Innaffiare risparmiando acqua

Innaffiare il prato risparmiando acqua? Si può. Basta utilizzare alcuni metodi economici e anche tu potrai avere un prato verde e rigoglioso, tenendo sempre un occhio ai consumi.

Irrigare

 

Innaffiare il prato con trucchi al risparmio e metodi economici

Irrigare

Il prato per potere assorbire le sostanze nutritive dal terreno e poter crescere rigoglioso, ha bisogno di un regolare e costante apporto idrico. Le annaffiature devono essere abbondanti al momento della semina, per consentire lo sviluppo delle radici in profondità. Bisogna quindi considerare che dalla ripresa vegetativa del cotico erboso, le annaffiature vanno fatte almeno una volta a settimana.

 

come-scegliere-il-sistema-di-irrigazione-interna-1


Leggi anche: 10 trucchi per ingrandire la cameretta

Nei periodi di prolungata siccità e soprattutto in estate, periodo in cui l’ evaporazione fogliare raggiunge il massimo, le annaffiature vanno fatte almeno 3 volte a settimana.

Il consumo di acqua e il relativo costo non vanno sottovalutati e bisogna contenere gli sprechi idrici. Infatti i costi risultano proibitivi soprattutto al Sud e nelle isole, zone climatiche con scarso apporto di acqua pluviale.

 

come-scegliere-il-sistema-di-irrigazione-interna-2

Come irrigare e nello stesso tempo risparmiare?

Un primo consiglio è quello di utilizzare un sistema di innaffiatura automatico, interrato nel prato, che preimpostato lo irriga quando lo riteniamo opportuno e secondo le condizioni climatiche.

come-scegliere-il-sistema-di-irrigazione-interna-6

Quando annaffiare il prato?

E’ preferibile innaffiare il prato nelle ore in cui la perdita di acqua per evaporazione da parte delle foglie è più lenta.

In pratica il prato va innaffiato tra le 3 e le 6 del mattino ore in cui gli stomi, aperture fogliari, sono più ricettivi all’assorbimento dell’acqua.

 

campo-golf-giardino-irrigazione-1


Potrebbe interessarti: Prodotti naturali: come utilizzare l’aceto per disinfettare casa

Recipienti di raccolta dell’acqua piovana

Avere dei contenitori per l’acqua piovana, permette di attingere a questa risorsa evitando sprechi di acqua da pozzi e consentendo un risparmio sensibile in bolletta.

come-scegliere-il-sistema-di-irrigazione-interna-8

Dotarsi di sensori di umidità

Avere questa tipologia di sensori, permette di non attivare gli impianti di annaffiatura in prossimità di piogge o in presenza di rugiada. Una soluzione ottima, per automatizzare al massimo il tuo impianto di irrigazione.

irrigazione goccia

Microirrigazione

L’uso di un impianto che fornisce in maniera costante ma lenta l’acqua al nostro giardino, permette di centellinare le risorse idriche ed ottimizzarne la resa, evitando che la maggiore parte scenda nelle profondità del terreno.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Innaffiare risparmiando acqua: immagini e foto

I nuovi sistemi in commercio ci aiutano ad avere un prato sano e rigoglioso, senza sprecare acqua. Se devi innaffiare, affidati a questi consigli, perché solo così avrai uno splendido risultato risparmiando acqua.

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica