Ambretta – Knautia arvensis


Knautia arvensis

L’Ambretta è una pianta officinale coltivata come ornamentale in vaso e direttamente a dimora nella realizzazione di bordure di aiuole miste nei giardini privati e nei parchi pubblici.

Knautia arvensis-fiore


Caratteristiche generali Knautia – Knautia arvensis

L’Ambretta, nome scientifico Knautia arvensis, è una pianta perenne della famiglia delle Dipsacaceae (Caprifoliaceae), originaria dell’Europa è diffusa in Asia occidentale, nelle zone temperate del Mediterraneo e allo stato spontaneo è presente in quasi tutto il territorio italiano ( tranne le isole) lungo i sentieri erbosi, costieri, in collina e anche nelle zone montane fino ai 2000 metri di altitudine.

L’Ambretta, come l’Astranzia e l’Alliaria, è una pianta emicriptofita scaposa, provvista di una robusta e profonda  rizomatosa. La parte aerea è composta da un fusto eretto alto da 30 cm fino ad un massimo di 1 metro, ramificato nella parte terminale e completamente peloso e irsuto.

Le  foglie, picciolate, si possono distinguere in due tipi: foglie basali e foglie cauline.

Le foglie basali disposte a rosetta sono lanceolate o pennatopartite, a margini interi o dentati mentre quelle cauline, sono opposte, pennatopartite, sessili e pelose. Entrambi i tipi di foglie sono pelose e di colore verde tenue, grigiastro.

Ambretta-fiore

L’infiorescenza, piatta e circolare è formata da numerosi fiori raccolti in capolini terminali centrali e periferici con corolla tubulosa alla base e mentre all’apice è suddivisa in 4  lobi diseguali tra loro e più grandi dei fiori interni. Il calice a tubo aderente all’ovario è formato da una decina o più brattee pelose lunghe circa 5 mm che a maturazione tendono a piegarsi verso il basso.

Gli stami sono sottilissimi e una volta appassiti rimangono eretti, dando l’ impressione di spilli puntati in un cuscinetto. L’ovario è infero e si trova al di sotto dell’inserzione del perianzio. Il colore dei fiori è azzurro-violetto o rosso-lilla. Anche se i fiori della Knautia sono ermafroditi l’impollinazione avviene tramite le api e le farfalle, in quanto l’ autoimpollinazione è impedita dal fatto che gli stimmi maturano dopo l’appassimento degli stami.

Knautia-Ambretta

I semi sono piccoli e con calice persistente.

Fioritura dell’ambretta: la Knautia arvensis fiorisce da maggio a settembre e nelle zone caratterizzate da un clima temperato anche fino ad ottobre inoltrato.

Coltivazione dell’Ambretta – Knautia arvensis

  • Esposizione: la pianta cresce bene anche in zone parzialmente ombreggiate ma per una fioritura copiosa e prolungata va coltivata in luoghi luoghi luminosi e soleggiati per molte ore al giorno. In zone ombrose la fioritura è rada o del tutto assente. Tollera abbastanza bene il freddo e anche le  temperature invernali molto rigide.
  • Terreno: anche se si sviluppa abbastanza bene nel comune terreno da giardino predilige un substrato ricco di materia organica, sciolto e ben drenato.
  • Annaffiature: la pianta coltivata in piena terra generalmente si accontenta delle acque piovane ma nei periodi di prolungata siccità è consigliabile annaffiarla regolarmente. la specie allevata in vaso va annaffiata, invece, almeno 3 volte a settimana. In inverno l’ambretta va in riposo vegetativo e quindi le innaffiature vanno sospese del tutto.
  • Concimazione: in primavera distribuire alla base del cespo del concime granulare a lenta cessione specifico per piante da fiore per assicurare i nutrienti indispensabili per il ricaccio della parte aerea della pianta.

Knautia arvensis-pianta officinale

Moltiplicazione Ambretta – Knautia arvensis

La pianta si riproduce per seme o per divisione dei cespi.

Moltiplicazione per seme

La moltiplicazione per seme si effettua in semenzaio caldo a fine inverno e in piena terra verso la fine di aprile.

Nel mese di febbraio si semina in serra fredda e le piantine vanno tenute al riparo fino a quando il pericolo delle gelate notturne è definitivamente scongiurato.

Da aprile in poi la semina si effettua direttamente a dimora e successivamente le piantine vanno diradata a distanza di circa 35-40 cm l’una dall’altra.   E’ anche possibile dividere i cespi particolarmente vigorosi, ponendo le porzioni praticate direttamente in contenitore singolo.

Propagazione per divisione dei cespi

In primavera la pianta può essere propagata per divisione dei cespi. Si estirpano dal terreno quello più forte e sano poi con l’aiuto di un coltello ben affilato e disinfettato lo  si divide in più parti di medie dimensioni. Le porzioni con una radice ben sviluppata vanno interrate al momento e per favorire l’attecchimento il terreno deve essere mantenuto sempre umido.

Potatura

Per favorire l’incespimento e un portamento più compatto cimare gli steli delle giovani piantine fin dal primo anno di vita.

Rinvaso

Il rinvaso delle piante di ambretta si effettua ogni 3 – 4 anni utilizzando dei contenitori più larghi e profondi e terriccio universale fresco.

Parassiti e malattie Knautia – Ambretta

L’Ambretta è una pianta rustica resistente alle malattie fungine ma come tante altre piante ornamentali se posta in luoghi troppo ombrosi e poco ventilati viene attaccata dalla cocciniglia e dagli afidi.

Proprietà dell’Ambretta

Le foglie e i semi dell”ambretta chiamata volgarmente anche vedovella dei prati contengono tannini, principi amari, ambrettolide, acido ambrettolico, farnesolo, acidi vari (oleico, miristico, palmitico, fosfolipidi e steroli, tutti sostanze che le conferiscono proprietà benefiche che vengono sfruttate in fitoterapia ed omeopatia per la cura di varie malattie ed infezioni anche epidermiche. Essa ha proprietà antinfiammatorie, digestive, diuretiche (utili in casi di ipertensione e insufficienza renale) astringenti e purificatrici del sangue. Nella medicina a medicina tradizionale e domestica viene  impiegata fin dai tempi antichi per combattere l’inappetenza, e le infiammazioni delle vie aeree superiori (bronchiti e costipazioni).

Usi in medicina

Gli impacchi di foglie fresche applicati a diretto contatto sulla pelle, sono un ottimo rimedio per contrastare escoriazioni, bruciature ed eritemi cutanei. Le tisane invece favoriscono la digestione, la diuresi e la depurazione del sangue.

Usi in cucina

Le foglie più tenere di Ambretta, raccolte prima della formazione dei fusti floreali, vengono impiegate in cucina nella preparazione di minestre, frittate. Saltate in padella come contorno a secondi piatti a base di carne o pesce, come ripieno di torte salate,ecc. Anche i fiori vengono utilizzati come elementi decorativi di piatti di ogni genere. I semi vengono usati come aromatizzanti di vari prodotti alimentari, amari e dolci.

Varietà

Il genere Knautia comprende circa 40 specie diverse tutte simili alla Scabiosa, di cui circa la metà è presente allo stato rustico in molte regioni italiane. Tra le tante varietà le specie più coltivate a scopo ornamentale ed apprezzate per la  resistenza alle avversità di varia natura ricordiamo:

  • L’Ambretta, Knautia macedonica, una pianta perenne adatta alla coltivazione in pieno sole sia in piena terra nelle aiuole del giardino sia in vasi dal diametro di 15 cm. Durante la sua prolungata fioritura produce vistosi fiori di colore rosa scuro.
  • L’Ambretta, Knautia macedonica Melton Pastels, è una pianta erbacea perenne e rustica con fusti eretti alti 60 cm ricoperti alla base da lanceolate e finemente divise. I fiori di colore rosa, rosso, salmone e viola compaiono per tutto il periodo estivo-autunnale, da giugno a ottobre. Questa specie  è ideale per la coltivazione in tutti i tipi di giardini compresi i parchi pubblici.

Ambretta – Knautia arvensis

Curiosità

In Egitto e in Indonesia l’ambretta viene considerata la pianta del benessere fisico-psicologico e i suoi semi sono utilizzati per l’estrazione di un olio essenziale che con il suo gradevole profumo simile a quello del muschio rilassa e favorisce il sonno. L’olio essenziale di questa pianta  benefico e prezioso è utilizzato in profumeria.

Il genere Knautia porta il nome in memoria del botanico sassone C. Knaut (1654-1716).

Galleria foto Ambretta- Knautia arvensis

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger

Google News


Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta