Alsobia – Alsobia dianthiflora


Alsobia


La Alsobia dianthiflora è una pianta da fiore succulenta e sempreverde facile da coltivare in appartamento, nei panieri sospesi.


Caratteristiche generali della Alsobia

La pianta di Alsobia appartiene a un genere di piante da fiore della famiglia delle Gesneriaceae. E’ originaria dell’America Centro-meridionale ed è diffusa allo stato spontaneo soprattutto in Messico, Guatemala e Costa Rica.

Si tratta di una pianta erbacea perenne con radici stolonifere molto spesse che tendono ad espandersi in tutte le direzioni generando una parte aerea composta una ricca vegetazione a portamento ricadente o rampicante. La parte aerea infatti è costituita da numerosi fusti sottili cilindrici di colore marrone-verdastro, lunghi 15 – 20 cm, solitamente ricoperti da una leggera e corta peluria e da un ricco fogliame.

Le foglie, carnose e lisce, hanno forma ovata con margine seghettato. Compaiono sui nodi dei  rametti penduli in gruppi di 3-4 e sono sorrette da peduncoli di colore rosso mattone. Il colore delle foglie è verde scuro sulla pagina superiore e più chiaro su quella inferiore.

Alsobia-fiore

I fiori, molto grandi e decorativi, hanno la corolla tubolare composta da 5 petali con margine molto sfrangiato, di colore bianco candido che contrasta con il giallo paglierino degli stami che emergono dal fondo del tubulo. Il calice è formato da sepali separati di colore verde pallido.

Fioritura

La Alsobia produce un’abbondante e prolungata fioritura dalla tarda primavera fino all’estate.

Alsobia-dianthiflora

Coltivazione Alsobia

Esposizione

E’ una pianta che necessita di un’esposizione luminosa ma al riparo dei raggi diretti del sole per evitare gravi scottature fogliari. Se posta invece in una zona della casa dove la luce è scarsa la Alsobia stenta a fiorire e i rametti si presentano con internodi troppo lunghi e privi di foglie. Teme le correnti d’aria e non tollera le basse temperature. L’ambiente ottimale per la crescita armoniosa della pianta deve avere una temperatura interna non inferiore ai 16-18°C. Va tenuta lontano dai termosifoni o altre fonti di calore. In estate può essere portata all’aperto, in un luogo all’ombra e ben ventilato e riportata in appartamento non appena la temperatura esterna inizia a calare.

Terreno

La pianta di Alsobia predilige il terreno leggero, sciolto ricco di sostanza organica e soprattutto ben drenato. Se coltivata in un substrato pesante e compatto le radici stolonifere non riescono ad espandersi con facilità, possono soffocare e marcire. Il terriccio ottimale pertanto è un miscuglio di torba, terriccio di foglie in parti uguali e una manciata di sabbia.

Annaffiature

Necessita di regolari e moderate annaffiature che vanno praticate solo se il terreno è asciutto per evitare la marcescenza dell’apparato radicale. Dall’autunno e per tutto l’inverno gli apporti idrici vanno ridotti al solo fine di mantenere il terreno leggermente umido e consentire alla Alsobia di entrare in riposo vegetativo e sopravvivere per più tempo.

Concimazione

In primavera, la pianta necessita di tutti i nutrienti indispensabili per poter vegetare e quindi è importante fornirle un concime specifico per il ricaccio di nuovi fusti e foglie. Successivamente, fino all’autunno, il terreno va arricchito, ogni 15-20 giorni, con somministrazione di un concime liquido specifico per piante da fiore, opportunamente diluito nell’acqua di irrigazione e secondo la dose indicata sulla confezione del produttore.

Rinvaso

Il rinvaso va fatto quando la massa vegetale non ha più spazio a disposizione e le radici fuoriescono dai fori di drenaggio dell’acqua delle irrigazioni. Si utilizza un nuovo vaso di poco più largo del precedente riempito con terriccio fresco e fertile. E’ consigliabile mettere sul fondo del contenitore dei pezzi di coccio, ghiai grossolana o altro materiale drenante per evitare che le radici venagno a contatto con l’acqua di sgrondo.

Moltiplicazione Alsobia

Si riproduce per seme e molto più facilmente mediante stolone.

Propagazione per stoloni

Si può moltiplicare per via vegetativa o agamica come la fragola e altre piante ornamentali mediante la divisione degli stoloni.

Si estrae la pianta dal terreno e con un attrezzo ben affilato e disinfettato si recidono gli stoloni più spessi e sani in più parti con radici ben sviluppate e si mettono a radicare in vasi singoli contenenti il terriccio adatto. Con questa tecnica, che si può praticare tutto l’anno,si ottengono nuove piante identiche a quella originale.

Propagazione per talea di fusto

Anche questa modalità di propagazione è molto facile e come nella precedente le piante hanno le stesse caratteristiche della madre.

In primavera, si prelevano dai rametti più lunghi delle talee lunghe circa 10-12 cm aventi almeno 2-3 foglie e si mettono a radicare in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali fino a quando  compariranno nuove foglioline.

Potatura

La chioma della pianta va alleggerita periodicamente effettuando la cimatura dei fusti più lunghi che possono essere utilizzati anche per ottenere nuove piante. La cimatura serve anche per stimolare la pianta a produrre nuovi rametti e ovviamente più fiori. Si asportano di volta in volta i fiori appassiti per evitare che marcendo possano essere veicolo di malattie fungine.

Parassiti e malattie Alsobia

Se la pianta viene posta, in ambienti eccessivamente umidi come bagno e cucina la pianta soffre gli attacchi della cocciniglia un parassita animale che forma ammassi cotonosi biancastri ben visibili sulle foglie e sui fusti, specialmente su quelli più interni o poco areati.  Soffre il marciume delle radici a causa dei ristagni idrici.

Cure e trattamenti

L’Alsobia è una pianta a bassa manutenzione e necessita di cure particolari. Bisogna solo fare attenzione all’umidità ambientale e alla luce. L’eccessiva umidità provoca il rammollimento dei fusti mentre se la luce è insufficiente la pianta stenta a fiorire e, in entrambi i casi sarà sufficiente spostarla in un ambiente più luminoso ed areato evitando però le forti escursioni termiche che non sono affatto gradite dalla Alsobia.

Se sui rametti compaiono poche cocciniglie possono essere asportate con un batuffolo di cotone idrofilo intriso di alcool mentre se l’infestazione è estesa la chioma della pianta va irrorata con un antiparassitario specifico.

Varietà e specie di Alsobia

Oltre alla Alsobia dianthiflora esiste anche la Alsobia punctata.

Alsobia punctata

E’ una pianta perenne sempreverde con numerosi steli variamente ramificati ricoperti da spesse foglie ovali, dentellate e di colore grigio-verde. Fiorisce per quasi tutto l’arco dell’anno e i fiori bianchi e tubolari si distinguono da quelle della Alsobia dianthiflora per i puntini di colore marrone-porpora presenti sui petali.

Alsobia-punctata

Usi

La Alsobia viene coltivata esclusivamente a scopo ornamentale ed è la pianta perfetta da coltivare nei contenitori appesi per la vegetazione ricadente.

Curiosità

L’Alsobia, precedentemente classificata come pianta del genere Episcia, appartiene alla stessa famiglia Gesneriaceae più comuni come: Violetta africana, Sinningia, Eschinanto, Mitraria, ecc.

Galleria foto Gesneriaceae

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta