Chasmanthe floribunda – Gladiolo africano


Chasmante-Gladiolo africano

La chasmanthe o gladiolo africano è una bulbosa che con i suoi fiori particolari e dai colori vivaci rallegra i giardini, le terrazze e i balconi già dalla fine dell’inverno.

Chasmanthe-floribunda


Caratteristiche Chasmanthe floribunda – Gladiolo africano

La Chasmanthe floribunda è una pianta erbacea perenne della famiglia delle Iridaceae originaria del Sud Africa diffusa soprattutto da Capo nord-ovest a Capo sud. Allo allo stato selvatico o rustico la pianta cresce nei terreni incolti, lungo i sentieri collinari e persino a ridosso di ruderi abbandonati della nostra penisola.
La Chasmanthe, come il gladiolo è una pianta geofita e si sviluppa da un cormo o bulbo globoso leggermente depresso dal diametro di circa 4 cm. Il cormo è rivestito da una spessa cuticola squamosa marrone di consistenza cartacea che tende facilmente ad esfoliarsi con l’invecchiamento o la disidratazione.

gladiolo-bulbo-cormo

La parte aerea della Chasmanthe a portamento cespuglioso è formata da numerose foglie di colore verde chiaro che differiscono da quelle dell’Iris per una consistenza meno coriacea.

Le foglie a forma di spada sono solcate da una prominente nervatura centrale, i margini sono lisci e gli apici appuntiti. Le foglie della Chasmanthe, in estate gradualmente seccano per poi ricomparire puntualmente forti e vigorose nell’autunno successivo.

Nel periodo della fioritura, dalle foglie disposte a ventaglio spuntano steli eretti di colore verde-rossastro alti mediamente 1 metro portanti delle particolari infiorescenze erette a spiga.

Chasmanthe-fiore

Ciascuna infiorescenza è composta da 30 a 40 fiori tubolari non profumati e di colore arancione intenso molto simili a quelli della Columnea.

I frutti sono capsule appiattite-globose, a 3 lobi, contenenti semi globosi o spigolosi con superficie leggermente verrucosa. In ogni capsula si contano fino a 12 semi di consistenza carnosa e di colore arancione.

Chasmanthe-capsule-semi

I semi della Chasmanthe grandi all’incirca quando un pisello di media dimensione possono essere raccolti quando la capsula si spacca e conservati  per la futura semina.

Fioritura della Chasmanthe: da metà inverno e per tutto il periodo primaverile. Nell’emisfero Australe la pianta fiorisce anche in estate tra luglio-settembre.

Chasmanthe-floribunda-coltivazione

Coltivazione della Chasmanthe

  • Esposizione: per produrre fiori a profusione va posizionata in luoghi luminosi e soleggiati per molte ore al giorno. In luoghi ombrosi la pianta si sviluppa in modo stentato e le infiorescenze sono sporadiche. Non ama le zone umide, si adatta bene alle zone mediterranee e tollera molto bene la siccità prolungata e il clima temperato. A temperature elevate i cormi o bulbi entrano in riposo vegetativo forzato e vi restano fino  a quando non arrivano le prime piogge.
  • Terreno: anche se si adatta a qualunque tipo di terreno, il substrato ottimale di coltivazione  è quello ben drenato, sabbioso e ricco di sostanza organica. In terreni troppo compatti e con ristagni idrici i cormi o bulbi tendono a marcire in breve tempo.
  • Annaffiature: le piante di Chasmanthe vanno irrigate regolarmente ed abbondantemente nel periodo della ripresa vegetativa e nella fase di crescita soprattutto se il clima è particolarmente  siccitoso. Le innaffiature vanno invece diradate in estate-autunno periodo in cui le foglie incominciano ad ingiallire.
  • Concimazione: dal momento dell’impianto e per tutto il periodo della fioritura, ogni 20 25 giorni,  somministrare alla base dei cespi di foglie del  concime liquido specifico per piante da fiore, diluito all’acqua delle annaffiature. In alternativa utilizzare un fertilizzante granulare a lento rilascio equilibrato in macro e microelementi.

Coltivazione della Chasmanthe in vaso

La chasmanthe può anche essere facilmente coltivata in vaso. Per uno sviluppo armonioso dell’apparato radicale e della parte aerea della pianta occorrono dei vasi capienti e profondi, terriccio ben drenato e fertile. Le annaffiature vanno fatte quando il terreno è completamente asciutto e le concimazioni vanno praticate in primavera e in autunno per assicurare i nutrienti necessari per il ricaccio delle foglie e per la fioritura. In inverno il vaso contenente la Chasmanthe va riparato dal gelo dell’inverno.

Chasmanthe-usi

Moltiplicazione della Chasmanthe

La pianta di Chasmanthe si riproduce per seme ma può essere moltiplicata per via agamica mediante la divisione dei bulbilli che si originano lateralmente a quello originale.

Moltiplicazione per seme

La semina si effettua in autunno o in primavera utilizzando dei semenzai profondi contenenti un substrato composto da 1 parte di sabbia di fiume  e 1 parte di composto fine. I semi si interrano ad una profondità di circa 3-4 cm. Il terriccio di semina va mantenuto sempre umido fino alla comparsa dei teneri germogli che generalmente spuntano dopo 1 mese se i semi sono freschi.

Moltiplicazione per divisione dei bulbi

Questa propagazione vegetativa si effettua ogni 3 o a anni in autunno separando i bulbilli che si sono sviluppati da cormi grandi e robusti che entrano in riposo vegetativo.

Potatura

La Chasmanthe non necessita di una vera potatura ma quando entra in dormienza  va ripulita dalle foglie ingiallite e dagli gli steli floreali appassiti per evitare che marcendo possano essere veicolo di malattie fungine per i cormi che vanno lasciati a dimora in quanto essi la differenza di tante altre varietà di bulbose non gradiscono i trapianti.

Impianto dei bulbi di Chasmanthe

I cormi vanno piantati in autunno a circa 6/8 cm di profondità con le punte rivolte verso l’alto. Le foglie e fiori si sviluppano già dalla primavera successiva.

Per assicurarsi piante forti e rigogliose di Chasmanthe floribunda basta seguire i seguenti consigli o suggerimenti:

  • per prima cosa scegliere dove collocarli, preferendo sempre una zona del giardino soleggiata e non esposta al vento;
  • al momento dell’acquisto assicurarsi che i bulbi siano perfetti, privi di ammaccature, conservati nel nella paglia o nella segatura e soprattutto privi di tracce di muffa;
    il terriccio che dovrà accoglierli deve essere soffice, ricco di materia organica e ben drenato per evitare che il ristagno idrico possa causare il marciume del bulbo;
  • le buche destinate all’impianto dei bulbi devono essere profonde il doppio della loro altezza. Essi generalmente vanno interrati a circa 8 cm di profondità e a distanza di circa 20 cm l’uno dall’altro;
  • dopo la messa a dimora, i bulbi vanno poi regolarmente annaffiati per stimolare il ricaccio delle foglie e successivamente dei fiori;
  • dopo circa 15 giorni dall’impianto fornire del concime specifico per piante da fiore o liquido, opportunamente diluito nell’acqua delle annaffiature oppure granulare a lenta cessione.

Rinvaso

Il rinvaso della Chasmanthe si effettua quando i cormi hanno occupato tutto lo spazio disponibile in media ogni 2 anni.e sempre nel periodo di riposo vegetativo. Si estraggono i bulbi dal vaso e si trasferiscono subito in un altro più grande e profondo del precedente utilizzando nuovo terriccio fertile e sempre ben drenato.

Potatura

La Chasmanthe non necessita di una vera potatura ma quando entra in dormienza  va ripulita dalle foglie ingiallite e dagli gli steli floreali appassiti per evitare che marcendo possano essere veicolo di malattie fungine per i cormi che vanno lasciati a dimora in quanto essi la differenza di tante altre varietà di bulbose non gradiscono i trapianti.

Abbinamenti o consociazioni

La Chasmanthe , perfetta anche per i giardini rocciosi, può essere abbinata a piante a fioritura estiva come: Crocosmia, Tritonia, Agapanto, Gladiolo, ecc.

Parassiti e malattie del Gladiolo africano

La chasmanthe è una pianta rustica che soffre gli attacchi degli afidi e della mosca dei bulbi. Tra le malattie fungine è soggetta alla Ruggine che si manifesta con macchie rossastre a carico delle foglie quando l’ambiente di coltivazione è eccessivamente umido. Il nemico dei bulbi è il marciume l’umidità ambientale se l’ambiente di coltivazione è eccessivamente umido.
Nemica dell gladiolo è anche l’umidità, che porta ruggine e attacchi da parte della mosca dei bulbi, cercate dunque di far rimanere sempre umidiccio il terreno ma evitate durante l’irrigazione eccessivi ristagni di acqua.

Cure e trattamenti

Recidere i fiori lasciati appassire sulle piante. I bulbi lasciati a dimora vanno protetti dal gelo dell’inverno con una leggera pacciamatura di foglie secche o paglia. Parassiti e malattie fungine possono essere prevenuti con  trattamenti antiparassitari ed anticrittogamici specifici.

Chasmanthe-bulbosa

Varietà

Il genere Chasmanthe oltre alla C. floribunda comprende altre due specie diverse molto ricercate :

la Chasmanthe aethiopica, una bulbosa decidua ornamentale dal carattere invasivo di origine sudafricana chiamata comunemente chiamata piccolo giglio di cobra con foglie lanceolate di colore verde  chiaro ed infiorescenze a spighe formate da fiori sono zigomorfi (disposti specularmente su doppia fila) curvati verso l’esterno del lungo gambo. I fiori arancione è a forma di tromba con un tubo snello e contorto nella parte inferiore, gonfio e cilindrico nella parte superiore sbocciano durante l’autunno e l’inverno e in primavera da aprile a giugno.

Chasmanthe bicolor, una specie endemica nel Western Cape. Dall’inverno fino all’inizio della primavera produce fiori scarlatti arancione con tepali verdi laterali inferiori e un tubo giallo. I fiori ricchi di nettare attraggono i Nettarinidi particolari uccelli impollinatori con becco perfettamente modellato alle curve del fiore. Quando l’uccello inserisce il becco nel fiore in cerca di nettare, il polline sullo stame viene deposto sulla sua testa.

la Chasmanthe duckittii, una geofita, decidua, a crescita invernale, con foglie verdi a forma di spada e bellissime infiorescenze a spiga composte da fiori giallo canarino..

Curiosità

La Chasmanthe floribunda, prima della moderna tassonomia era conosciuta come Tritonia crocata.

Il nome del genere deriva dal greco chasme (a bocca aperta), e ánthos fiore.

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger

Google News


Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta