Mandorlo Prunus Triloba


Mandorlo-Prunus-triloba

Il mandorlo Prunus Triloba è un mandorlo ornamentale di origine cinese che viene impiantato nei giardini e nei parchi pubblici a scopo ornamentale.


Caratteristiche generali del mandorlo da fiore o Prunus triloba

La pianta, appartenente al genere Prunus della famiglia delle Rosacee, a differenza delle altre varietà (ciliegio, mandorlo, albicocco, pesco, susino o prugno) viene apprezzato a scopo ornamentale per la spettacolare fioritura di colore bianco o rosa.

Il mandorlo da fiore, alto mediamente 5 metri, presenta una chioma fittamente ramificata con foglie ovali trilobate di colore verde brillante e margini dentellati.

Prunus-triloba-fiore

fiori, semplici o doppi, in genere riuniti in mazzetti o in lunghi racemi, dai colori che vanno dal bianco al rosa carico.

Mandorlo-fiore

I frutti, non commestibili, sono piccoli e di colore rosso.

Fioritura

Fiorisce in maniera abbondante e spettacolare dall’inizio della primavera fino a maggio.

Pruno-da-fiore-foto

Coltivazione del mandorlo da fiore

Esposizione

Ama i luoghi soleggiati, suoli ricchi e ben drenati.

Terreno

Predilige il terreno argilloso, soffice misto a torba e sabbia e ben drenato.
i suoli aridi e sassosi.

Annaffiature

Abbondanti nel primo anno della messa a dimora, in primavera e nei periodi di prolungata siccità.

Nel periodo autunno – inverno  annaffiare solo se il terreno è completamente asciutto.

Letame

Concimazione

In primavera e in autunno somministrare del concime organico ben maturo ai piedi del tronco o del granulare bilanciato a lento rilascio.

Mandorlo-fiore

Moltiplicazione del Mandorlo da fiore

La riproduzione avviene per seme, mediante innesto o per talea di rami semi – legnosi.

Potatura-foto

Potatura del mandorlo da fiore – Pruno trilobata

Potare alla base i rami secchi o danneggiati da freddo. Per favorire l’emissione di nuovi getti fioriferi, dopo la fioritura, potare i rami fino alla terza gemma.

Pacciamatura-foto

Malattie, parassiti, trattamenti e cure

Il mandorlo teme le malattie fungine e gli afidi.

A fine inverno e dopo la fioritura, praticare un trattamento a base di poltiglia bordolese.

In autunno, invece, irrorare la chioma con un fungicida ad ampio spettro per prevenire la comparsa di malattie fungine. Durante l’inverno proteggere la base delle piante con una leggera pacciamatura di foglie secche o paglia.

Galleria foto pruno

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta