Neillia affinis – Neillia

Neillia-sinensis

La Neillia affinis è una splendida pianta ornamentale facile da coltivare in vaso, perfetta in piena terra nei giardini di tutte le regioni italiane con clima mite.

Caratteristiche generali della Neillia

La Neillia affinis appartiene all’omonimo genere della famiglia botanica delle Rosaceae originaria dell’Asia e prevalentemente diffusa nella Cina centrale ed orientale.

Si tratta di una una pianta arbustiva pollonante e decidua caratterizzata da una crescita veloce. In pieno sviluppo vegetativo, circa 5 anni, forma un arbusto tondeggiante alto più di 2 metri,  composto da numerosi fusti arcuati bruno-rossastri ricoperti da un fogliame molto decorativo.

Le foglie della Neillia sono ovate-oblunghe con apici appuntiti e margini dentellati. Il colore della lamine fogliari dal verde chiaro dell’estate vira al giallo carico o al rosso scuro in autunno.


Leggi anche: Pianta del cotone – Gossypium

I fiori sono bisessuali e riuniti in infiorescenze racemose di colore rosa chiaro che pendono numerose a varie altezza sui rami che si flettono sotto il loro peso. . pendule sono rosa chiaro e con 5 petali arrotondati, calice a campanella, peloso con 5 denti rivolti verso l’alto. 25 30 stami. Vengono impollinati dagli insetti specialmente bombi.

I frutti sono capsule deiscenti racchiuse all’interno di calici pubescenti. deiscenti contenenti piccoli semi.

I semi sono piccoli, ovoidi, lucidi e dotati di una buona capacità di germinazione.

Fioritura

La Neillia fiorisce dalla tarda primavera alla metà dell’estate.

Neillia-fiori

Coltivazione della Neillia

Esposizione

La Neillia va coltivata in pieno sole nelle regioni con clima estivo mite e alla mezz’ombra in quelle con estati eccessivamente calde se si vuole evitare che il fogliame venga scottato dai raggi cocenti del sole delle ore più calde della giornata.

Terreno

E’ una pianta che non ha esigenze particolari di terreno infatti cresce bene in quello gessoso, argilloso e sabbioso, con pH acido, neutro o alcalino, purchè ben drenato e ricco di nutrienti utili soprattutto per la fioritura.  Va però collocata in una zona al riparo dei forti venti.

Annaffiature

La  Neillia ama il terreno umido quindi va regolarmente annaffiata durante tutto il ciclo vegetativo ma con moderazione evitando quindi inutili e pericolosi ristagni idrici.

Concimazione

Va concimata almeno due volte l’anno, alla fine dell’inverno e in tarda primavera, con somministrazioni di un concime organico ben maturo oppure del concime a lenta cession bilanciato in macroelementi e contenente anche i microelementi utili per lo sviluppo delle radici, della colorazione delle foglie, della resistenza della pianta a temperature estreme.


Potrebbe interessarti: Pianta del caffè d’appartamento – Coffea arabica

Neillia: coltivazione in vaso

La pianta può essere coltivata anche in un vaso purchè di dimensioni adeguate allo sviluppo dell’apparato radicale e della parte aerea. Il contenitore va riempito con terriccio leggero misto a sabbia e ben drenato sul fondo. Il vaso va posto in una zona soleggiata o parzialmente ombreggiata e riparata dai venti.  Va irrigata con maggiore frequenza rispetto a quella coltivata in piena terra e concimata più spesso. Dopo la fioritura va potata per contenerne la crescita, eliminando i polloni basali.

Rinvaso

Va fatto quando la Neillia non ha più spazio a disposizione o le radici fuoriescono dai fori del drenaggio dell’acqua delle annaffiature.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Potatura

La Neillia con passare degli anni tende ad essere invasiva e quindi va potata ogni anno a fine fioritura sia per contenerne la crescita e sia per favorirne il ringiovanimento. Si accorciano i rami più lunghi e disordinati; si tagliano quelli secchi e si recidono alla base i polloni che vengono emessi a profusione alla sua base.

Moltiplicazione della Neillia

La riproduzione avviene per seme, talea e mediante divisione.

Propagazione per talea

Si pratica in estate mettendo a radicare in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali delle talee  lunghe 15-18 cm, prelevate dagli steli sani e vigorosi. Il contenitore va posto in una zona ombreggiata, avendo cura di mantenere il substrato umido fino all’avvenuta radicazione che viene segnalata dalla comparsa di nuove foglie.

Propagazione per divisione dei cespi

Anche questa modalità di propagazione che assicura esemplari identici a quelli originali ha un discreto successo e si effettua generalmente in autunno staccando dalla pianta madre alcuni polloni ben radicati e interrandoli subito in un’altra zona del giardino.

Impianto o messa a dimora

Le piante di Neillia si trapiantano in vaso o in piena terra dall’autunno all’inverno in buche soffici, ben drenate e più larghe e profonde del pane di terra che avvolge l’apparato radicale. per favorire il drenaggio dell’acqua sul fondo delle buche va posto del materiale drenante.

Parassiti e malattie della Neillia

La pianta mostra una buona resistenza a gli attacchi degli afidi e delle cocciniglie ma è sensibile alle infestazioni dei bruchi della Tignola che si cibando delle sue foglie ne causano un forte deperimento per la ridotta attività fotosintetica.

Cure e trattamenti

La Neillia non ha bisogno di particolari cure manutentive. Per contrastare le infestazioni da Tignola si possono effettuare trattamenti con prodotti a base di piretrine oppure facendo ricorso all’impiego di un batterio chiamato Bacillus thuringiensis spp. kurstaki, attivo anche contro altre specie di larve.

Neillia-incisa

Varietà di Neillia

Neillia incisa

Comunemente chiamata arbusto pizzo, è una pianta diffusa allo stato rustico in Cina, Giappone, Corea e Taiwan. È un arbusto deciduo, alto fino a 2, 5 metri. Ha foglie profondamente lobate con stipole prominenti e margini dentati. All’inizio dell’estate produce pannocchie di piccoli fiori bianchi seguiti da piccoli frutti pubescenti. Cresce in terreni fertili, ben drenati, in pieno sole o mezzombra. E’ perfetta come bordura a laghetti e a corsi d’acqua.

Neillia thibetica

Un arbusto deciduo con forma tondeggiante. Ha rami arcuati di colore marrone alti fino a 2 metri con foglie ovate verdi sfumate di rosso in estate e gialle in autunno. Da Maggio a Giugno produce fiori tubolari rosa riuniti in racemi arcuati di piccole dimensioni.

Neillia sinensis

Nota come Neillia cinese è un arbusto deciduo con foglie strette disposte sugli steli a zig-zag. Le foglie giovani sono di colore bronzo-violaceo mentre quelle mature sono verdi.

Anche in questa varietà i fiori sono riuniti in lunghi racemi pendenti di un ricco rosa intenso che sbocciano all’inizio dell’estate sui rami legnosi prodotti l’anno precedente. Va potata dopo dopo la fioritura e nuovi esemplari si possono ottenere con la semina primaverile.

Usi

Le piante di Neillia sono ampiamente utilizzate come elemento singoli in vaso e in piena terra in gruppi per realizzare bordure fiorite anche lungo le rive di laghetti e brevi corsi d’acqua.

Nome inglese

In  Inghilterra la Neillia viene comunemente chiamata False Pink spirea per la somiglianza delle sue infiorescenze a quelle della Spirea.

Curiosità

Il genere Neillia prende il nome da Patrick Neill un noto orticultore scozzese e anche illustre naturalista.

La Neillia appartiene alla stessa famiglia delle rose e di conosciuti alberi da frutto come: Pesco, albicocco, melo ecc.

Galleria foto Neillia

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica