido e dal colore rosso vivo, perfetto da consumare fresco ma ottimo essiccato per insaporire salse e succulenti piatti della tradizione mediterranea. Ingrediente base per la preparazione della famosa ‘nduja viene spesso utilizzato per arricchire carni stagionate come la spianata calabra e la soppressata.

Frutti selezionati e perfetti per realizzare le tradizionali conserve sott’olio per questa preparazione si raccomanda di utilizzare il peperoncino diavolicchio la cui fama fu peraltro decantata dal poeta Gabriele D’Annunzio nei famosi versi dal titolo “Ode al diavolicchio“.

nduja

Peperoncino: origini e varietà foto e immagini

Raffaella Gambardella
  • Laureata in Lingue Straniere per la Comunicazione Internazionale
  • Docente di Lingua Spagnola
  • Autore specializzato in Ricette, Cucina, Fotografia
Suggerisci una modifica