Eupatorium purpureum – Eupatorium

Eupatorium-purpureum

L’Eupatorium purpureum è una pianta perenne vigorosa coltivata a scopo ornamentale in piena terra e in vaso.

Caratteristiche generali dell’Eupatorium purpureum

L’Eupatorium purpureum è una pianta perenne della famiglia delle Asteraceae originaria delle zone temperate e sub tropicali dell’emisfero boreale. E’ diffuso allo stato rustico in quasi tutti i continenti.

In pieno vigore vegetativo, circa 3 anni di vita, forma un cespuglio elegante ,largo 60-70 cm e alto circa 120 cm.

Ha una robusta radice rizomatosa; gli steli, eretti, lucidi e di colore violaceo, sono ricoperti da un ricco fogliame verde opaco molto decorativo.


Leggi anche: Lamium purpureum falsa ortica

Le foglie, sono coriacee e verdi; sono ovali, verticillate e peduncolate, con margini dentellati. Non mancano casi anche di foglie a disposizione opposta o alterna.

Eupatorium-fiori

I fiori, numerosi e spesso profumati, sono riuniti in grandi infiorescenze a corimbo portate sulle sommità apicali dei fusti. Hanno forma tubulosa, colore rosa e di norma sono ermafroditi, tetraciclici (con calice, corolla e organi riproduttivi maschili e femminili), pentameri. Vengono visitati da moltissime farfalle e da altri insetti utili. L’impollinazione è entomofila, e avviene soprattutto ad opera delle api.

I semi sono sono acheni con 5 coste longitudinali coronati da un pappo molto vistoso composto da setole quasi sempre biancastre. I semi maturano da settembre a novembre , sono molto fertili e possono essere utilizzati per la riproduzione.

Fioritura

L’Eupatorium fiorisce nel periodo estate -autunno, da agosto ad ottobre.

Eupatorium-coltivazione

Coltivazione Eupatorium purpureum

Esposizione

Le piante di Eupatorium crescono bene al pieno sole e anche alla mezz’ombra. Sopportano bene il caldo e sopravvivono alle basse temperature e anche se entrano in riposo vegetativo durante la stagione invernale riprendono a vegetare in primavera con l’aumentare delle temperature.

Terreno

E’ una pianta che cresce bene in qualunque tipo di terreno umido, ricco di sostanza organica e ben drenato. Si adatta anche ai terreni argillosi e calcarei.

Annaffiature

e vive in piena terra bagnare saltuariamente nei mesi vegetativi, all’incirca da aprile a ottobre. Necessita di regolari e frequenti annaffiature soprattutto durante i periodi di prolungata siccità e in estate e, per mantenere il terreno umido è consigliabile pacciamare la base del cespuglio in modo da limitare la perdita di acqua per evaporazione. Se piantata in vaso, bagnare regolarmente da marzo a ottobre.


Potrebbe interessarti: Canapa acquatica – Eupatorium cannabinum

Concimazione

Concimare in primavera con fertilizzante organico, humus e compost maturo o letame, evitando gli eccessi di azoto che stimolano la vegetazione, ma non la fioritura. Concimare a partire da marzo fino a novembre con concime per piante da fiore, liquido o granulare, almeno una volta ogni 30 giorni.

Eupatorium purpureum: coltivazione in vaso

La pianta si adatta ad essere coltivata anche in un vaso profondo 50 cm e con un diametro di almeno 60 cm, riempito con terriccio fertile, umido e ben drenato. Le annaffiature vanno praticate regolarmente per tutto il ciclo vegetativo, da marzo a ottobre.

Rinvaso

Il rinvaso va fatto in primavera  prima del risveglio vegetativo quando le radici fuoriescono dai fori di drenaggio dello scolo dell’acqua delle annaffiature. La pianta va trasferita in un contenitore più grande del precedente utilizzando nuovo terriccio. Quando le dimensioni del vaso non rendono più possibile tale operazione basta rimuovere i primi 3 cm di terreno e sostituirlo con altrettanto fresco.

Moltiplicazione dell’Eupatorium purpureum

La pianta si riproduce per seme e viene propagata per via vegetativa o agamica per talea, oppure per divisione dei rizomi.

Semina

La semina si effettua in primavera o in autunno in semenzaio freddo, stratificando i semi in un substrato specifico mantenuto costantemente umido fino all’avvenuta germinazione. Le nuove piantine vanno lasciate irrobustire e quando sono abbastanza grandi da potere essere agevolmente maneggiate, si trasferiscono in singoli vasi e coltivate in serra per almeno un anno prima di essere messe a dimora.

Propagazione per talea

Può moltiplicata mediante talea di rami apicali per tutto l’arco dell’anno. Utilizzando una forbice ben affilata e disinfettata si prelevano talee lunghe 15.18 cm. Si eliminano tutte le foglie del ramo lasciando solo le due apicali, Si trattano le estremità recise con un po’ di ormone radicante e poi si mettono a radicare in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali mantenuto umido fino alla comparsa di nuove foglie. Le talee che hanno radicato vanno trasferite in singoli vasi ed allevate in essi per un anno.

Propagazione per divisione dei cespi

Fra ottobre e marzo, si dividono i cespi più vigorosi in più parti portanti radici ben sviluppate e si mettono subito a dimora nel terreno adatto oppure in vaso.

Impianto o messa a dimora

Le piante di Eupatorium purpureum si mettono a dimora tra ottobre e marzo, al sole o in posizioni parzialmente ombreggiate, in buche ben lavorate e drenate distanziate tra loro da 100 cm a 150 cm oppure impiantando 3 piante al m2.

Abbinamenti

Le piante di Eupatorium possono essere coltivate come elementi singoli, ingruppi oppure abbinate con altre specie aventi le stesse esigenze colturali come: Astilbe, Aster, Hemerocallis, Lysimachia, Lythrum, Persicaria. Vernonia per avere un buon risultato deve essere piantata con una densità di 3 piantine al m2.

Potatura

Al termine della fioritura, a fine estate, vanno recisi gli steli sfioriti e vanno eliminati i fusti secchi.  Si accorciano leggermente i getti sporgenti per conferire armonia di forma alle piante.

Parassiti e malattie Eupatorium

Le infiorescenze di queste piante soffrono gli attacchi degli afidi e come conseguenza della fumaggine. Generalmente non sono soggette alle malattie fungine o crittogame ad eccezione del marciume delle radici.

Cure e trattamenti

Le piante di Eupatorium coltivate in piena terra vanno protette dal gelo dell’inverno con una pacciamatura di paglia o foglie secche mentre quelle coltivate in vaso vanno riparate sotto tettoie o in serra fredda.

Eupatorium-cannabinum

Varietà di Eupatorium

Eupatorium Chocolate

Una varietà rustica e molto decorativa, originaria del Nord America. Ha steli eretti alti circa 1 metro, con foglie sfumate di bruno. In estate produce bellissimi grappoli di capolini composti da 5 fiori tubolosi di colore rosso-porporino. Predilige posizioni di mezz’ombra e si sviluppa bene in terreni umidi, ben drenati, innaffiature regolari ma moderate. È ideale per aiuole, al sole o alla mezz’ombra.

Eupatorium cannabinum

Una pianta rustica ma elegante alta più di 1 metro, conosciuta come canapa acquatica. Produce  fiori viola, rosa o bianco, dall’estate fino ad inizio autunno. Viene coltivata a scopo ornamentale in vaso e in piena terra nelle aiuole miste e come bordura a laghetti e vasche artificiali.

Eupatorium album

Una specie nana alta dai 50 ai 100 cm. Ha steli eretti con foglie da ellittiche a lanceolate. In estate produce fiori biancastri. Ama il terreno umido e l’esposizione al pieno sole.

Eupatorium altissimum

Una varietà alta 90-120 cm. Ha fusti eretti ricoperti da una sottile peluria biancastra, con foglie di colore verde scuro, da lanceolate a ovate.produce fiori non profumati e biancastri.

Eupatorium dubium Little Joe

Una specie poco conosciuta di piccolissime dimensioni molto attraente per le farfalle in quanto in estate produce grappoli di infiorescenze composte da fiori rosa-malva.

Eupatorium fistulosum

Un’erbacea robusta dal portamento eretto, alta anche più di 3 metri. Produce un solo stelo eretto con foglie verticillate verdi e in estate presenta fiori dal rosa al rosso scuro.

Eupatorium fortunei Pink Frost

Una varietà originaria del Giappone dal portamento elegante. Ha foglie dentate di un bel colore verde scuro che contrasta con la variegatura giallo-crema dei bordi. Durante il periodo della fioritura, verso settembre, produce sulla sommità degli steli, vistosi agglomerati di fiori rosa intenso.

Eupatorium-japonicum

Eupatorium japonicum

Una splendida pianta erbacea dal portamento eretto e ramificato. Ha steli vedi-rossastri alti circa 2 metri ricoperti da foglie aromatiche, ellittiche-lanceolate a margini dentati. Produce  infiorescenze a corimbo composte da fiori campanulati bianchi e profumati.

Eupatorium maculatum

Una pianta perenne con rami verdi, maculati di porpora, alti dai 60 ai 230 cm. Ha  foglie lanceolate e dentate di color verde intenso. In estate, da Luglio a Settembre, produce larghe infiorescenze ad ombrella composte da fiori rosa porpora. E’ una pianta che va coltivata al sole o alla leggera ombra, in vaso e nelle aiuole dei giardini con terreno ricco e fresco

Eupatorium maculatum Atropurpureum

Una specie perenne con steli rossastri che in pieno vigore vegetativo  raggiungono i 2 metri di altezza. Ha foglie lanceolate di color verde brillante. In estate sulle sommità apicali degli steli compaiono grappoli di piccoli fiori rosa-porpora. Ama l’esposizione soleggiata o a mezz’ombra, i terreni umidi ed è perfetta per realizzare bordure di fondo. Resiste anche ai -20° C ed è molto longeva.

Eupatorium perfoliatum -Boneset
Eupatorium perfoliatum

Noto come Boneset, è una pianta erbacea officinale con robusti steli pelosi, foglie ruvide e dentate do colore verde brillante. Produce grappoli di fiori bianchi simili a quelli dell’Achillea. Viene usata nella medicina popolare per il trattamento dei sintomi influenzali, raffreddori e altre patologie.

Usi

Alcune specie di Eupatorium vengono utilizzate come piante ornamentali per realizzare siepi e bordure nei giardini naturali e in quelli costieri; altre invece vengono coltivate per la produzione dei fiori recisi; altre ancora quelle più rustiche vengono impiegate per bordure di fondo nei giardini giardini paesaggistici.

Anticamente le piante di Eupatorium venivano utilizzate nelle medicina popolare per la cura di varie patologie. Attualmente il loro impiego come piante officinali è stato alquanto ridimensionato perchè contengono sostanze epatotossiche.

Curiosità

Il nome generico Eupatorium  deriva dai termini greci εὖ  e τροχός  che significa simile a una ruota, termine che fa riferimento alle foglie verticillate, attaccate cioè a cerchio attorno al fusto.

Galleria foto Eupatorium

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, guide e novità riguardo il mondo della casa e giardinaggio. Aggiornati dai nostri esperti di botanica e dell'arredo casa.