Campanula rapunculus – Raponzolo

Campanula-rapunculus

La Campanula rapunculus conosciuta comunemente come raponzolo o raperonzolo è una pianta erbacea con fiori campanulati che viene coltivata come ortaggio commestibile nell’orto o come ornamentale in vaso e nelle aiuole del giardino.

Caratteristiche generali della Campanula rapunculus – Raponzolo

La Campanula rapunculus è una pianta erbacea biennale o perenne della famiglia delle Campanulaceae che cresce allo stato selvatico in tutti i terreni freschi e incolti, ai margini di sentieri vallivi e montani, fino a 1500 metri di quota. E’ diffusa in tutta Italia ad eccezione delle isole, Sardegna e Sicilia.

Il raponzolo in pieno vigore vegetativo raggiunge un’altezza di circa 10 cm. Ha una radice a fittone bianca, carnosa e commestibile, lunga dai 3 agli 8 centimetri ricca di  lattice e inulina e che genera gemme svernanti al livello del suolo. La parte aerea del fusto è eretta, costolata e ramificata nella parte superiore.


Leggi anche: Campanula Portens Portenschlagiana

Campanula-rapunculus-foglie

Le foglie basali sono obovate e lunghe da 6 a 12 cm mentre quelle superiori o cauline sono lanceolato-spatolate e lunghe 1 cm. I bordi delle lamine fogliari sono dentellati. Foglie fusti sono ricoperti da una morbida peluria biancastra. Le foglie anche esse commestibili sono di colore verde.

Campanula-rapunculus-fiori

I fiori sono ermafroditi e riuniti in infiorescenze racemose ampie con portamento più o meno eretto. Hanno corolla forma di campana, lunga circa due centimetri, composta da 5 petali lilla-viola ricurvi verso l’esterno. Essi sono disposti lungo lo stelo fiori ermafroditi sono raggruppati in una infiorescenza racemose, con una luce corolla blu o viola a forma di campana, lungo circa due centimetri. Essi sono disposti lungo lo stelo in un cluster di fronte unilaterale abbastanza stretta.

I frutti sono delle capsule deiscenti ovoidi e erette contenenti piccolissimi semi.

I semi, numerosi e leggeri, rilasciati dalle capsule secche cadono al suolo e vengono trasportati a metri di distanza dal vento (disseminazione anemocora) e dalle formiche (disseminazione mirmecoria).


Potrebbe interessarti: Campanule campanelle

Campanula rapunculus-fioritura

Fioritura

La campanula rapunculus fiorisce dalla tarda primavera alla fine dell’estate, in genere da maggio a settembre.

Campanula rapunculus-Raponzolo-coltivazione


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Coltivazione della campanula rapunculus – Raponzolo

Esposizione

Può essere coltivata in vaso oppure direttamente nel terreno.

E’ una pianta che ama l’esposizione luminosa ma esposta per poche ore ai raggi diretti del sole. Sopporta bene il caldo dei mesi estivi e non teme il freddo. sposizione Va assicurata una posizione semi ombreggiata e un terreno mantenuto umido con innaffiature costanti. La fioritura estiva, inoltre, rende la pianta adatta ad uno scopo decorativo

Terreno

E’ una pianta rustica che predilige predilige terreni freschi, tendenzialmente calcarei e soprattutto ben drenati poichè non tollera i ristagni idrici.

Annaffiature

Il Raponzolo va regolarmente annaffiato durante il ciclo vegetativo , specialmente nei mesi estivi. Nel periodo autunno-inverno le annaffiature vanno diradate o sospese del tutto se le radici vengono estratte dal terreno.

Concimazione

Va fatta in primavera con una somministrazione di un  fertilizzante ricco di azoto (N), potassio (K) e fosforo (P) diluito nell’acqua delle annaffiature.

Campanula – Raponzolo: coltivazione in vaso

E’ una pianta facile da coltivare anche in vaso profondo almeno 30 cm per consentire un regolare sviluppo delle radici fittonanti. Il terreno deve essere fresco, umido ma ben drenato.

Moltiplicazione della Campanula rapunculus – Raponzolo

La riproduzione della pianta avviene per seme.

Semina

La semina direttamente nell’orto o in vaso si effettua in marzo-aprile oppure in maggio-giugno dopo aver mescolato i piccolissimi semi, a sabbia per una distribuzione più uniforme, in piccoli solchi distanti 25 cm.

Il terreno di semina, fresco, fertile, ben lavorato, deve essere luminoso ma  esposto troppo ai raggi diretti del sole e bagnato a pioggia, fino alla germinazione dei semi che generalmente avviene nel giro di 10 giorni.

Le piantine cresciute vanno diradate e durante il primo anno vanno regolarmente liberate dalle erbe infestanti.

Potatura

Per ottenere piante ben accestite vanno ripetute cimature per ottenere piantine ben accestite.

Parassiti e malattie della Campanula rapunculus

Questa bella pianta rustica raramente viene attaccata dagli afidi e dalle cocciniglie e tra le malattie fungine soffre il marciume delle radici se il terreno è troppo compatto e poco permeabile all’acqua.

Cure e trattamenti

Il raponzolo va sarchiato con frequenza e in inverno le radici vanno protette dal gelo con una pacciamatura di paglia o foglie secche.

Raccolta del Raponzolo

Le piante seminate nel mese di marzo si raccolgono in settembre mentre quelle nate dalla semina di maggio durante l’inverno. Le radici si raccolgono quando sono ancora piccole e carnose, a fine inverno.

Parti utilizzabili del Raponzolo

Tutte le parti di questa pianta, adici, steli e foglie, vengono consumate come verdura.

Usi della radici

Le radici di questa pianta simili a piccole rape ma dal sapore delicato che ricorda quelle nocciole possono essere consumate crude o cotte, negli antipasti o come contorni. Come i topinambur le radici del Raponzolo non contengono amido ma solo inulina e pertanto possono essere consumate senza problemi anche da chi soffre di diabete. Le radici da utilizzare in cucina vanno estratte dal terreno e raschiate con l’ausilio di un coltellino.

Usi delle foglie

Le foglie, dal tipico sapore amarognolo, si possono utilizzare cruse nelle misticanze oppure saltate in padella con aglio e olio, lesse nelle minestre e anche come ripieno di torte salate.

Le foglie possono essere impiegate come rimedio naturale nella cura delle infezioni del cavo orale e in questo caso sarà sufficiente masticarle per alcuni minuti.

Per un uso esterno gli impacchi di foglie di Raperonzolo sono utili nel trattamento delle verruche o per alleviare i dolori causati dai geloni. Per la preparazione basta pestare o tritare alcune foglie e applicare l’impasto ottenuto sulla zona interessata. In alternativa, si può preparare una soluzione ricca di mucillagine lasciando le foglie in ammollo in acqua calda.

Campanula rapunculus-Raponzolo-coltivazione

Usi dei fiori

I fiori della Campanula rapunculus vengono impiegati generalmente a scopo decorativo per realizzare bordure e aiuole fiorite generalmente con margherite. In vaso sono piante da fiore che vivacizzano i balconi e le terrazze semiombreggiate.

Raponzolo-proprietà

Raponzolo proprietà

Grazie alle sue proprietà questa pianta viene largamente consigliata anche per importanti effetti terapeutici. Essendo ricche di inulina e prive di amido, possono essere consumate dai diabetici e per l’effetto lassativo da coloro che soffrono soffre di stitichezza.

L’ infuso di radici essiccate o di foglie e fiori è un ottimo colluttorio antibatterico e disinfettante da utilizzare per i gargarismi con effetto lenitivo o rinfrescante sul cavo orale e contro il mal di gola.

Inoltre, insieme alla vitamina C, ha una buona efficacia diuretica e disintossicante.

Raperonzolo-Campanula rapunculus

Raperonzolo controindicazioni

Questa benefica verdura non ha effetti collaterali o controindicazioni. L’unica accortezza richiesta per il suo normale consumo è di prestare attenzione al terreno di coltivazione e di pulire accuratamente le radici per evitare rischi per la salute.

Campanule e linguaggio dei fiori

Nel gergo dei fiori, come le altre specie di campanule anche il Raponzolo è il simbolo speranza e della  perseveranza.

Curiosità

Il nome generico Campanula fa riferimento alla forma a campana del fiore e  deriva dal latino campanula che significa: piccola campana. L’epiteto specifico rapunculus che significa piccola rapa è riferito alle radici gonfie della pianta. Il nome scientifico fu attribuito alla pianta da Carl von Linné (1707 – 1778), il padre della moderna classificazione scientifica degli organismi viventi.

Galleria foto Campanula

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica