Livistona – Livistona rotundifolia

Laura Bennet
  • Dott. in scienze biologiche

Livistona-rotundifolia

La Livistona rotundifolia è una pianta d’appartamento sempreverde molto decorativa perfetta anche per arredare gli ambienti umidi come il bagno.

Caratteristiche Livistona rotundifolia

La Livistona è una pianta erbacea perenne e sempreverde della famiglia delle Arecaceae originaria del Sud-est asiatico, diffusa allo stato spontaneo in Malesia, Indonesia, in quasi tutte le regioni tropicali e sub tropicali e nell’Australia del nord.

L’apparato radicale è robusto e profondo con una radice primaria ben sviluppata e varie radici secondarie o avventizie più corte e meno spesse.

Il fusto è breve e nelle piante adulte il diametro generalmente è circa 30 centimetri.

Livistona-foglia

Le foglie, a forma di largo ventaglio, sono coriacee e colore verde intenso. Le foglie delle piante giovani hanno la forma lanceolata con pagina percorsa da evidenti nervature parallele che, poi via via si segmentano, si sfrangiano assumendo la tipica forma a ventaglio con evidenti residui filamentosi sui bordi delle foglie che tra l’altro si biforcano verso le punte.

Livistona-rotundifolia-foglie

Le foglie sono inserite sul fusto con lunghi e persistenti peduncoli provvisti di spine di colore verde-rossastro con le punte rivolte verso il basso. Le foglie esterne tendono ad incurvarsi sotto il loro peso, sono le prime a cadere lasciando al loro posto dei resti di fibre marroni che, come detto precedentemente, sono responsabili della particolare struttura del fusto.

Livistona-coltivazione

Coltivazione della Livistona

Esposizione: in appartamento va posta in un’area luminosa ma non alla luce filtrata dei raggi solari. La temperatura ottimale di coltivazione è compresa tra i 18-23° C e pertanto poco tollera le temperature inferiori ai 15° C. Teme le correnti d’aria, l’ambiente troppo secco e la vicinanza ai termosifoni o ad altre fonti di calore.

Livistona-foglia

Terreno: cresce bene in qualunque tipo di terreno anche se il substrato ideale per la crescita della pianta di livistona è un terreno sciolto, con pH acido ben drenato per evitare l’insorgenza del marciume delle radici.

Annaffiature: la livistona va annaffiata quando il terreno è completamente asciutto utilizzando acqua non calcare come quella piovana. In mancanza di acqua piovana si consiglia di bollire l’acqua prima di somministrarla alla pianta. Prima si annaffiare la pianta tastare con le dita anche un paio di centimetri sotto la superficie del terreno. La Livistona ama l’ambiente con un alto tasso di umidità e pertanto in estate bisogna nebulizzare spesso le sue foglie con acqua sempre priva di calcare.

Concimazione: per una corretta ed equilibrata crescita, la palma nana va concimata una volta al mese, dall’inizio della primavera fino alla tarda estate somministrando ai suoi piedi del concime liquido oppure, ogni 2 mesi, del granulare a lento rilascio ricco di macroelementi quali azoto (N), fosforo (P) e potassio (K) e con una buona percentuale di microelementi quali il ferro (Fe), il manganese (Mn), il rame (Cu), lo zinco (Zn), il boro (B) e il magnesio (Mg).

palma-nana-moltiplicazione

Moltiplicazione della Livistona

la pianta si riproduce per seme e anche mediante divisione dei cespi.

La pianta si riproduce per seme e meglio ancora per via agamica mediante la divisione dei cespi o dei polloni che si formano alla base della pianta.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Moltiplicazione per seme

La moltiplicazione per seme risulta lunga e laboriosa.

Prima di tutto occorrono semi freschi appena raccolti dalla pianta che vanno messi subito a macerare in acqua per almeno 7 giorni tempo richiesto all’involucro esterno che lo protegge di raggiungere una morbida consistenza.

Si procede poi con la semina: si stratificano i semi sulla superficie di un substrato composto da sabbia e torba in parti uguali. Si avvolge il contenitore in una busta di plastica e lo si colloca in un luogo ombreggiato a temperatura costante di 30° C. Il terriccio va mantenuto sempre umido fino alla comparsa dei germogli, circa 2 mesi.
Le nuove piante ottenute dalla germinazione dei semi vanno trasferite in vasi singoli ed allevate in essi per almeno 2 anni prima della messa a dimora definitiva.

Moltiplicazione per divisione dei polloni o dei cespi basali

La divisione dei cespi si effettua in primavera, in aprile-maggio, mettendo a radicare i polloni che si formano alla base della pianta, in un vaso contenente terriccio, torba e sabbia in parti uguali. Bisogna scegliere i germogli che abbiano almeno 2-3 foglie.

I vasi vanno tenuti in un luogo protetto dove la temperatura minima non scende al disotto dei 10°C e per i primi 2 -3 mesi il terreno va mantenuto sempre leggermente umido. Le giovani palme nane così ottenute vanno allevate in vaso prima di piantarle all’aperto.

Livistona-fusto-peduncoli

Impianto o piantumazione

La messa a dimora in vaso può essere fatta tutto l’anno anche se il periodo migliore è l’inizio della primavera.

Livistona-rinvaso

Rinvaso

Il rinvaso della Livistona rotundifolia si effettua quando le radici hanno occupato tutto lo spazio a disposizione e fuoriescono dai fori di drenaggio dell’acqua di sgrondo. Quando il vaso è di grandi dimensioni basta rimuovere del terriccio (2-5 centimetri) vecchio e sostituirlo con altrettanto terriccio fresco.

Potatura

La livistona, come altre varietà di palme nane non va potata. Si asportano solo le foglie secche, recidendole con cesoie ben affilate e disinfettate dal punto in cui partono dal fusto.

Per le foglie che presentano solo gli apici secchi sarà sufficiente eliminare solo le punte per non compromettere l’estetica della pianta.

Parassiti e malattie Livistona rotundifolia

Si tratta di una pianta rustica e longeva che generalmente non viene attaccata dai comuni parassiti animali come gli afidi e le cocciniglie.

Talvolta viene attaccata dalla mosca bianca che forma depositi biancastri lungo i peduncoli fogliari. E’ resistente anche alle malattie fungine come l’oidio o mal bianco e la ruggine.

Cure e trattamenti

Le piante vanno trattate con antiparassitari o antifungini solo in caso di infestazione.

Per quanto riguarda le cure si consiglia di sottoporre la pianta a forti escursioni termiche; di spolverare almeno una volta a settimana le foglie e nebulizzarle anche più volte al giorno durante i periodi di gran caldo.

Usi della livistona

Questa varietà di palma è adatta ad essere coltivata in appartamento e come la felce, il filodendro, lo spatifillo, il Capelvenere è perfetta per arredare il bagno.

La livistona è velenosa per cani e gatti?

Questa palma nana non è tossica per le persone nè per i cani e gatti. Nel maneggiarla si raccomanda comunque di indossare un paio di guanti per evitare graffi o tagli soprattutto quando la si rinvasa, si spolverano le foglie o si asportano quelle appassite. Attenzione ai bordi sono taglienti come lame di coltelli.

Curiosità

La livistona porta il nome in onore dell’esploratore Patrick Murray, barone Livistone, fondatore del nel 1670, il giardino botanico di Edinburgo (1670).

Galleria foto palme