Bosso coltivazione


Il bosso, Buxus sempervirens, è una pianta dal design decorativo coltivata a scopo ornamentale in vaso e in giardino, trovando largo consenso nell’arte topiaria.

foglie-pianta-bosso


Caratteristiche e generalità

Il bosso, originario del Giappone e dell’Europa, è una pianta sempreverde a portamento cespuglioso caratterizzata da una crescita molto lenta.

L’apparato radicale è robusto, i rami eretti e ramificati nelle piante sviluppate presentano una corteccia bianco – grigiastra.

foglie-bosso

La chioma molto decorativa e compatta è formata da numerose piccole foglie ovate, coriacee e lucide di colore verde intenso profumate al tatto.

I fiori profumati dal colore giallo paglierino, riuniti in piccoli gruppi compaiono in primavera.

In estate tra i rami compaiono delle bacche sferiche contenenti tanti piccoli semi scuri che a maturazione completa vengono proiettati anche a distanza.

siepi-design-bosso

Coltivazione del bosso

Esposizione: il bosso è una pianta che si adatta a tutte le esposizioni pur prediligendo quelle soleggiate; e tollera anche temperature molto basse.

Terreno: si adatta a tutti i tipi di terreno purchè fertili e ben drenati.

Annaffiature: il bosso si accontenta delle acque piovane ma nei periodi di prolungata siccità è consigliabile annaffiarlo periodicamente.

Concimazione: ogni 3- 4 mesi somministrare alla base delle piante del concime organico a lenta cessione.

Alla ripresa vegetativa, in primavera, somministrare concime ricco di azoto e potassio, per favorire lo sviluppo della chioma e dei fiori.

foglie-fiori-bosso

Moltiplicazione del bosso

Il bosso si riproduce per seme, per talea e margotta.

La semina si effettua ad inizio autunno seminando i semi in un composto di sabbia e torba mantenuto sempre umido per favorire la germinazione.

La moltiplicazione per talea, la più praticata, si effettua in primavera prelevando talee di rami lunghe circa 15 cm che vanno messe a radicare in composto di sabbia e torba.

Le nuove piantine ottenute per talea e semina vanno allevate in singoli contenitori almeno per 2 anni.

bosso-coltivazione

Impianto del Bosso

Nella realizzazione di siepi sempreverdi anche costiere occorrono 6 o 7 bossi della stessa varietà per ogni metro impiantati a distanza regolare l’uno dall’altro.

Dopo l’impianto le piante di bosso vanno annaffiate a intervalli regolari durante le prime settimane.

siepi-bosso

Potatura del bosso

Nell’arte topiaria il bosso è una pianta che si presta a potature decorative di varia forma. Va potato almeno due volte l’anno.

Approfondimenti: potatura del bosso

bosso-moltiplicazione

Varietà di bosso

Tra le oltre 80 specie di bosso ricordiamo:

  • il bosso nano, Buxus pumilia, a portamento compatto adatta per bordure e per piccole siepi;
  • il bosso, Buxus arborescens, coltivato a forma di piccolo albero, adatto anche per la coltivazione in vaso e come pianta d’appartamento;
  • il bosso, Buxus aureo, caratterizzato da foglie variegate di foglie di colore giallo.

varieta-bosso

Bosso malattie e cure

Il bosso teme l’eccessiva umidità ambientale che predispone le piante all’attacco di malattie fungine come l’oidio.

Tra i parassiti animali, il bosso teme in particolare le larve della cecidonia e la psilla.

Raramente il bosso o buxus viene attaccato dagli afidi o dalle cocciniglie.

Approfondimenti : Bosso: malattie e cure.

Curiosità sul Bosso

Il legno di bosso veniva utilizzato nel medioevo per la creazione delle scatole contenenti le bussole.

Gli Etruschi invece lo utilizzavano per la creazione di strumenti a fiato ed alcuni esempi sono presenti al Museo di Archeologia Subacquea di Porto Santo Stefano.

Galleria foto del bosso



Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta