Come scegliere guanti da giardinaggio

Caratteristiche, tipologie e materiali: ecco una pratica guida all’acquisto su come scegliere i guanti da giardinaggio. Se per te è la prima volta, scopri anche come trovare la taglia più adatta.

come-scegliere-guanti-giardinaggio-6

Avvicinarsi al mondo del giardinaggio significa prima di tutto dotarsi dell’attrezzatura necessaria per evitare di farsi male.

Acqua, terreno, spine, insetti: questi sono solo alcuni degli agenti con cui verranno a contatto le tue mani. Tanto quanto la soddisfazione di veder crescere il proprio orto o i propri fiori, così sono grandi i fastidi, le vesciche e i tagli che dovrà sopportare la pelle delle tue mani.

In realtà, esiste una soluzione abbastanza ovvia e consiste nell’indossare dei guanti. Sì, ma come acquistarli? E’ chiaro che non esistono delle regole assolute, molto dipende dalla tua sensibilità cutanea, dai lavori che dovrai intraprendere e dal budget a disposizione, ma certamente possiamo consigliarti delle linee guida su come scegliere i tuoi guanti da giardinaggio.


Leggi anche: Piante rampicanti perfette per balcone e terrazzo

Ricorda che tutelare le proprie mani è importante anche per evitare infortuni: a seconda di quello che andrai a piantare o potare potresti utilizzare delle forbici più o meno taglienti quindi sarà fondamentale proteggersi adeguatamente.

Caratteristiche e tipologie

come-scegliere-guanti-giardinaggio-1

In commercio troverai i guanti da giardinaggio già divisi per tipologia. Se ti servono per una semplice pulizia del giardino, potresti optare per dei comuni guanti per arbusti; se invece consideri di lavorare a lungo con il terreno, saranno più indicati quelli da trapianto. Attenzione, per la potatura di piante spinose esistono direttamente quelli antispina.

Infine, se hai intenzione di utilizzarli anche per le fasi di irrigazione è opportuno che siano impermeabili.

Tra le caratteristiche da valutare in fase d’acquisto, tieni presente che quello che proprio non può mancare è la protezione rinforzata per palmo e dita. Questo non solo migliora la resistenza del guanto nei punti che poi sono quelli maggiormente sollecitati, ma ti permetterà anche di avere migliore manualità.

Anche le cuciture devono essere opportunamente rinforzate: questo aumenta il ciclo di vita del prodotto preservandone intatta la qualità.

Infine, faresti bene a ricercare anche la chiusura sul polso in modo che aderenza e vestibilità siano ottimali, soprattutto qualora la taglia non fosse perfetta. Considera però che sia un materiale morbido altrimenti ti irriterai facilmente perché la pelle della parte interna del polso è molto delicata. Questa specifica allacciatura serve anche a ridurre l’ingresso di eventuali detriti che altrimenti andranno tolti ogni volta.


Potrebbe interessarti: Bambù coltivazione

Materiali tra cui scegliere

come-scegliere-guanti-giardinaggio-7

Sia online che nei negozi di fai da te e giardinaggio potrai scegliere tra materiali diversi. Molto dipende dalle attività che vorrai intraprendere, ma in linea di massima più li sceglierai resistenti meno rischi correranno le tua mani.

Partiamo proprio da quelli più pesanti, i guanti da giardinaggio in pelle. Contrariamente a quanto potresti pensare offrono un’ottima flessibilità delle dita e dei polpastrelli, pur essendo molto spessi. Sono i migliori quando si parla di protezione da graffi, abrasioni e vesciche, ma considera che la loro manutenzione non è propriamente facile e soprattutto non possono essere messi in lavatrice.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Un’alternativa interessante sono quelli in finta pelle, più economici, ma meno resistenti.

Se pensi di poterti accontentare di qualcosa di meno robusto, ma altrettanto impermeabile e protettivo, allora potrai prendere in considerazione i guanti in gomma. Attenzione perché c’è il rischio che si forino facilmente.

A tal proposito potrebbero essere più adatti quelli in neoprene, soprattutto se sai che ti imbatterai in rovi e rami secchi.

Infine, i più sottili e altrettanto confortevoli, quelli in cotone. Questi guanti proteggono da graffi e abrasioni e sono consigliati per piccoli lavoretti quotidiani come l’innaffiatura. Esistono anche in versione bambino, trovi una foto nella gallery finale.

Come capire che taglia porti

come-scegliere-guanti-giardinaggio-8

Se è la prima volta che acquisti dei guanti da giardinaggio, la questione più “spinosa” è certamente la scelta della taglia. Soprattutto se li compri online e quindi non avrai modo di provarli personalmente, sarà il caso di seguire qualche regola standard.

Ovviamente questo non ti assicura una calzata perfetta perché ogni produttore ha le sue dimensioni; molto varia a seconda del materiale (ad esempio, i guanti in pelle non hanno la stessa vestibilità di quelli in cotone), ma seguendo queste indicazioni eviterai di fare un acquisto completamente alla cieca.

Prima di tutto misura la circonferenza della tua mano. Servendoti di un metro da sarta non dovrai far altro che avvolgere la mano nel suo punto più largo, dalla base del mignolo fino alla zona tra indice e pollice (quest’ultimo deve rimanere fuori).

Una volta stabilita questa lunghezza, aiutati con questa tabella:

XS: 17,8 cm;
S: 19–20,5 cm;
M: 21,5–23 cm;
L: 24–25,5 cm;
XL: 26,5–30 cm;
XXL: 29 –30,5 cm.

Come scegliere guanti da giardinaggio: immagini e foto

Ecco una gallery fotografica riepilogativa degli argomenti trattati. Ti ricordiamo che non esistono regole generali valide per tutti, ma ti consigliamo di valutare quali lavori di giardinaggio andrai a svolgere e con quale frequenza.

Maria Chiara Barsanti
  • Laurea in Relazioni Internazionali
  • Esperta in Digital Marketing e Comunicazione
  • Autore specializzato in Design, Lifestyle
Suggerisci una modifica