Cappero coltivazione


capperi


Il Cappero è un piccolo arbusto sempreverde coltivato per la produzione dei frutti e nei giardini a scopo ornamentale per tappezzare zone e muri rocciosi.

Capparis-cappero


Caratteristiche del cappero

Il cappero, Capparis spinosa, è una pianta fruticosa della famiglia delle Capparaceae , diffusa in tutte le regioni temperate, subtropicali e tropicali.

Si tratta una varietà a portamento arbustivo strisciante o ricadente formata da rami erbacei lunghi e fittamente sviluppati semilegnosi nella parte basale, erbacei e di colore verde brillante  per circa la metà della loro lunghezza.

Cappero-foglie


Leggi anche: Capperi sott’aceto

Le foglie, con forma ovale sono alterne, con lamina carnosa e a margine intero, di colore verde.

Cappero-fiore-foto

fiori sono bianchi e con tenui sfumature rosa – viola. Dal centro della corolla spuntano vistosi e lunghi pistilli.

Cappero-fiore
I frutti sono chiamati tapini, cucunci o semplicemente capperi.

Fioritura: il cappero fiorisce  da Giugno a Settembre.

Cappero-coltivazione

Coltivazione dei capperi

Esposizione: il cappero ama il caldo e l’esposizione soleggiata.

Terreno: terreni sabbiosi non calcarei, poveri e ben drenati.

Annaffiature: scarse e solo dopo il trapianto. I capperi coltivati in vaso vanno annaffiati solo quando il terreno è asciutto.

Concime-granulare


Potrebbe interessarti: Capperi sotto sale

Concimazione: verso la fine dell’inverno (gennaio-febbraio) distribuire ai piedi del cespo un concime ricco in Azoto (N), Fosforo (P) e Potassio (K).

Cappero-pianta

Moltiplicazione del cappero

La riproduzione dei capperi avviene per semina di semi freschi, per talea dei rami alla fine dell’estate o mediante l’impianto dei polloni laterali.

Semina dei capperi

La semina dei capperi, in semenzaio,  avviene in marzo – aprile e la messa a dimora si effettua nella primavera successiva.

Le talee lunghe almeno 10 cm si prelevano in estate r si piantano in un vaso contenente torba e sabbia in parti uguali. A radicamento avvenuto, si attende la primavera successiva per la messa a dimora prediligendo posizioni molto assolate e riparate da correnti fredde.

Trapianto del cappero

Il trapianto a dimora delle piantine di cappero si effettua in primavera a distanza di 120 cm sulla fila e di 150 cm tra le file.

Cappero-foto

Raccolta dei capperi

La raccolta dei capperi si effettuata in piena fioritura tra la fine di maggio e settembre periodo in cui i bottoni floreali non sono ancora aperti. La raccolta va fatta scalarmente all’alba ogni 10 giorni.

I boccioli floreali dopo la raccolta, si lasciano appassire all’aria per un giorno o due e poi conservati in salamoia.

Cappero-usi

Usi

In cucina per il loro particolare sapore intenso e piccante vengono utilizzati nella preparazione di pietanze, salse e condimenti.

La varietà grande viene utilizzata con tutto il picciolo per decorare gli aperitivi. Si utilizzano i boccioli floreali e i frutti immaturi.

Spaghetti al cartoccio con vongole olive pomodorini e capperi

In fitoterapia la radice è utilizzata per la cura di disturbi vascolari e come potente diuretico.

Conservazione dei capperi

I capperi vengono conservati sott’aceto o sotto sale.

capperi sotto aceto

Parassiti e malattie del cappero

Le piante di capperi raramente soffrono l’attacco di parassiti animali. Temono il marciume delle radici causato dall’eccessivo apporto idrico.

Galleria foto capperi

LauraB

Commenti: Vedi tutto