Malattie dell’abete e del pino

Il pino e l’abete, sempreverdi della grande famiglia delle Conifere, originarie delle regioni temperate e fredde dell’Emisfero boreale, sono piante maestose molto diffuse anche alle nostre latitudini, in grandi giardini, in parchi pubblici e lungo le zone costiere.

Pino, Pianta

Queste due piante, nonostante la produzione di resine profumate, secrete per proteggersi da insetti e funghi, in particolari condizioni ambientali (eccessiva umidità, forte vento, siccità prolungata), si ammalano soprattutto durante la fase di sviluppo vegetativo.

Abete

Malattie e parassiti delle conifere

Tra i parassiti che infestano le conifere, in particolare l’abete e il pino ricordiamo gli afidi e gli insetti.

Gli afidi, piccoli organismi simili ai pidocchi, che si nutrendosi delle linfa delle pianta ne causano sia un progressivo deperimento sia una minore resistenza naturale alle altre avversità.

afidi


Leggi anche: Processionaria – Traumatocampa pityocampa

Le piante indebolite da attacchi intensi e ripetuti da parte degli afidi sono infatti più esposte all’ingresso di funghi patogeni e insetti xilofagi (si nutrono di legno vivo e morto).

Fra le diverse specie di afidi quello più pericoloso è senza dubbio il Mindaro, che con le sue numerose colonie provoca l’asfissia degli aghi degli abeti e li rende anche sensibili allo sviluppo di microscopici funghi.

Abete-parassiti

Insetti che attaccano il pino e l’abete

Tra gli insetti che attaccano il pino il più caratteristico è la processionaria, una farfalla che allo stadio giovanile appare in forma di larva, disposta in lunghe file proprio come una processione.

Processionaria-larve

In inverno, la processionaria si arrampica sui tronchi per fare bozzoli, simili a gomitoli li lana bianca, in cui va ripararsi.

Bozzoli di processionaria


Potrebbe interessarti: Pino mugo – Pinus mugo

Cure e rimedi

Per eliminare gli afidi e in particolare il mindaro dagli abeti bisogna irrorare la pianta con prodotti aficidi.

Per proteggere il pino dalle larve di processionaria la cosa migliore è rimuovere, nel mese di agosto, manualmente i bozzoli o nidi.  Indossare una mascherina e guanti da giardinaggio per evitare il contatto diretto con i peli delle larve di Processionaria in quanto liberano sostanze urticanti per la pelle e per le vie respiratorie.

Abete-malattie

Informazioni utili ed approfondimenti

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica