Concimazione del prato


Quando concimare e quali sono i concimi adatti per il prato o tappeto erboso? Quanto concime utilizzare per ogni metro quadrato?

prato-tappeto erboso


Il giardino di casa con un manto erboso verde brillante e privo di macchie causate dall’attacco di malattie parassitarie e fungine è il vanto dell’appassionato di giardinaggio e di chi possiede il classico pollice verde.


Concimazione del prato

Il prato con erba folta e fitta deve esser ben tenuto e curato, la manutenzione settimanale e le concimazioni periodiche a tempo debito.

prato-foto

Il manto erboso per assolvere alle sue funzioni come ad esempio ridurre i rumori cittadini, purificare l’aria (il prato filtra i cattivi odori e  assorbe l’anidride carbonica), rilasciare ossigeno e regolare la temperatura ambiente (riduce la calura estiva) richiede concimazioni periodiche ed equilibrate non solo per favorire la radicazione e la crescita del cotico erboso ma anche per aumentare la resistenza alle avversità, alle malattie e alle forti escursioni termiche.


Leggi anche: Tappeto erboso

prato

Prima di effettuare le concimazioni, però, è necessario aerare il tappeto erboso per evitarne il soffocamento e per ripulirlo con cura delle parti di cotico secco, ingiallito o danneggiato mediante l’uso di un forcone prima e di un rastrello e altri attrezzi per tappeti erbosi.

tappeto-erboso-concimazione

Il terreno del prato deve essere ben nutrito e mantenuto in equilibrio: il concime da apportare deve essere ricco di azoto (N)per lo sviluppo vegetativo, di fosforo (P) per lo sviluppo delle radici, e di potassio (K) per un colore più vivo dell’erba e per assicurare una maggiore resistenza alle avversità.

Concime-granulare

La concimazione a lento rilascio a base di di azoto è la più importante perchè è quella che garantisce un nutrimento adeguato per circa 3 mesi; favorisce lo sviluppo delle foglie e accelera la fotosintesi.
Questa concimazione va effettuata sempre su terreno umido.

prato

Quando concimare il prato

Con l’arrivo della primavera il prato si risveglia dal riposo vegetativo che vede il suo culmine di sviluppo verso la metà di maggio ed è proprio in questo periodo che esso deve avere a disposizione gli elementi nutrivi indispensabili per la formazione dei culmi e delle nuove foglie.

Irrigazione del giardino

Pertanto nei mesi di marzo, aprile e maggio bisogna distribuire una concimazione abbondante con alte percentuali di azoto, elemento maggiormente richiesto dalla vegetazione.
Utili anche le concimazioni estive di maggio-giugno e di agosto-settembre per il cotico erboso a crescita estiva.

Concime-pellettato

Fondamentale la concimazione del tardo autunno: in questo periodo occorre somministrare un fertilizzante con un tenore di potassio più elevato, per aiutare il prato a superare il freddo e il gelo dell’inverno.

dicondra
Per la concimazione del prato a dicondra un tipo di erbacea a lentissima crescita, ma molto resistente, le dosi di concime suggerite sono di 1 kg x 130 m².

spandiconcime-gardena

Dosi di concime per la concimazione del prato

Le dosi di concime azotato utili a rafforzare l’apparato radicale, si aggirano intorno ai 5 Kg per 150-250 m², in alternativa concime ternario bilanciato, composto da tre elementi principali, azoto, fosforo e potassio, in ragione di 10 kg per 100 m².
I granuli vanno sparsi a mano con il sistema a spaglio o con lo spandiconcime a getto un pratico attrezzo che agevola la diffusione omogenea del concime su tutto il terreno coltivato a prato.

Galleria foto prato

LauraB

Commenti: Vedi tutto