Come scegliere la siepe adatta per il tuo giardino

Rita Paola Maietta
  • Giornalista Pubblicista

Ti piacerebbe creare una siepe nel tuo giardino, ma non sai come fare? In questo articolo ti diamo qualche consiglio per crearla con successo.

Come scegliere la siepe adatta per il tuo giardino 1

Una siepe in giardino è molto utile sotto tanti punti di vista. Ma che cos’è, nello specifico, una siepe? Si tratta di una struttura che si estende in verticale, realizzata in modo artificiale. Ecco quindi che necessita sempre dell’intervento umano per potersi conservare. Da considerare, però, che al suo interno può possedere un ecosistema che potrebbe dare al tuo giardino un valore in più.

Creata artificialmente dall’uomo, spesso la siepe viene già inserita nel giardino delle abitazioni. Al suo interno, però, presenta una grande biodiversità perché le piante della siepe ricevono luce da diverse direzioni e, inoltre, germogliano da tutti i lati.

Chi è alle prime armi, si trova spesso a dover stare molto tempo dietro alle siepi con poco successo. Questo capita perché, in primis, non sa quale pianta scegliere. Anche perché, ogni pianta ha un’evoluzione a se che, se non si ha esperienza, non permette di fare previsioni accurate.

In generale, le piante che compongono una siepe vengono messe a dimora da aziende specializzate. Sono loro che propongono al proprietario del giardino la tipologia di pianta. Di solito, però, le varietà che spiccano tra le proposte sono poche e standardizzate. Al contrario accade se, invece, si hanno il tempo e i soldi necessari per rivolgersi ad un garden designer.

Del resto, soltanto la logica può guidare davvero nella scelta delle piante giuste che comporranno la tua siepe. In questo caso, infatti, le considerazioni prettamente estetiche dovrebbero essere messe da parte.

I mesi migliori per poter pensare di trapiantare una siepe sono settembre ed ottobre. Prima di scegliere le piante, però, sarà necessario interrogarsi circa la funzione che la siepe dovrà assolvere:

  • schermante
  • decorativa,
  • formale,
  • frangivento
  • naturale,
  • di delimitazione.

Generalmente, le siepi hanno lo scopo principale di dividere otticamente il proprio giardino con l’esterno oppure, perché no, con lo spazio dei vicini. Per molti giardinieri e proprietari di giardini, le siepi sono considerate come dei diamanti per via della loro (possibile) longevità. Una longevità che sarà possibile soltanto se la manutenzione sarà attenta e delicata.

Non tutte le piante si prestano bene a realizzare delle siepi degne di essere chiamate così. Alcune, infatti, sono più valide di altre. Vediamo quali.

Come scegliere la siepe adatta per il tuo giardino 3

Le piante più comuni per la siepe

Per scegliere le piante che comporranno la tua siepe, sarà necessario dover considerare tre elementi. Il primo è l’altezza della siepe.

Il secondo, invece, è relativo alla permanenza delle foglie. Se sceglierai delle piante sempreverdi avrai un giardino dalle linee più solide e ti garantirà una privacy maggiore. Inoltre, ti riparerà meglio dal vento. Se non gradisci i fiori potranno sempre essere rimossi.

Il terzo ed ultimo elemento, invece, riguarda la scelta della specie: monospecie o mista? Nel primo caso si tratta di piante messe a dimora regolarmente, in un blocco che diventi unico e ben solido. La siepe mista ha una manutenzione più bassa e, di solito, può diventare dimora per gli uccelli.

Tra le piante che si utilizzano più comunemente per realizzare una siepe spiccano:

  • viburno, che si coltiva facilmente e cresce fitta e regolare
  • cipresso, che resiste al freddo, necessita di poche cure e si alza di molto, anche in poco tempo
  • alloro, che oltre ad essere molto compatto, regala fioriture gialle
  • lauroceraso, che è usato per creare siepi a temperature anche molto basse; fiorisce a primavera ed è facile da coltivare
  • fotinia, che è sempreverde e arriva a raggiungere anche i 5 metri
  • ligustro ovale giapponese, che è perfetto se posto al sole in climi miti; i fiorellini che sbocciano in estate sono molto decorativi.

Affinché la siepe venga ben compatta, è necessario utilizzare delle piante che appartengono alo stesso genere. Questa scelta viene fatta anche a fini estetici. Se il tuo obbiettivo è quello di alternare i colori, puoi alternare un paio di specie oppure usarne alcune con un ciclo stagionale non uniforme.

Come scegliere la siepe adatta per il tuo giardino 4

Come piantare le piante della siepe

Prima di mettere a dimora le piante che hai scelto per la siepe, dovrai irrigare bene il terreno. In questo modo, favorirai l’attecchimento della pianta. Poi, dovrai creare una striscia di terreno larga circa un metro, entro cui posizionare la siepe. Il sistema di drenaggio dovrà essere adeguato.

Le radici devono essere poste alla giusta profondità e coperte con la terra asportata. Se il terreno del tuo giardino è molto argilloso o paludoso, potresti dover aggiungere della sabbia. Ti consigliamo, comunque, di rivolgerti a dei professionisti del settore.

Dopo aver piantato le piante sarà necessario tenere la zona libera per due o tre anni, annaffiando per due volte la settimana. La potatura, nei primi tempi, deve essere limitata.

Tieni presente che esistono delle distanze da rispettare necessariamente per legge. Sono indicate nel Codice Civile, all’articolo 892 a cui rimandiamo per i dettagli.

Come scegliere la siepe adatta per il tuo giardino 2

Come scegliere la siepe adatta per il tuo giardino: foto e immagini

Come abbiamo scritto più su, una siepe ben curata può diventare davvero il diamante del tuo giardino. Speriamo che anche la tua lo diventi.