Rami tipi


Quali rami potare e quali no quando si effettua la potatura degli alberi da frutto? Come riconoscere i vati tipi di rami?

Pesco-potatura



Tipi di rami

Per eseguire una perfetta potatura degli alberi da frutto è importante riconoscere la diversa tipologia dei rami:  rami a legno, rami a frutto, rami misti, dardi, lamburde, branche e brindilli.

rami-tipi

Che cosa sono i rami a legno

Si tratta di rami non fruttiferi che incrementano le parti legnose della pianta e si distinguono in polloni e succhioni.

Polloni di melograno


Leggi anche: Gemme tipi

Sono chiamati polloni quei rami che spuntano dalle radici o dalle ceppaia della pianta.

succhioni

I succhioni si originano invece dalle branche o dalle gemme latenti del tronco.

Pesco-potatura

Cosa sono  i rami a frutto

Sono i rami che portano le gemme che daranno origine ai frutti.

gemme-tipi

I rami misti

Sono rami caratterizzati dalla presenza contemporanea di gemme a frutto e di gemme a legno.

Dardo-ramo

Cosa sono i dardi e come si riconoscono

Sono i rami corti delle drupacee come susino, albicocco, pesco e ciliegio che possono terminare o con molte gemme a fiore disposte a mo’ di corona intorno ad una gemma apicale oppure terminano con gemme a legno.

Ogni anno il dardo fiorifero produce un’ombrella di fiori, mentre la gemma apicale germoglia facendo crescere il dardo in lunghezza.

ciliegio-fiori

La produzione dei dardi cambia di specie in specie: ad esempio, il pesco produce quasi esclusivamente brindilli, mentre il ciliegio e diverse varietà di susino producono principalmente dardi.

Melo-trattamenti

Cosa sono le lamburde

Si tratta di rami di due anni, corti, lunghi circa 2 cm, terminanti con gemme a legno o gemme a fiore come i caratteristici rami del melo.

brindillo-ramo

Cosa sono i brindilli

Sono rami lunghi e sottili che nelle drupacee portano gemme apicali a legno mentre nelle pomacee gemme apicali miste. Il brindillo  è un ramo sottile infatti il suo spessore è compreso tra i 10 e i 30 cm.

Cosa sono le branche

Le branche sono rami di due o più anni e si distinguono in:

  • primarie quelle inserite direttamente sul fusto;
  • secondarie quelle che si originano dalle primarie;
  • terziarie invece quelle inserite sulle secondarie.

Potatura del Nespolo

Come e quando potare

La potatura secca si effettua nel periodo di riposo vegetativo della pianta fino alla comparsa dei primi germogli. I rami dovranno essere sempre spuntati tenendo conto i nuovi rami verranno prodotti nelle ultime gemme a legno sorgeranno nuovi rami.

In estate, nel mese di luglio, si esegue la potatura verde al fine di aumentare l’arieggiamento della chioma, favorire la penetrazione della luce nelle parti più interne da evitare l’insorgenza di malattie fungine,  limitare l’attacco dei parassiti e  migliorare l’efficacia dei trattamenti fitosanitari

Galleria foto tipologia di rami

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta