Embothrium coccineum – Albero del fuoco cileno

Embothrium-coccineum

L’Embothrium coccineum, conosciuto come Albero del fuoco del Cile cileno, è una pianta ornamentale dalla fioritura spettacolare, facile da coltivare e a bassa manutenzione.

Caratteristiche dell’Embothrium coccineum – Albero del fuoco cileno

L’Embothrium coccineum è un arbusto perenne dell famiglia Proteaceae, originario dell’Australia occidentale e dell’America meridionale. Cresce allo stato selvatico come arbusto o  albero sempreverde dai boschi aperti fino alle zone costiere del Cile e dell’Argentina.

In natura l’Embothrium è molto vigoroso, in pieno sviluppo vegetativo, raggiunge i 15 metri di altezza e i 2-3 metri di larghezza.


Leggi anche: Crisantemo – Chrysanthemum coccineum

La corteccia che riveste tronco e rami è marrone, con numerose lenticelle di colore grigio chiaro. chiare. Il legno è tenero e di colore rosa chiaro. La chioma folta e vistosa è verdeggiante.

Le foglie, lucide, coriacee e glabre, sono lanceolate-oblunghe, con bordi leggermente ondulati. Le pagini fogliare superiori sono di colore bluastro o verde scuro, mentre quelle inferi generalmente verde pallido.

Embothrium-coccineum-foglie

I fiori, raccolti in grandi corimbi ascellari, sono tubolari con quattro lobi ricurvi di colore rosso brillante che circondano quattro lunghi stami sporgenti dal centro. L’impollinazione è entomogama e nell’areale naturale avviene anche grazie ai colibrì.

I frutti sono baccelli marroni contenenti 10 semi.

I semi, leggeri, alati, generalmente piatti e scuri, una volta liberati dai follicoli maturi vengono disseminati dal vento anche a diversi metri di distanza. Sono germinabili, possono essere raccolti a fine ottobre e utilizzati per la semina all’inizio della primavera.Embothrium-fiore

Fioritura

L’Embothrium fiorisce dalla primavera all’inizio dell’estate (maggio-luglio) nell’emisfero boreale e dall’autunno alla primavera, da settembre a marzo, in quello australe. L’albero del fuoco cileno produce un’abbondante fioritura a partire dal decimo anno di coltivazione.

Embothrium-coccineum


Potrebbe interessarti: Eccremocarpus scaber – Fiore di gloria cileno

Coltivazione dell’Embothrium coccineum – Albero di fuoco cileno

Esposizione

E’ un arbusto che ama il pieno sole ma nelle zone molto calde va coltivato all’ombra parziale per evitare serie scottature fogliari. Non tollera i venti forti, il gelo prolungato.

Terreno

E’ un arbusto che si sviluppa bene nei terreni umidi, con pH acido o al massimo neutro e ben drenato. Non tollera assolutamente quelli calcarei, pesanti e ricchi di fosforo. Nei terreni toppo ricchi o scarsamente drenanti la pianta soffre fino a morire. Se il terreno è calcareo va ammendato con un compost specifico.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Annaffiature

Va regolarmente irrigato nei periodi siccitosi e soprattutto in estate poichè come già detto non ama il terreno completamente asciutto specialmente se la pianta è giovane e non ancora stabilizzata nella sua dimora.

Concimazione

L’Embothrium non ama i terreni ricchi di nutrienti e non tollera assolutamente quelli ricchi di fosforo pertanto per la concimazione primaverile va utilizzato un fertilizzante 15 (N), 0 (P) e 5 (K).

Embothrium-coccineum

Embothrium: coltivazione in vaso

A differenza di tante altre piante esotiche l’albero del fuoco cileno raramente si coltiva in vaso in quanto non ama i travasi e poichè la sua crescita è veloce dovrebbe subire continui trapianti.

Potatura

L’Embothrium va potato solo se si vuole contenere la sua eccessiva crescita in altezza e larghezza. Utilizzando cesoie ben affilate e disinfettate alla fiamma o con la candeggina, si accorciano i rami più lunghi, quelli disordinati e si recidono alla base quelli secchi. La potatura va fatta subito dopo   la fioritura.

Moltiplicazione dell’Embothrium – Albero del fuoco del Cile

La pianta si riproduce facilmente per seme e nuovi esemplari possono essere ottenuti per via vegetativa mediante la divisione dei polloni basali. La moltiplicazione per talea non viene praticata in quanto i rametti prelevati mostrano un’elevata resistenza alla radicazione.

Semina

Si effettua in primavera, da  marzo ad aprile, in un semenzaio contenente un substrato non calcareo mescolato a torba e foglie. Il semenzaio va posto sotto vetro in un luogo a temperatura di 15° C e mantenuto appena umido. Anche se i teneri germogli spunteranno dal terreno molto velocemente  è consigliabile farli irrobustire direttamente nel semenzaio fino a tarda estate e solo quando sono abbastanza  grandi da poter essere maneggiati, si potranno ripicchettare singolarmente in piccoli vasi, riempiti con un terriccio specifico non calcareo e poi coltivati per 2 anni in serra, al riparo anche dalla forte luce solare diretta, fino al momento della messa a dimora definitiva. In condizioni ambientali corrette le giovani piante di Embothrium potrebbero iniziare a fiorire dal terzo anno dopo la semina.

Moltiplicazione per divisione dei polloni

Nuove piante già sviluppate si possono ottenere staccando i polloni che crescono alla base della pianta, Vanno prelevati con radici ben sviluppate e messi subito in vasi singoli fino a quando non sono ben acclimatati e solo dopo 2 anni, andranno posti nella dimora definitiva.

Embothrium-impianto

Impianto o messa a dimora

Si pianta in primavera, in aprile-maggio al sole o all’ombra parziale se il clima estivo è eccessivamente caldo.

Si sceglie una zona libera da altre piante per assicurare lo spazio utile allo sviluppo in altezza e larghezza.

Dopo la piantumazione si innaffia regolarmente e, per mantenere fresco il piede dell’Embothrium, si può coprire il terreno con lastre di ardesia o uno spesso strato di ghiaia grossolana.

Parassiti e malattie dell’Embothrium coccineum

Come le altre varietà di Proteaceae anche questo splendido arbusto se non viene coltivato in condizioni ambientali adatte è sensibile alle malattie fungine come:

  • la Phytophthora cinnamomi, una muffa he provoca gravi marciumi radicali nelle piante che crescono nei climi mediterranei.
  • il Fusarium oxysporum, un fungo che provoca una malattia chiamata fusariosi delle radici che si manifesta con l’ingiallimento e l’avvizzimento della parte aerea della pianta;
  • la Botryosphaeria, che causa il cancro dei rami. Altre infestazioni fungine molto comuni sono causate da Armillaria, Rhizoctonia,  Botrytis e Calonectria.

Cure e trattamenti

Durante il periodo invernale, nelle regioni a clima rigido, la pianta va protetta con una pacciamatura di paglia mentre nelle zone calde la chioma va riparata dai raggi diretti del sole.

Le malattie fungine vanno prevenute e contrastate con prodotti specifici come ad esempio il fosfito di potassio, un fungicida biodegradabile che protegge la pianta dal deperimento della phytophthora. Un altro modo consiste nel ridurre l’apporto di concimi azotati.

Embothrium-coccineum-foglie-fiore

Varietà di Embothrium coccineum

Il genere Embothrium comprende 8 specie di alberi e arbusti sempreverdi, alcune più delicate e altre più rustiche ma tutte esteticamente appariscenti e di gran pregio ornamentale.

Embothrium lanceolatum

Conosciuto com cespuglio di fuoco è una specie più resistente dell’albero del fuoco cileno, diffusa nelle Ande e in molte zone del regno Unito. E’ semi-sempreverde dalla crescita vigorosa con foglie lanceolate strette e coriacee. Durante il periodo della fioritura, primavera-inizio estate, produce vistosi fiori tubolari di colore rosso-arancio. E’ una pianta che ama leggero, acido e non soggetto a ristagni d’acqua. Non ama le concimazioni.

Embothrium longifolium

Questa specie decidua differisce da quella tipica solo per le dimensioni delle foglie lanceolate che sono più lunghe e più strette. Produce grappoli di fiori scarlatti molto vistosi dalla primavera all’inizio dell’estate.

Embothrium coccineum Norquinco Valley

Una specie diffusa nell’Argentina meridionale, considerata la più rustica e resistente e dimensioni più contenute. Ha foglie sempreverdi lanceolate lunghe circa 14 centimetri e produce densi grappoli di fiori cerosi di colore arancio brillante che compaiono in continuazione.

Embothrium coccineum ‘Inca Flame’

Una specie che produce un’abbondante fioritura rosso-arancio. Va coltivato sempre nel terreno sciolto con pH acido.

Embothrium-coccineum-foglie-fiore

Usi

Tutte le varietà di Embothrium vengono coltivate come piante ornamentali nei giardini pubblici e privati  da quelli costieri a quelli di campagna.

Il legno. molto morbido ma resistente, viene utilizzato per realizzare cucchiai , recipienti da cucina e altri oggetti artigianali.

Nome inglese

L’Embothrium coccineum nel Regno Unito è comunemente chiamato: Fire tree o Fire bush del Cile.

Curiosità

L’Embothrium , scoperto per la prima volta in Cile da William Lobb nel 1846, appartiene alla stessa famiglia di piante esotiche molto più conosciute come la Telopea e la Grevillea.

Galleria foto Embothrium coccineum – Albero del fuoco cileno

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica