Malattie dell’abete e del pino


Il pino e l’abete, sempreverdi della grande famiglia delle Conifere, originarie delle regioni temperate e fredde dell’Emisfero boreale, sono piante maestose molto diffuse anche alle nostre latitudini, in grandi giardini, in parchi pubblici e lungo le zone costiere.

Pino, Pianta

Queste due piante, nonostante la produzione di resine profumate, secrete per proteggersi da insetti e funghi, in particolari condizioni ambientali (eccessiva umidità, forte vento, siccità prolungata), si ammalano soprattutto durante la fase di sviluppo vegetativo.

Abete


Malattie e parassiti delle conifere

Tra i parassiti che infestano le conifere, in particolare l’abete e il pino ricordiamo gli afidi e gli insetti.

Gli afidi, piccoli organismi simili ai pidocchi, che si nutrendosi delle linfa delle pianta ne causano sia un progressivo deperimento sia una minore resistenza naturale alle altre avversità.

afidi

Le piante indebolite da attacchi intensi e ripetuti da parte degli afidi sono infatti più esposte all’ingresso di funghi patogeni e insetti xilofagi (si nutrono di legno vivo e morto).

Fra le diverse specie di afidi quello più pericoloso è senza dubbio il Mindaro, che con le sue numerose colonie provoca l’asfissia degli aghi degli abeti e li rende anche sensibili allo sviluppo di microscopici funghi.

Abete-parassiti

Insetti che attaccano il pino e l’abete

Tra gli insetti che attaccano il pino il più caratteristico è la processionaria, una farfalla che allo stadio giovanile appare in forma di larva, disposta in lunghe file proprio come una processione.

Processionaria-larve

In inverno, la processionaria si arrampica sui tronchi per fare bozzoli, simili a gomitoli li lana bianca, in cui va ripararsi.

Bozzoli di processionaria

Cure e rimedi

Per eliminare gli afidi e in particolare il mindaro dagli abeti bisogna irrorare la pianta con prodotti aficidi.

Per proteggere il pino dalle larve di processionaria la cosa migliore è rimuovere, nel mese di agosto, manualmente i bozzoli o nidi.  Indossare una mascherina e guanti da giardinaggio per evitare il contatto diretto con i peli delle larve di Processionaria in quanto liberano sostanze urticanti per la pelle e per le vie respiratorie.

Abete-malattie

Informazioni utili ed approfondimenti



Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

  • matteo Borsatti - - Rispondi

    Ho un abete le cui aghifoglie (sempre state di un bel colore verde anche in periodo invernale), tendono a diventare di un color rosso scuro o marrone. Come mai? esiste qualche rimedio?

    • LauraB - - Rispondi

      Ciao: può darsi che il tuo abete sia stato attaccato dalla ruggine degli aghi, un parassita fungino, che provoca la formazione di vescicole scure sulle foglie che conseguentemente cadono.
      Se l'infestazione è lieve asportare solo i rami infetti. A scopo preventivo trattamenti primaverili con prodotti specifici.
      Per una diagnosi più precisa si consiglia di asportare un rametto e farlo visionare da vicino da un vivaista esperto.
      Saluti LauraB

  • roberto - - Rispondi

    Ciao, ho un problema con dei pini marittimi, sono stati potati due anni fa, ora però le foglie diventano gialle e la pianta a poco a poco secca tutta.

    saluti roberto

    • LauraB - - Rispondi

      La causa dell'ingiallimento e il disseccamanto del pino potrebbe essere un fungo mitosporico, Sphaeropsis sapinea, che attacca le piante quando la primavera è molto umida e l'estate particolarmente siccitosa. Il parassita colpisce i rametti apicali, le foglie, gli strobili e le pigne con formazioni sferiche simili a vescichette di colore nerastro. Si consigliano trattamenti con prodotti specifici e dopo aver fatto analizzare un rametto ad un esperto.
      Saluti

  • paolo - - Rispondi

    salve,

    in una pineta in zona lago di bracciano i pini domestici, non giovani, subiscono numerose rotture di branche anche molto grandi. i pini presentano tutti numerose zone nerastre, da pochi cm a mezzo metro di lunghezza. si tratta di escrescenze nerastre nelle quali è presente anche resina. sapete darmi qualche spiegazione?

    grazie.

  • emiliana - - Rispondi

    Salve…avrei una domanda da porvi…
    la mia siepe di pini piantata tre anni fa sta seccando piano piano a partire dal tronco verso l'esterno dei rami. Mi sembra strano, perchè stavano già crescendo di un bel verde brillante!!!grazie mille..emiliana

  • francia - - Rispondi

    Chi mi dice perché ?
    ho tagliato il ramo di edera che aveva avvolto un pino , si e’ seccata ma mi sta seccando tutto l’albero !!
    non riesco a a capire

  • YggDrasil - - Rispondi

    Ho un abete rosso e un gelso bianco in giardino, che nell’ultimo anno hanno iniziato a manifestare questi sintomi:
    il peccio (cresciuto molto vicino a un canale irriguo e che peraltro è stato cimato da un fulmine circa 10 anni fa, ma non ho notato sofferenze particolari), soprattutto ora all’inizio dell’autunno, mostra ingiallimenti e imbrunimenti non molto localizzati di alcuni getti dell’anno e inoltre mostra alcune galle da cherme; mentre il gelso nell’ultima primavera ha fogliato con molta fatica, la chioma è rarefatta e di un verde poco vivido.
    Il prato su cui sono cresciute le due piante (vicine circa 10m quindi probabilmente le radici sono in contatto o quasi) è da sempre interessato da funghi commestibili che crescono a gruppi e sembrano del genere armillaria (di questo però non ne sono per nulla sicura).
    E’ possibile che patiscano un marciume radicale, quando non hanno mai manifestato sofferenze se non in quest ultimo anno?

Lascia una risposta