Come scegliere lo spandiconcime

Come scegliere lo spandiconcime? Materiali, metodo di rilascio del fertilizzante, dimensioni ed ergonomia sono ciò che conta. Vediamo nel dettaglio tutte queste caratteristiche, come funziona uno spandiconcime manuale ed anche qual è la quantità giusta di fertilizzante da usare.

come-scegliere-lo-spandiconcime-16

Lo spandiconcime è un attrezzo che vi aiuta molto con il giardinaggio. Infatti, è fondamentale per spandere il concime più rapidamente ed assicurarsi che il vostro terreno sia fertile.

Vogliamo darvi dei consigli per scegliere lo spandiconcime migliore. Per questo, per prima cosa andremo ad analizzare le caratteristiche che deve avere.

Poi, ci concentreremo sullo spandiconcime manuale, uno dei migliori. Infine, vi diamo anche qualche suggerimento per capire la quantità giusta di concime che serve per il vostro terreno.

come-scegliere-lo-spandiconcime-6

Come scegliere lo spandiconcime

come-scegliere-lo-spandiconcime-18


Leggi anche: Piante pericolose e velenose per i bambini conseguenze e cosa fare

Per scegliere il giusto spandiconcime ci sono una serie di fattori da tenere in considerazione. Vediamo quali sono così da avere un’idea di come regolarsi per fare l’acquisto migliore per le nostre esigenze.

Materiali

come-scegliere-lo-spandiconcime-2

Valutare attentamente di che materiale è fatto lo spandiconcime è fondamentale per scegliere un prodotto di qualità. Ovviamente, se si scelgono materiali scadenti il nostro spandiconcime non durerà a lungo, quindi in questo caso puntate sull’efficienza.

Fondamentalmente possiamo trovarlo di due tipi: in plastica dura ed in acciaio. Come facilmente intuibile, quello in acciaio sarà molto più resistente. Al tempo stesso, però, risulterà anche notevolmente più pesante.

Nel caso di spandiconcime manuali che devono quindi essere trascinati avanti e indietro potrebbe non essere la soluzione migliore. Quello in plastica dura invece risulta molto più pratico ed è sicuramente consigliato in questi casi.

Dimensioni

come-scegliere-lo-spandiconcime-10

Un altro problema riguarda le dimensioni dello spandiconcime. Anche in questo caso, per scegliere quelle giuste dovete considerare il tipo di terreno che dovete concimare.

Ad esempio, se avete solo un piccolo appezzamento, non vi conviene scegliere una tipologia molto grande. Sarà solo ingombrante e difficile da spostare.

Se, invece, avete una vasta distesa, dovete per prima cosa considerare che modello di spandiconcime avete scelto. Se avete puntato su un modello da trattorino, potete sceglierlo anche molto grande, in modo da non doverlo riempire di continuo.


Potrebbe interessarti: Erbe selvatiche commestibili

Nel caso in cui abbiate scelto un modello manuale, dovete tener conto che più grande sarà, più concime potrà contenere e di conseguenza risulterà più pesante. Ciò significa anche che sarà più difficile da spostare.

Ergonomia

come-scegliere-lo-spandiconcime-15

Anche il fattore ergonomico è un aspetto importante da mettere in conto, soprattutto se avete optato per un modello manuale. Infatti, lo spandiconcime deve essere quanto più comodo possibile affinché si riesca a spostare senza troppa fatica.

In genere, potete trovarlo sia con un manico che con le maniglie. In questo caso sta a voi valutare che tipo di impugnatura vi risulta più comoda.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Metodo di rilascio del concime

come-scegliere-lo-spandiconcime-14

Non tutti gli spandiconcime rilasciano il fertilizzante allo stesso modo. Ad esempio, ce ne sono alcuni in grado di rilasciare solo concime liquido.

Questo viene inserito in una vaschetta e tramite un apposito ugello sparso poi per tutto il terreno. Questa tipologia è perfetta per i giardini più grandi, ma bisogna fare attenzione a non lasciare alcune zone senza fertilizzante.

Chi, invece, preferisce depositare i semi in modo da essere sicuri di non tralasciare nessuna parte, può puntare sullo spandiconcime a goccia.

Infine, per i terreni più grandi, spesso si punta sullo spandiconcime con diffusore rotante che ha la particolarità di spargere il concime proprio con una rotazione, in modo da farlo arrivare più lontano e coprire vaste zone più velocemente.

Spandiconcime manuale

come-scegliere-lo-spandiconcime-17

Fondamentalmente lo spandiconcime può essere agganciato ad un trattorino oppure essere manuale. Quest’ultimo è uno dei più utilizzati, per questo vogliamo spendere qualche parola a riguardo.

Iniziamo col dire che si tratta di un modello che va bene per i terreni piccoli, ma anche per chi vuole una maggiore precisione ed assicurarsi che il fertilizzante venga rilasciato in delle zone in particolare.

In genere sono dei modelli molto leggeri proprio perché devono essere spostati con facilità. Per rendere il lavoro ancora meno faticoso, spesso sono dotati anche di una batteria.

Altro loro vantaggio è il prezzo, che rimane nettamente più basso rispetto agli altri spandiconcime. Insomma, è sicuramente consigliato per chi è alle prime armi.

Quanto concime mettere nello spandiconcime

come-scegliere-lo-spandiconcime-12

Quando si compra uno spandiconcime è importante anche saperlo utilizzare bene. Una delle cose più difficili è capire quanto concime mettere. 

Molto dipende anche dal tipo di terreno che avete e da qual è il suo fabbisogno. Ad ogni modo, potete fare anche voi un calcolo approssimativo.

Per prima cosa bisogna misurare la superficie a disposizione, poi moltiplicarla per la quantità di concime consigliata. A questo punto versate metà del concime necessario e spargetelo in verticale. Poi, con l’altra metà procedete in orizzontale in modo da essere sicuri di ricoprire tutto il terreno.

Come scegliere lo spandiconcime: immagini e foto

Tra le immagini della seguente galleria avrete modo di osservare diversi tipi di spandiconcime. Non esitate a dare un’occhiata alle foto per capire come scegliere quello che fa al caso vostro.

Federica De Blasio
  • Laurea magistrale in lingue e letterature moderne
  • Autore specializzato in Arredamento
Suggerisci una modifica