Camassia


Camassia-fiore

La Camassia è una bulbosa ornamentale ideale per realizzare bordure fiorite in giardino, per abbellire i laghetti naturali ed artificiali, le terrazze e i balconi in quanto molto facile da coltivare anche in vaso.

Camassia leichtlinii


Caratteristiche Camassia

La camassia è una pianta perenne rustica rustica della famiglia delle Liliaceae originaria del nord America.

La piant alta mediamente circa 90 centimetri forma cespugli ricchi di foglie che si originano direttamente da un bulbo allungato (come una cipolla di Tropea), duro e compatto.

Le foglie, nastriformi e lunghe più di 20 centimetri, sono lisce e di colore verde verde brillante.

I fiori, riuniti in infiorescenze a forma di spiga, sono a forma di stella, con corolla composta da 6 petali ligulati generalmente azzurri che fanno da corona ad un evidente bottone centrale di colore giallo e a 6 stami portati da lunghi peduncoli.

Camassia-quamash

I fiori  sono portati sulle estremità apicali di steli cilindrici e coriacei anch’essi di colore verde.

Fioritura: la camassia come le altre bulbose primaverili inizia a fiorire dal mese di Aprile per prolungarsi fino ai primi di giugno.

Camassia-bulbosa

Coltivazione Camassia

Esposizione: cresce bene anche nei luoghi parzialmente ombreggiati ma per potere fiorire al massimo del suo splendore è preferibile impiantarla in luoghi soleggiati per molte ore al giorno. Resiste bene sia alle alte temperature sia al freddo dell’inverno ma non al gelo.

Terreno: predilige i terreni soffici, umidi ricchi di sostanza organica e ben drenati. Il substrato ideale è un miscuglio di comune terreno da giardino misto a torba ed a un po’ di sabbia.

Annaffiature: la camassia non tollera la siccità e pertanto va regolarmente annaffiata soprattutto nei periodi di prolungata siccità, prima della ripresa vegetativa e durante la fioritura. Durante l’estate, stagione in cui inizia ad arrestarsi il ciclo vegetativo, le eventuali annaffiature vanno diradate ed essere del tutto sospese durante l’autunno e l’inverno in quanto saranno sufficienti le precipitazioni meteoriche ad assicurare la sopravvivenza dei bulbi.

La Camassia allevata in vaso va annaffiata con maggiore frequenza evitando che il terreno si asciughi completamente e nello stesso tempo non bisogna inzupparlo se si vuole scongiurare il marciume del bulbo.

Concime

Concimazione: per ottenere un’abbondante e prolungata fioritura la pianta va concimata con del fertilizzante ricco in fosforo, azoto e potassio.

Bulbi-impianto

Moltiplicazione della Camassia

La pianta si propaga per seme e meglio ancora mediante la divisione dei bulbilli.

Moltiplicazione per seme

La semina si effettua nel mese di luglio in semenzaio contenente del terriccio specifico.

A germinazione avvenuta, le nuove piantine di Camassia vanno fatte irrobustire e solo nell’autunno successivo potranno essere mese a dimora definitiva in piena terra o in vasi molto ampi.

La semina può essere fatta anche in piena terra ponendo i semi a distanza di 15-25 cm, secondo la specie.

Le piante di Camassia ottenute da seme produrranno fiori solo dopo il terzo anno di vita.

Moltiplicazione per divisione dei bulbilli

Questa tecnica di propagazione vegetativa agamica è più praticata in quanto le piante avranno le stesse caratteristiche genetiche di quella madre e i fiori compariranno già dopo il primo anno di impianto dei bulbilli.

La divisione dei bulbilli va fatta nel mese di Settembre. I piccoli bulbi si interrano sempre con l’apice rivolto verso l’alto in buche profonde e larghe il doppio delle loro dimensioni a distanza variabile a seconda della specie. Generalmente la distanza di impianto dei bulbi non supera i 15 centimetri.

Potatura

La Camassia non necessita di interventi di potatura ma si consiglia di recidere gli steli sfioriti e quelli danneggiati mediante l’uso di cesoie o forbici ben affilate e disinfettate. Se i fiori appassiti non vengono asportati il bulbo spreca le sue energie per portare a maturazione i semi.

Rinvaso

Il rinvaso va fatto quando le piante di Camassia hanno occupato tutto  lo spazio a disposizione; il terreno è insufficiente e le radici fuoriescono dai fori di drenaggio dell’acqua delle annaffiature. Generalmente si effettua in autunno stagione in cui il bulbo entra in riposo vegetativo.

Parassiti e malattia della Camassia

Si tratta di una pianta perenne molto longeva e rustica che raramente viene attaccata dai comuni parassiti animali quali afidi e cocciniglia.

Tra le malattie fungine è resistente all’oidio e alla ruggine ma è molto sensibile, come le

altre bulbose, al marciume del bulbo e alla fusariosi patologie vegetali che in breve tempo ne provocano lo svuotamento e quindi la morte.

Fusariosi-bulbi

Cure e trattamenti

I bulbi di Camassia, una volta estratti dal terreno, vanno fatti asciugare all’aria per poi conservati in sacchetti contenenti paglia o sabbia fino al successivo impianto.

Nelle zone caratterizzate da un clima invernale non eccessivamente rigido, i bulbi potranno essere lasciati in piena terra e, in questo caso, sarà sufficiente una pacciamatura di protezione con paglia o foglie secche.

I trattamenti chimici preventivi o curativi non sono necessari.

Per la pianta di Camassia coltivata in vaso si consiglia di svuotare il sottovaso dopo 30 minuti dalle annaffiature per evitare che i bulbi vengano a contatto con i ristagni idrici.

Camassia

Varietà di Camassia

Tra le diverse specie di questa elegante e decorativa bulbosa ricordiamo quelle più diffuse e coltivate.

Camassia leichtlinii: una varietà molto diffusa in Europa, caratterizzata da bulbi grandi e lucidi; i fiori sempre riuniti in racemi apicali sono porpora, azzurri o viola a seconda della specie Alba, Caerulea’ e Semiplena. Per ottenere bordure di grande effetto visivo i bulbi vanno impiantati  a distanza non superiore agli 7-10 cm.

Camassia esculenta quamash: una specie che viene coltivata in tutta Europa a scopo ornamentale per la produzione dei bellissimi fiori di colore blu-violetto. Raggiunge l’altezza di 35-40 cm. I bulbi vanno piantati alla profondità doppia della loro altezza e a distanza pari alla loro larghezza.  Questa specie produce frutti contenenti numerosi grani neri.

Camassia cusickii: è una varietà di dimensioni più contenute, alta non più di 50 centimetri che nel giro di 3 anni raggiunge il suo massimo sviluppo formando folti tappeti. Si adatta a tutti i tipi di terreno è ideale per la coltivazione in vaso. Le foglie di questa specie sono decidue e i fiori, più piccoli delle altre varietà, hanno i petali leggermente ricurvi.

Usi

I bulbi della Camassia quamash sono ricchi di inulina ed hanno un sapore dolciastro e come  i Topinambur sono dei regolatori naturali della glicemia.

Nei luoghi di origine questa splendida bulbosa trovava largo impiego soprattutto a scopo alimentare. Infatti, Gli indigeni dell’ovest degli Stati Uniti e del Canada, utilizzavano i bulbi raccolti in autunno o per consumarli freschi (grigliati o lessi) oppure per ricavarne dell’ottima farina dopo averli fatti prima essiccare all’aria.

Curiosità e storia

Il termine quamash viene dal nome dato al bulbo della pianta dai pellerossa.

I bulbi della varietà di Camassia quamash furono una fonte di cibo per i membri della spedizione statunitense di Lewis e Clark (1804-1806).

Galleria foto bulbose primaverili



Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta