Aporocactus coltivazione

Aporocactus-fiore

L’Aporocactus è una pianta succulenta di facile coltivazione e molto decorativa soprattutto se allevata in panieri sospesi.

aporocactus-disocactus-marziano

Caratteristiche Aporocactus – Disocactus – Cactus a code di topo

L’Aporocactus o Disocactus, conosciuto comunemente come coda di topo e coda di volpe,  è una pianta perenne della famiglia delle Cactaceae, originaria del centro America e diffusa in tutte le aree a clima temperato.

La pianta, anche se ha un apparato radicale non troppo sviluppato, produce fusti carnosi, penduli lunghi anche fino ad un metro.

I fusti presentano areole ricoperte da numerose spine corte e sottilissime simili ai peli della coda di volpe o di topo.


Leggi anche: Cactus coltivazione

fiore-aporocactus

I fiori, a forma di trombetta, hanno lunghi petali di colore rosa o rosso e lunghi stami. I fiori dell’Aporocactus somigliano a quelli del Cactus di Natale.

I frutti, piccoli e sferici, contengono numerosi semi scuri.

Fioritura

L’Aporocactus produce fiori dalla primavera fino a luglio in relazione al clima e alla varietà.

aporocactus-fusti-fiori

Coltivazione Aporocactus

Esposizione

Come la maggior parte delle piante succulente ama i luoghi soleggiati ma al riparo delle correnti d’aria. Teme le temperature minime al di sotto dei 5° C.

Terreno

Predilige un substrato specifico per cactacee con valori di pH compresi tra 5,0 – 6,0 ricco e ben drenato, preferibilmente misto a sabbia grossolana o altro materiale drenante che favorisce il drenaggio dell’acqua di annaffiatura.

Annaffiature

L’Aporocactus va annaffiato regolarmente dalla primavera all’estate; durante il periodo di riposo vegetativo ridurre al minimo le annaffiature mantenendo il terriccio appena umido. Per evitare il marciume delle radici è consigliabile svuotare sempre il sottovaso.


Potrebbe interessarti: Cactus di Natale – Zigocactus truncatus

Concimazione

Per ottenere un’abbondante fioritura dalla ripresa vegetativa fino all’autunno somministrare un concime liquido specifico per cactacee, una volta al mese opportunamente diluito nell’acqua delle annaffiature.

Moltiplicazione Aporocactus – Disocactus

La moltiplicazione può avvenire per seme ma propagare il Disocactus per talea è molto più semplice.

Moltiplicazione Aporocactus per talea

La riproduzione della pianta per talea può essere praticata tutto l’anno anche è preferibile effettuarla in primavera.

Si preleva 1 fusto lungo e sano e lo si taglia con un coltello ben affilato in porzioni di circa 7 – 10 centimetri che fatte prima cicatrizzare all’aria in un luogo asciutto ed arieggiato.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Le superficie di taglio delle talee di Aporocactus vanno trattate con una polvere fungicida e poi piantate in un vaso contenente un terriccio specifico per cactacee e una profondità di 2 cm.

Il vaso con le talee di Aporocactus va poi posizionato in un luogo luminoso, al riparo dei raggi solari e con una temperatura non inferiore ai 21° C.

Per tutto il tempo necessario alla radicazione, circa 20 giorni, il terriccio va mantenuto leggermente umido.

A radicazione avvenute i nuovi Aporocactus vanno trasferiti, ciascuno con il proprio pane di terra che avvolge le radici, nel vaso definitivo e allevati come la pianta madre.

rinvaso

Rinvaso Aporocactus – Disocactus

L’Aporocactus è una pianta molto esigente di  nutrienti e per questo motivo va rinvasato, ogni anno, in primavera per fornirgli nuovo terriccio ricco di macro e microelementi. Il vaso deve essere di qualche centimetro più grande del precedente e il terriccio completamente nuovo e fresco. La pianta va rinvasata con molta delicatezza per evitare la rottura dei fusti delicati.

Potatura

Si potano solo i fusti secchi e quelli marci se presenti per evitare che possano essere veicolo di pericolose infezioni fungine.

cocciniglia-neadi

Parassiti e malattie Aporocactus

Tra i parassiti animali teme gli attacchi della cocciniglia; soffre il marciume delle radici a causa dei ristagni idrici e di conseguenza anche il marciume dei fusti che diventano molli e flaccidi.

Marciume-fusti-cactacee

Cure e trattamenti

In inverno riparare le piante di Aporocactus all’interno ed eliminare gli steli secchi. Per prevenire gli attacchi della cocciniglia effettuare trattamenti specifici; per evitare il marciume svuotare sempre il sottovaso. Di tanto in tanto spolverizzare i fusti dell’Aporocactus con il getto del fon.

Varietà di Aporocactus

Tra le tante  specie ricordiamo quelle più diffuse e di pregio ornamentale.

aporocactus-flagelliformis

Aporocactus flagelliformis

Una cactacea originaria del Messico,  con fusti striscianti, sottili, lunghi anche un metro, con coste poco evidenti e spina rosa. In primavera produce fiori grandi e persistenti di un bel colore rosso rosa, con tubo ricurvo e petali lunghi che circondano un ciuffo di stami che sporge dal centro della corolla del fiore. Per sviluppare i suoi lunghi rami necessita di annaffiature abbondanti in estate.

aporocactus-martianus

Aporocactus martianus

Una specie con fusti carnosi, eretti o striscianti, lunghi circa 1 metro e ricoperti di spine. In primavera produce grandi fiori di colore rosa o di colore rosso intenso.

Disocactus (or Aporocactus) martianus south Mexico, north Cent Amer kew

Aporocactus mallisonii

Una specie a portamento ricadente con fusti verdi che possono arrivare a misurare anche 2 metri.
Durante il periodo della fioritura, da marzo ad aprile, produce bellissimi fiori di colore
rosso vivo. Va coltivato in un terreno argilloso, fertile e ben drenato. Ha bisogno di poca acqua.

Aporocactus flagelliformis

Una pianta molto decorativa a portamento prostrato con numerosi fusti molli fittamente coperti da sottili e morbide spine. I fusti si diramano pendono e in primavera-estate si coprono di fiori rosa o rossi, a cui seguono poi i piccoli frutti di colore rosso. E’ ideale come pianta da coltivare in vaso, appesa o in basket in posizioni soleggiate anche in piena estate e al riparo, in un luogo fresco, durante i mesi invernali. Il terriccio di coltivazione deve essere leggero, specifico per piante grasse, misto a sabbia e lapillo vulcanico. Si moltiplica facilmente mediante talee di i fusti basali. E’ una pianta che viene attaccata dalla cocciniglia cotonosa e la marciume delle radici. ,

Aporocactus conzattii

Una specie a portamento strisciante o prostrato con fusto lungo circa 1 metro, composto da 8-10 piccole coste, ricoperto da numerose spine. Nei mesi estivi produce fiori di colore rosso brillante.

Aporocactus flagriformis

Un cactus strisciante, molto ramificato.  Ha fusti grigio-verdi, spessi 1,5 cm, lunghi non più di 70cm.  Ha coste poco evidenti, areole con spine centrali e radiali. In tarda primavera produce fiori rosso-gialli. Coltivato come pianta d’appartamento durante il periodo di crescita attiva va innaffiato innaffia abbondantemente e solo saltuariamente durante il riposo invernale. Necessita di essere concimato ogni 15 giorni con un fertilizzante liquido da maggio a settembre.

Usi

Tutte le specie o varietà di Aporocactus vengono largamente coltivate per il loro alto pregio ornamentale in vasi o in cesti da appendere o da collocare su scaffali, librerie , ecc.

Curiosità

L’Aporocactus in particolare la varietà Flagelliformis è comunemente conosciuto come il cactus coda di topo per la forma dei fusti a portamento strisciante che ricordano le code dei topi.

Esemplari molto belli di Aporocactus si possono ammirare nelle serre degli orti botanici italiani.

Galleria foto Aporocactus

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica