Amaranto proprietà

Quali sono le proprietà e i componenti dell’amaranto chiamato anche grano degli dei? A chi fa bene? Perchè è importante il consumo in gravidanza e durante il periodo dell’allattamento? Quali sono i suoi usi? Quante calorie fornisce? Quali sono le controindicazioni e gli effetti collaterali? Come si usa?

Amaranto-Amaranthus

L’amaranto è una pianta erbacea rustica della famiglia delle Amarantaceae di origine americana che viene coltivata a scopo ornamentale sia in vaso sia in giardino perché resiste a calore e siccità; come pseudo cereale a scopo alimentare e ancora a scopo fitoterapico per i suoi principi attivi e le sue benefiche proprietà.

Amaranto-infiorescenze-fiori

Amaranto componenti

L’amaranto contiene: lipidi, carboidrati o glucidi, fibre alimentari, sodio (Na), potassio (K), ferro (Fe), magnesio (Mg) vitamine del gruppo B e vitamina C. Inoltre cosa fondamentale, l’amaranto  è ricco di proteine. L’amaranto è fonte preziosa di amminoacidi essenziali (acido aspartico, arginina, serina, alanina e acido glutammico) e fitosteroli.


Leggi anche: Color amaranto: 10 interessanti idee per il soggiorno

amaranthus-caudatus

Amaranto proprietà

L’amaranto è completamente privo di glutine, è quindi un alimento adatto a chi soffre di celiachia, ai bambini durante i periodo dello svezzamento e agli anziani.

E’ adatto a tutti coloro che soffrono di digestione lenta in quanto è altamente digeribile e la presenza di fibre naturali lo rendono un prezioso alleato contro la stitichezza cronica.

Il contenuto di proteine ad alto valore biologico lo rendono il sostituto di eccellenza delle carni e dei derivati per i vegani.

Per la presenza di sostanze antiossidanti il consumo di amaranto (foglie e semi) è indicato nella prevenzione delle malattie neoplastiche e come valido energizzante nei casi di anoressia.

Per la buona percentuale di ferro il consumo di amaranto è consigliato a chi soffre di anemia sideropenica, di stanchezza cronica, alle donne in età fertile.

Il consumo di amaranto è consigliato soprattutto in gravidanza e allattamento al seno, fasi critiche per le riserve di ferro, per lo sviluppo del feto prima e per evitare l’astenia della donna che allatta dopo.

L’elevato contenuto di fitosteroli lo rendono adatto a combattere l’ipertensione e a ridurre il colesterolo cattivo (LDL) e i trigliceridi responsabili delle malattie cardiovascolari.

Amaranto-semi

Usi dell’amaranto in cucina

L’amaranto viene usato in cucina come alimento insieme ad altri cereali. Le foglie più tenere una volta lessate si preparano come gli spinaci e sono ottime anche come ripieno delle torte rustiche e salate. I germogli più teneri, chiamati anche spinaci cinesi, si possono consumare crude nelle insalate miste in quanto ricchissime di vitamina A, vitamina C,vitamine del gruppo B e di minerali: manganese, calcio, rame, magnesio, ferro e zinco.


Potrebbe interessarti: Amaranto coltivazione

I semi, dal sapore leggermente dolciastro che sa di nocciola, vengono macinati per la produzione di una sottile farina ottima come addensante naturale per salse o zuppe.

Con semi dell’amaranto si possono fare dei croccanti popcorn. I semi messi  in una padella contenente olio caldo, scoppiano e si gonfiano come il mais.

I semi si fanno cuocere in acqua bollente per circa un’ora. Il sale va aggiunto alla fine. A cottura ultimata l’amaranto deve essere tenero, ma ancora croccante. A cottura ultimata si lascia riposare per qualche minuto, prima di servirlo condito con cucchiaio olio extravergine e accompagnato da verdure di stagione.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Amaranto-foglie

Usi fitoterapici Amaranto

L’amaranto viene impiegato in fitoterapia ed erboristeria per la preparazione:

  • di una lozione lenitiva che allevia prurito in caso di eczema o orticaria.
  • di creme e di oli che proteggono la pelle dai raggi nocivi del sole e che nello agiscono da acceleratori dell’ abbronzatura. Le creme preparate con l’olio di amaranto sono ricche di proteine e di lipidi sostanze che nutrono la pelle a fondo, la rendono liscia e vellutata e la preservano dall’invecchiamento precoce causato dall’inquinamento ambientale.

Inoltre con le foglie essiccate di amaranto si prepara un ottimo tè digestivo.

foglie-essiccate

Il decotto preparato con i semi di amaranto è invece indicato per i problemi intestinali e la diarrea, nella menorragia (mestruazioni abbondanti) e per lavande vaginali in caso di leucorrea (secrezioni vaginali vischiose e biancastre).

Amaranto controindicazioni

L’amaranto non ha controindicazioni ma il consumo, al pari degli spinaci, è sconsigliato a chi soffre di problemi renali, di artrite reumatoide e di gotta in quanto contiene discrete quantità di acido ossalico.

Avvertenze: l’amaranto in quanto alimento altamente proteico non va accompagnato a carne, uova, latte e suoi derivati ma miscelato con cereali come mais, orzo e/o riso.

I semi vanno consumati sempre cotti in quanto crudi contengono componenti che rendono più difficile l’assimilazione di alcune sostanze nutritive da parte dell’intestino.

Calorie dell’amaranto

L’amaranto è un alimento particolarmente energizzante; 100 grammi apportano circa 371 Calorie.

Amaranto cose utili da sapere

Amaranto coltivazione

Galleria foto Amaranto

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica