Ligularia coltivazione

Ligularia-japonica

La Ligularia è una pianta erbacea coltivata a scopo ornamentale per la bellezza delle sue grandi foglie sempreverdi e molto decorative.

Ligularia coltivazione

Caratteristiche generali della Ligularia japonica

Al genere Ligularia, famiglia della Composite, appartengono diverse specie di piante erbacee perenni di origine asiatica che allo stato spontaneo è facile trovarle lungo i ruscelli di montagna, sulle rie dei laghi e in luoghi umidi.

Ligularia-japonica-foglia


Leggi anche: 10 piante da balcone perenni

La Ligularia più conosciuta e coltivata un po’ ovunque dal giardino all’orto è la L. japonica, pianta dal portamento cespuglioso, composta da un apparato radicale ben sviluppato dal quale si originano grandi foglie verdi palmate a margini interi. In pieno vigore vegetativo forma un cespuglio largo e alto circa anche più di 1 metro.

fiori-ligularia-dentata

Le foglie sono palmate o rotonde, frastagliate in lobi stretti. Hanno consistenza coriacea e carnosa con pagina espansa lucida di colore verde brillante.

I fiori sono piccoli, gialli e riuniti in vistose infiorescenze che sbocciano a partire dal basso.

Dalle foglie durante il periodo della fioritura fanno capolino su steli alti ed eretti delle lunghe infiorescenze da forma di spighe formate da piccoli fiori il cui colore varia dal giallo arancio al rosa intenso.

Fioritura

La Ligularia  produce i fiori da fine giugno a settembre.

ligularia_dentata.32.jpg

Coltivazione della Ligularia

Esposizione

E’ una pianta abituata a vivere in ambienti ombreggiati quindi va coltivata predilige in luoghi luminosi ma al riparo dei raggi diretti del sole. Non teme il freddo.

Terreno

Cresce bene in qualunque tipo di terreno tuttavia predilige un substrato umido, non argilloso e ricco di di sostanza organica.

Annaffiature

La pianta necessita di regolari e costanti annaffiature fino al riposo vegetativo ma senza eccessi per evitare che i ristagni idrici possano essere causa del marciume delle radici. Durante il riposo vegetativo la Ligularia coltivata in piena terra si accontenta delle piogge mentre se allevata in vaso è consigliabile mantenere il terreno appena umido.


Potrebbe interessarti: 10 piante da balcone perenni: un’affascinante fioritura

Concime-granulare

Concimazione

In primavera somministrare alla base delle piante del concime granulare a lento rilascio per favorire la ripresa vegetativa delle piante.

Ligularia


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Ligularia: coltivazione in vaso

La pianta, soprattutto se di dimensioni più contenute, può essere facilmente coltivata anche in vaso purchè abbastanza largo, riempito con terriccio specifico, mantenuto costantemente umido con regolari e frequenti annaffiature. Il vaso va posto in una zona luminosa.

Rinvaso

Va fatto quando la Ligularia stenta a crescere per la mancanza di spazio.

Moltiplicazione della Ligularia

Tutte le varietà si riproducono per seme e per divisione dei cespi.

Semina

La semina si effettua in primavera, in semenzaio freddo mantenuto umido fino alla comparsa delle piantine che poi potranno essere messe a dimora da ottobre in poi.

Propagazione per divisione dei cespi

Generalmente questa tecnica, preferita alla semina, soprattutto se si desidera ottenere piante identiche a quella originale, viene praticata ogni 2-3 anni. In  autunno o in primavera si dividono i cespi con  cesoie affilate in più parti, ognuna dotata di una porzione di radice ben sviluppata. Le diverse parti della pianta vanno poi interrate subito in buche ben drenate e poi annaffiate.

Impianto o messa a dimora

Le piante di Ligularia si mettono a dimora in autunno o nel mese di aprile in buche soffici e ben drenate. distanti tra loro circa 30 cm.

Abbinamenti

Le piante di Ligularia possono essere coltivate con altre piante come: Filipendula, Hosta, Tradescantia.

Potatura

La Ligularia non si pota, tuttavia va liberata dal foglie secche o marce dai fiori appassiti. Foglie e steli vanno recisi a livello del suolo.

Afidi-neri

Parassiti e malattie della Ligularia

E’ una pianta abbastanza resistente ma teme il marciume delle radici causato dal ristagno idrico e raramente viene attaccata dalla cocciniglia e dagli afidi. I danni più consistenti subiti dalla Ligularia sono quelli causati dalle lumache che rovinano le foglie compromettendone l’estetica.

Ligularia-parassiti

Cure e trattamenti

Trattamenti antiparassitari e fungicidi vanno praticati solo se necessari e nei periodi precedenti la fioritura per evitare di uccidere, insieme ai parassiti, anche gli insetti utili. Per contrastare gli attacchi delle lumache si può cospargere ai piedi dei cespi della cenere di legna oppure utilizzando delle apposite trappole o ancora barattoli di birra posti a debita distanza.

Ligularia_dentata

Varietà di Ligularia

Tra le tante altre specie ricordiamo quelle più diffuse.

Ligularia dentata

Una specie composta da foglie reniformi, oblunghe o palmate portate da lunghi piccioli.
Durante il periodo della fioritura compaiono delle spettacolari infiorescenze formate da numerosi fiorellini di colore giallo o arancione. Ama l’ombra parziale o il sole filtrato e il terreno umido. Resiste fino a -25 ° C.

ligularia-coltivazione

Ligularia stenocephala

Una specie rigogliosa con foglie profondamente dentate e i fiori sono riuniti in pennacchi lunghi anche una  quarantina di centimetri.

Ligularia wilsoniana

Una pianta erbacea perenne molto vigorosa. In pieno vigore vegetativo forma un cespuglio ricco di foglie di media grandezza, alto 2 m e largo di 1 m. In estate produce lunghe pannocchie composte da capolini giallo-dorati.

Ligularia clivorum

Anche questa specie è una pianta originaria della Cina, alta 1-1.5 m e dal diametro di 1 m. Ha foglie grandi, cuoriformi, di colore verde. Dall’estate in poi si copre di capolini con corolla composta da petali di colore giallo arancio e disco centrale bruno. I fiori larghi 8-10 cm, sono riuniti in pannocchie portate all’estremità dei fusti. La Ligularia clivorum è adatta ad essere coltivata come esemplare isolato ma è perfetta anche per realizzare bordure miste.

Ligularia hodgsonii

Una specie diffusa in Cina, alta 60 cm e larga 40-50 cm. Ha foglie verde porpora che contrastano con il colore giallo arancio dei fiori che compaiono riuniti in pannocchie, in giugno-luglio.

Ligularia przewalskii

E’ una specie originaria della Cina settentrionale, alta 2 m con diametro di 1 m. Ha foglie profondamente divise e da luglio ad agosto produce capolini giallo chiaro, riuniti in pannocchie lunghe 80-90 cm, su steli di colore porpora o viola-marrone. E’ la pianta ideale per bordure miste in zone ombreggiate e come fiore da recidere. Va in riposo vegetativo durante l’inverno ed è resistente al freddo.

Ligularia veitchiana

Una pianta originaria della Cina, alta fino a 2  . Ha foglie grandi cuoriformi con margini dentati. In estate produce grandi spighe composte da capolini di colore giallo limone.

Usi

Le piante di Ligularia vengono apprezzate come tappezzanti di luoghi ombreggiati, umidi come i bordi di un laghetto e le rive di corsi d’acqua. I fiori recisi di alcune specie vengono impiegati nelle confezioni fiorali.

Curiosità

Il nome generico della Ligularia  deriva dal latino ligula, che significa piccola lingua, e si riferisce alla forma ligulata dei petali dei fiori.

Le  piante di Ligularia hanno vari nomi comuni e quelli più in uso nel nostro Paese sono: Razzo,
Fiore di erba tossica, Piante di leopardo, Orecchio di elefante.

Galleria foto Ligularia

Nicola Spisso
  • Laureando in Ingegneria Edile - Architettura
  • Web e Graphic Designer professionista
  • Master in digitale presso Google conseguito nel 2016
  • Autore specializzato in architettura e design d'interni
Suggerisci una modifica