Crossandra coltivazione


Crossandra-foto


La Crossandra è una pianta ornamentale sempreverde di origine esotica che viene coltivata alle nostre latitudini come pianta d’appartamento per la bellezza del suo fogliame e per la copiosa e persistente fioritura.

Crossandra-infundibuliformis


Caratteristiche generali Crossandra

La Crossandra è una pianta perenne della famiglia delle Acanthaceae proveniente dall’Africa e dal Medioriente.

Al genere appartengono diverse specie ma quelle adatte al nostro clima sono solo la Crossandra infundibuliformis e la Crossandra lanilotica, piante alte mediamente 70 cm e per lo più a sviluppo arbustivo.

Crossandra-infiorescenze


Leggi anche: Echium fastuosum coltivazione

La Crossandra è dotata di un apparato radicale di tipo fascicolato, numerosi steli erbacei ricoperti da  grandi foglie lanceolate, lucide e coriacee di colore verde brillante.

Crossandra-foglie

Le foglie, solcate da profonde ed evidenti nervature, hanno i margini lievemente ondulati.

Durante il periodo della fioritura, sugli apici dei rametti compaiono delle pannocchie simili a quelle del Beloperone, composte da numerosi fiori arancioni, bianchi o gialli a seconda della varietà.

I frutti sono baccelli contenenti 4 -5 semi oblunghi di colore marrone.

Fioritura: nei luoghi di origine la Crossandra fiorisce per tutto l’anno mentre in appartamento dalla primavera all’autunno.

Crossandra-fioritura

Coltivazione Crossandra

Esposizione: ama i luoghi luminosi ma teme i raggi diretti del sole, le temperature inferiori ai 22 -24° C e le correnti d’aria fredda.

Terreno: predilige terreni umidi, soffici, ricchi di sostanza organica, ben drenati e a pH leggermente acido.

Annaffiature: le piante allevate in vaso vanno annaffiate regolarmente mentre quelle in piena dimora solo se il terreno è asciutto da più giorni.

Concime

Concimazione: dalla ripresa vegetativa (primavera) e fino a fine fioritura somministrare un concime specifico per piante da fiore ricco in azoto (N), in potassio (K) e fosforo (P) o liquido o in forma granulare.

Crossandra-fiori

Moltiplicazione Crossandra

La pianta si propaga in primavera per seme e per talea. La semina si effettua mettendo a germinare i semi in letto caldo e buio. Dopo la germinazione le piantine vanno diradate, trasferite in piccoli vasi e collocate in zone luminose.

Le talee di ramo lunghe all’incirca 10 cm, prelevate con cesoie ben affilate e disinfettate, invece, si mettono a radicare in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali.

Per tutto il periodo della radicazione e fino alla comparsa dei nuovi germogli il terreno va mantenuto costantemente umido. Le nuove piantine ottenute con questa tecnica vanno poi trasferite inizialmente in vasi di piccole dimensioni ed allevate con le stesse cure della pianta madre.

rinvaso

Rinvaso Crossandra

La pianta va rinvasata ogni due anni in quanto le radici tendono ad occupare tutto lo spazio disponibile. Il rinvaso si effettua in autunno, dopo la fioritura, avendo l’accortezza di non rovinare il pane di terra che avvolge le radici. Il nuovo vaso deve essere di qualche cm più grande del precedente e il terriccio nuovo fresco, fertile e possibilmente misto ad una parte di sabbia grossolana.

Crossandra-pianta

Potatura della Crossandra

Per favorire l’emissione di nuovi getti basali si accorciano a circa 30 cm dalla base i rametti dell’anno utilizzando cesoie ben affilate e disinfettate. I rametti recisi potranno essere utilizzati anche per moltiplicare la pianta per talea.

ragnetto-rosso-tetranychus_urticae_with_silk_threads

Malattie e parassiti

La Crossandra teme il marciume delle radici causato dal cattivo drenaggio del terreno; soffre l’attacco del ragnetto rosso se l’ambiente è troppo secco; talvolta viene attaccata dalla cocciniglia cotonosa che di solito si annida a livello dei nodi degli steli e dai pidocchi delle piante.

Crossandra-cure

Cure e trattamenti

Eliminare di volta in volta i fiori secchi, le foglie appassite: nebulizzare le foglie durante l’estate con acqua a temperatura ambiente; spolverare periodicamente le foglie con uno straccio umido. I trattamenti antiparassitari e fungicidi vanno effettuati solo se necessari utilizzando prodotti a largo spettro meglio se biologici.

Galleria foto Crossandra

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta