Dalechampia – Dalechampia dioscoreifolia

Dalechampia

La Dalechampia o Vite farfalla costaricana, è una pianta rampicante coltivata in vaso e in piena terra per la vigoria dei lunghi tralci e soprattutto per bellezza insolita delle infiorescenze a forma di grandi farfalle rosa – viola.

Caratteristiche generali della Dalechampia

La Dalechampia dioscoreifolia è una pianta perenne della famiglia delle Euphorbiaceae originaria dell’America centrale e delle zone tropicali  del Sud America settentrionale e occidentale. Cresce allo stato rustico in tutte le aree con clima caldo – umido, soprattutto nelle foreste pluviali.

Nota comunemente anche come Vite farfalla, la pianta la Dalechampia ha fusti rampicanti, sottili e molto ramificati che in pieno vigore vegetativo e in adeguate condizioni di umidità e temperatura, possono raggiungere anche i 60 metri di lunghezza. I fusti invecchiando tendono a lignificare alla base e a perdere gran parte delle foglie. Le nuove ramificazioni invece sono viticci erbacei di colore verde chiaro.


Leggi anche: Involtini di foglie di vite con riso

Le foglie giovani sono di colore verde pallido mentre quelle già formate sono di colore verde scuro e lunghe circa 15 cm. Hanno lunghi peduncoli cilindrici. La forma è cuoriforme o ovata lanceolata;  la lamina è larga e rugosa, talvolta pubescente, con apice appuntito e margine intero o lievemente dentato.

Dalechampia-foglie

Gli elementi che conferiscono alla Dalechampia una bellezza unica e rara sono le infiorescenze,  brattee rosa opposte e disposte a coppie come ali di farfalle. Ciascuna brattea ha forma lanceolata, pagina rugosa con varie nervature a ventaglio e margine seghettato.

I fiori sono unisessuali e posti al centro delle due brattee. Come quelli della Stella di Natale sono gialli, piccoli e insignificanti.

I frutti sono capsule a tricocche pelose e scure che alloggiano 3 semi.

I semi sono globosi, tubercolati e di colore scuro.

Fioritura

La Dalechampia nelle regioni con clima caldo-umido fiorisce dall’inizio dell’estate fino all’arrivo dei primi freddi. Nelle zone tropicali la pianta fiorisce tutto l’anno.

Dalechampia-rampicante

Coltivazione della Dalechampia dioscoreifolia

Esposizione

E’ una pianta che pur crescendo bene a mezz’ombra predilige l’esposizione al pieno sole e al riparo dei venti forti. Resiste all’aperto nelle zone con temperature invernali miti, reagisce a gelate brevi perdendo gran parte delle foglie che ricaccerà all’arrivo della successiva bella stagione.


Potrebbe interessarti: Conservazione delle foglie di vite

Terreno

E’ una pianta che per crescere e produrre nuovi tralci e fiori in abbondanza necessita di un terreno di coltivazione ricco di nutrienti, soffice, umido ma senza ristagni idrici. Il terriccio adatto è quello universale misto a materiale drenante.

Annaffiature

La Dalechampia non tollera il terreno asciutto pertanto va annaffiata con regolarità soprattutto durante i periodi siccitosi e soprattutto in estate evitando però gli eccessi e soprattutto il ristagno idrico. In inverno gli apporti idrici vanno diradati e praticati quando il terreno tende ad asciugarsi.

Concimazione

Per tutto il ciclo vegetativo, da Marzo ad Ottobre, il terreno va arricchito di nutrienti con somministrazioni quindicinali di un fertilizzante liquido specifico per piante verdi fiorite, diluito nell’acqua della annaffiature secondo le dosi riportate sulla confezione del produttore.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Dalechampia: coltivazione in vaso

E’ una pianta caratterizzata da una crescita lenta che può essere coltivata in vaso sul balcone durante i mesi estivi e in appartamento o in serra durante i mesi invernali. In un  vaso di adeguate dimensioni, largo e profondo, la pianta cresce bene e produce molti fiori se posta in un luogo caldo e riparato.

Rinvaso-pianta

Rinvaso

La Dalechampia va rinvasata quando le radici hanno occupato tutto lo spazio disponibile e fuoriescono dai fori dell’acqua di sgrondo. Il rinvaso si effettua in primavera, generalmente ogni 2-3 anni. Si utilizza uno nuovo contenitore di poco più grande del precedente; argilla espansa come materiale drenante per il fondo e del buon terriccio universale.

Moltiplicazione della Dalechampia

Nuovi esemplari di Dalechampia si possono ottenere per seme e mediante talea.

Semina

In primavera i semi maturi e privi di muffe si interrano a 0,5 cm di profondità in un terriccio soffice, sciolto e ricco di sostanza organica mantenuto sempre umido con nebulizzazioni di acqua a temperatura ambiente e non calcarea. Le piantine vanno lasciate irrobustire e solo quando potranno essere maneggiate senza difficoltà si ripicchettano in vasi più grandi o impiantate direttamente a dimora.

Riproduzione per talea

E’ una tecnica di propagazione vegetativa o agamica molto semplice, a costo zero, che consente di ottenere esemplari identici alla pianta originale.

A fine estate, si prelevano talee lunghe 15-18 cm, recidendo le parti apicali dei rametti giovani e vigorosi, portanti ognuno almeno 2-3 foglioline; si interrano in un miscuglio composto da sabbia e torba in parti uguali, mantenuto appena umido fino all’avvenuta radicazione che viene segnata dall’emissione di nuove foglie.

Potatura

I tralci o vitigni della vite a farfalla costaricana hanno la tendenza a svilupparsi in tutte le direzioni in maniera disordinata e aggrovigliata pertanto ogni anno, dopo la fioritura o all’inizio della ripresa vegetativa, si rendono necessari interventi di potatura. Per alleggerire la pianta, favorire l’arieggiamento delle parti più interne e stimolare il ricaccio di nuovi vitigni si potano i rami secchi e si accorciano le ramificazioni troppo lunghe. Adeguate potature servono anche ad evitare l’insorgenza di pericolose malattie fungine e le infestazioni da acari.

Parassiti e malattie della Dalechampia

E’ una pianta sensibile alle malattie fungine come il marciume delle radici e soprattutto a infestazioni parassitarie da parte di afidi e del ragnetto rosso. I primi colonizzano i fusti e i peduncoli fogliari mentre i secondi li soffocano con le loro sottili ragnatele.

Cure e trattamenti

Per il suo portamento sarmentoso rampicante, la Dalechampia necessita di un robusto sostegno per far arrampicare i suoi fusti sottili.

La pianta di Dalechampia come detto precedentemente è sensibile al freddo, specialmente agli improvvisi e repentini sbalzi di temperatura e nelle regioni fredde corre l’obbligo quindi di ricoverarla in un ambiente luminoso e caldo con una temperatura di almeno 10 gradi.

I parassiti e le malattie fungine vanno prevenuti o sconfitti nebulizzando sul fogliame dei prodotti specifici a base di rame o di equiseto.

Dalechampia-spathulata

Varietà di Dalechampia

Esistono circa 115 specie di Dalechampia, diffuse in tutte le regioni regioni tropicali e subtropicali del mondo, sebbene la maggior parte provenga dalle Americhe.

Dalechampia roezliana

Una varietà arbustiva e sempreverde originaria del Messico. Ha foglie verdi e in primavera produce fiore senza petali con brattee rosa. Per le sue dimensioni contenute è  molto adatta ad essere coltivata in vaso.

Dalechampia sphatulata

Una specie arbustiva originaria del Belize, alta circa 1,5 metri. Si presenta con un fusto principale molto sviluppato ma poco ramificato. Le foglie sono verdi e lungamente picciolate. Hanno forma spatolata, apice acuminato e bordo intero o dentellato. Durante il periodo della fioritura, estate-autunno,  produce infiorescenze ascellari composte da brattee rosa e fiori bianchi o di colore verde.

Usi

Le piante di Dalechampia sono apprezzate come ornamentali per ricoprire muri, pergolati, ringhiere e altri tipi di sostegno. In vaso è ideale come pianta d’appartamento su scaffali o nei panieri sospesi e all’aperto per abbellire il balcone o la terrazza fino a quando le temperature minime non costituiscono un problema per la sua sopravvivenza.

La Dalechampia è velenosa?

Come la Poinsettia o Stella di Natale e tutte le Euforbia anche la Dalechampia produce una linfa lattiginosa e caustica che per contatto provoca fastidiose irritazioni cutanee e oculari che si evitano  semplicemente indossando i guanti da giardinaggio.

Nome inglese della Dalechampia

In Inghilterra la pianta in riferimento alle brattee dei fiori simili alle ali delle farfalle, è nota come:  Silk Crepe Flower, Purple Wings, Bowtie Vine, Butterfly Vine costaricano.

Nomi comuni della Dalechampia

In Italia è comunemente chiamata: Ali viola, vite a farfalla costaricana, vite con farfallino

Curiosità

La pianta fu descritta per la prima volta nel 1841 e il nome Dalechampia le fu dato da Charles Plumier per onorare e ricordare Jacques Daléchamps, un medico e botanico francese del XVI secolo. L’epiteto specifico, dioscoreifolia, è riferito alle foglie che ricordano quelle di Dioscorea.

Galleria foto Piante rampicanti

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica