Issopo: proprietà balsamiche e antibatteriche, usi e controindicazioni

Che pianta è l’issopo? A cosa serve l’ issopo? Attraverso quale preparazione erboristica si utilizza? Vediamolo meglio insieme.

Issopo

L’issopo un’erba officinale aromatica perenne, forse tra le più ricche di oli essenziali e dalle numerose virtù curative note fin dall’antichità, aiuta a prevenire tosse, asma, raffreddore, cistite.

Questa pianta cresce allo stato spontaneo nei luoghi aridi e rocciosi e può essere coltivato in vaso con estrema facilità attraverso numerose tecniche.

Le foglie  lanceolate e appuntite e i fiori  sono ricche di oli essenziali dalle molteplici proprietà curative. Infatti preventivamente essiccate con le infiorescenze a spighe di un bellissimo colore azzurro-violetto, sono facilmente reperibili in tutte le erboristerie.


Leggi anche: Erba medica coltivazione

issopo_

Proprietà dell’issopo

L’issopo è una pianta che denota importanti proprietà, grazie alla presenza dell’olio essenziale contenuto al suo interno. Ad esso sono attribuite:

  • proprietà balsamiche, espettoranti e bronco-dilatatrici, per favorire la funzionalità  ed il benessere delle vie aeree.
  • proprietà stimolanti, toniche ed eupeptiche per migliorare la digestione.
  • attività antibatterica, antivirale, soprattutto nel caso dell’Herpes Simplex per stimolare il sistema immunitario.
  • proprietà tonificanti, per migliorare il tono dell’umore, ridurre stanchezza psicofisica, stress, ansia e depressione.
  • proprietà purificanti, in quanto si può utilizzare per trattare pelle impura ed acneica.
  • proprietà diuretiche ed antisettiche, andando a favorire il benessere delle vie urinarie attraverso stimolazione della diuresi e pulizia del tratto urinario, evitando così la proliferazione batterica, ad esempio se si soffre di cistite.
    issopo 4

Preparazioni erboristiche ed usi dell’ issopo

Tra le varie preparazioni fitoterapiche presenti in commercio, abbiamo capsule, compresse, estratti, tintura madre, ma le più diffuse sono:

  • I decotti d’ Issopo sono usati come sedativi della tosse, antimucolitici ed espettoranti.
  • Gli infusi sono da sempre utilizzati per la loro azione balsamica e broncodilatatrice, facilitano la digestione, e calmano gli spasmi intestinali. L’infuso o il decotto preparato con fiori e foglie di issopo è utile per portare benefici in caso di problemi ai polmoni ed alle vie respiratorie superiori.
  • Gli impacchi favoriscono  la cicatrizzazione di piccole ferite; leniscono e riducono il gonfiore causato dalle distorsioni;  purificano la pelle. Se vengono posizionati sul petto, hanno proprietà espettoranti sul catarro.
  • I gargarismi profumano e disinfettano il cavo orale in caso di infezioni.
  • l’olio essenziale, lo si può utilizzare sia per effettuare un bagno rilassante versando due gocce nella vasca, immergendosi all’interno per 15 minuti, contrastando lo stress accumulato durante la giornata, rilassando mente e corpo; sia per fluidificare il muco, mettendone 3 gocce su un cucchiaio di miele e sciogliendo tutto in un bicchiere di acqua calda. In aroma-terapia l’issopo viene impiegato per placare gli stati d’ansia, lo stress emotivo, per tonificare i muscoli doloranti attraverso dei massaggi.

ISSOPO PROPRIETà


Potrebbe interessarti: Issopo coltivazione

Vino all’ Issopo: ricetta

Grazie all’Issopo è possibile ottenere anche un vino aperitivo con le benefiche proprietà per stimolare l’appettito.

Ingredienti 

  • 1 litro di vino bianco
  • 10 cucchiai di issopo essiccato ( erboristeria).

Preparazione

  1. Versate l’issopo  nel vino bianco
  2. Lasciate in infusione per  5 giorni.

All’occorrenza  bere un bicchiere di vino  come aperitivo prima dei pasti.

Vino, Bianco

Cenni storici

Il nome botanico dell’issopo è Hyssopus officinalis, che può derivare sia dal greco “Hyssopos”  e significa “a forma di freccia”, sia dall’ebraico “Esobh” e significa “erba sacra”, infatti veniva usato in rametti riuniti, dal re Salomone, per fare suffumigi purificando così l’ambiente e prevenendo malattie come la lebbra.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Nel vecchio testamento della Bibbia, veniva utilizzata come pennello per mettere il sangue di agnello sulle porte delle famiglie israelitiche, le quali dovevano essere escluse dalla distruzione da parte dell’angelo distruttore in merito all’esodo dell’Egitto.

Nel nuovo testamento, invece,  si narra che fu fissata una spugna imbevuta di aceto sul legno della pianta d’issopo e offerta come bevanda a Gesù in croce, come atto di pietà.

In passato le svariate proprietà benefiche di questa pianta non erano riconosciute perché si pensava fossero false credenze, ad esempio era in grado di allontanare le negatività ed il malocchio, oltre ad avere un effetto purificante. Con il trascorrere del tempo, fortunatamente, i diversi studi hanno affermato che l’issopo presenta ottimi benefici sull’organismo.

Poiché ha un odore intenso e leggermente piccante, molto simile a quello della menta, viene anche usato in cucina per la preparazione di minestre, o come abbellimento dei piatti ed infine anche nella preparazione delle acque di colonia come aromatizzante.

Controindicazioni issopo

L’utilizzo di questa pianta può determinare effetti collaterali, soprattutto se si è soggetti ipersensibili verso alcune sostanze presenti al suo interno. Nel caso di comparsa di vescicole, pomfi, gonfiore della lingua e difficoltà respiratoria è opportuno rivolgersi al proprio medico tempestivamente.

E’ assolutamente vietato durante l’allattamento e in gravidanza; viste le sue proprietà emmenagoghe, ovvero di stimolazione del flusso mestruale può provocare un aborto.

L’olio essenziale, presenta al suo interno un chetone che può causare crisi epilettiche e convulsioni se assunto in dosi eccessive.

Galleria immagini e foto issopo

In galleria troverete le varie illustrazioni e preparazioni dell’issopo e la pianta in campo di coltivazione.

 

Olimpia Spataro
  • Dott.ssa in tecniche erboristiche
  • Autore specializzato in fitoterapia delle piante officinali
Suggerisci una modifica