Come scegliere asce e accette per il legno

Asce oppure accette? Se non sai qual è l’attrezzo giusto per permetterti di tagliare il legno, non ti resta che continuare a leggere questa mini guida esaustiva. 

Come scegliere asce e accette per il legno 2

Per poter rispondere alla domanda se scegliere ascia od accetta per tagliare il legno, dovrai prima porti un altro interrogativo ovvero: qual è l’uso che devo farne? L’attrezzo in questione, infatti, potrebbe servirti per abbattere un arbusto, mettere in campo interventi di stramatura, spaccare la legna in giardino e via discorrendo. Ognuna delle attività da eseguire necessiterebbe di un attrezzo specifico, meglio se di qualità.

Questi strumenti per il taglio del legno, hanno origini antichissime. E’ dalla preistoria che i nostri antenati hanno dovuto cercare nella natura le risorse per sopravvivere. Tra queste risorse spicca il legno, fondamentale prima per creare giacigli e riparo poi, con la scoperta del fuoco. Anche in tempi moderni, il legno è fondamentale per la vita degli esseri umani anche se, con il passare degli anni, procurarsela è diventato sempre più difficoltoso.


Leggi anche: Faggio – Fagus sylvatica

In generale, si può dire che l’ascia serve per tagliare pezzi di legno più grandi; l’accetta per quelli più piccoli. In realtà, le lame di questi due attrezzi si differenziano. Ne puoi trovare di pesanti o leggere, piccole o grandi. La lunghezza del manico è l’elemento caratterizzante: nelle asce, infatti, è lungo quasi il doppio, il che permette un’impugnatura a due mani. In particolare, l’accetta si utilizza soprattutto per stramare e potare gli alberi. In commercio ne troverai tantissime, con le caratteristiche più svariate. Lo stesso si può dire per le asce, ognuna indirizzata ad un uso piuttosto che un altro.

Le asce e le accette servono soprattutto in vista dell’inverno per potersi procacciare il legno necessario oppure svolgere i lavori in orto e giardino. Con questa mini guida, ti aiuteremo ad orientarti nel mare magnum di modelli e caratteristiche che, troppo spesso, disorientano i consumatori. 

Come scegliere asce e accette per il legno 3

Come scegliere ascia per il legno

Come scegliere asce e accette per il legno 1


Potrebbe interessarti: Rosa coltivazione

Prima di comprendere qual è l’ascia spaccalegna migliore per le tue esigenze, dovrai conoscerne le caratteristiche di base. Le parti che compongono un’ascia per il legno sono due: impugnatura o manico e testa.

La prima può essere realizzata in legno o plastica, la seconda è solitamente in acciaio. Il manico in legno, dovrà essere trattato per resistere all’umidità. Quest’ultima, infatti, potrebbe deformarlo.

La lunghezza del manico delle asce è quasi il doppio di quella delle accette. Centimetri in più che permettono di impugnarla con entrambe le mani e avere una presa più salda. Con una impugnatura più lunga si può avere anche uno slancio di forza maggiore. Inoltre, consente anche di avere un la possibilità di raggiungere un punto più lontano.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Per quanto riguarda la testa, invece, questa è realizzata con lame spesse e pesanti, facilmente riconoscibili dalla forma a cuneo o rigonfiata. Si tratta di una caratteristica tipica delle asce da spacco. Quelle che servono a tagliare legni più piccoli, hanno lame che potrebbero risultare più leggere.

Se sei un utente esperto, potrai scegliere un’ascia più grande. Se sei un utente principiante, invece, il consiglio è di prenderla più piccola. Per capire qual è l’ascia quella giusta per te, potresti fare un test.

Prendi l’ascia, ruotala e allontana il braccio dal corpo. Ruota ancora l’ascia e, prendendola con l’altra mano portala vicino al corpo in modo da formare un angolo retto con il braccio. Se il manico ti finisce giusto sotto il mento, non va bene. Dovrai sceglierne una più corta e ripetere il test. L’ascia dovrebbe essere lunga tanto quanto il tuo braccio.

Un test simile riguarda anche il peso dell’ascia. Prova a sollevarla con un solo braccio teso. Se riuscirai a sollevarla e a piegare il braccio con facilità e senza fatica, allora è l’ascia giusta per te. 

Come scegliere accetta per il legno

Come scegliere asce e accette per il legno 4

L’accetta è notoriamente un utensile a mano caratterizzato da un manico ed una testa (lama) di metallo oltre al perno di ancoraggio del manico. L’accetta si usa con una sola mano. La lama deve essere abbastanza tagliente da permettere di tagliare il legno profondamente e decisamente. Le accette comuni sono dotate di un manico compreso tra i 30 ed i 40 centimetri.

L’accetta permette di praticare tagli verticali ravvicinati. Se devi tagliare ciocchi piccoli o rami ti permetterà di praticare incisioni precise e controllate. Puoi scegliere tra lama sottile o convessa. Il peso oscilla tra i 500 ed i 600 grammi.

Per non limitarti, potresti voler acquistare accette dotate di teste e manici di ricambio che, proprio alla stregua di coltellini svizzeri, ti permetteranno un ventaglio ampio di lavori.

Come scegliere asce e accette per il legno: foto e immagini

Ora che sai perfettamente come procedere alla scelta delle asce e delle accette, non ti resta che metterti alla ricerca di quelle giuste per te. Prima, però, potrebbe essere utile guardare ancora una volta, le foto che abbiamo scelto per te.

Rita Paola Maietta
  • Giornalista Pubblicista dal 2010
  • Laurea Magistrale in Scienze della Comunicazione
  • Master in Comunicazione, specializzazione in Design, Arredamento, Lifestyle
Suggerisci una modifica