Allamanda coltivazione

Allamanda

L’Allamanda comprende diverse piante rampicanti coltivate per la prolungata e decorativa fioritura estiva. Bellissima in giardino da coltivare anche in vaso, a ridosso di mura, in aiuole e sui terrazzi in splendidi cesti sospesi.

Caratteristiche generali dell’Allamanda cathartica

Le diverse specie di Allamanda, originarie dell’America centro-meridionale, appartengono alla famiglia delle Apocinaceae. Le piante pur essendo rampicanti, possono essere allevate anche come ricadenti.

Allamanda-cathartica

La più coltivata e conosciuta è l’Allamanda cathartica una pianta sempreverde composta fusti sottili, lunghi anche più di 150 cm, densamente ricoperti da foglie lanceolate, lucide e di colore verde scuro, simili a quelle dell’ oleandro o della sundevilla.


Leggi anche: Piante rampicanti: ecco quelle adatte anche al balcone

Allamanda cathartica

All’apice dei fusti fioriscono grandi fiori campanulati, riuniti in racemi, simili a quelli della Thevetia peruviana o della Dipladenia Mandevilla o Sundevilla.

Allamanda-fiore

La corolla dei fiori della varietà Allamanda cathartica è composta da 5 petali molto appariscenti di colore giallo oro. Nelle altre specie i fiori sono rosati o rosso-porpora.

Allamanda-viola

Dopo la fioritura, sulla pianta fanno la comparsa dei frutti molto particolari, delle capsule spinose e pelose di forma tondeggiante.

Allamanda_frutti


Potrebbe interessarti: 10 piante da esterno rampicanti

I frutti a maturazione si aprono liberando numerosi semi.

I semi, alati, piccoli e  fertili vendo disseminati dal vento.

Fioritura

L’Allamanda fiorisce dalla tarda primavera fino all’autunno inoltrato.

Allamanda coltivazione

Coltivazione dell’Allamanda cathartica

Esposizione

Ama i luoghi luminosi, riparati dal vento e dal freddo. Mal sopporta il clima rigido o troppo umido.

Terreno

Predilige il terreno soffice, fertile, leggermente acido e ben drenato.

Annaffiature

Necessita di annaffiature regolari e costanti dalla ripresa vegetativa fino a fine fioritura. Durante l’inverno, mantenere il terreno leggermente umido ed evitare i ristagni idrici.

Concime


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Concimazione

Dalla primavera ad inizio autunno, ogni 20 giorni, somministrare concimi liquidi specifici per piante da fiore oppure del granulare a lento rilascio.

Allamanda: coltivazione in vaso

Nelle regioni con clima invernale rigido questa bella pianta ornamentale può essere coltivata in vaso in modo da poterla riparare non appena la temperatura inizia ad abbassarsi. Va utilizzato un vaso adatto a contenere l’espansione della radice e della parte aerea, generalmente più grande del pane di terra. Il terriccio deve essere quello specifico, sciolto, ricco di sostanza organica. Per evitare il contatto della radice con l’acqua di sgrondo, sul fondo del vaso va posto uno strato di argilla espansa o altro materiale drenante. Va tenuta all’aperto nella bella stagione e al riparare al chiuso in inverno.

rinvaso

Rinvaso dell’Allamanda

La pianta va rinvasata all’inizio della primavera, utilizzando man mano un vaso dal diametro di qualche cm più grande contenente nuovo terriccio. Per evitare danni alle radici è consigliabile rinvasare la pianta direttamente con il suo pane di terra.

Il vaso definitivo non dovrà superare i 50 cm di diametro. In quest’ultimo caso l’intervento si limita al rinnovo del terriccio superficiale.

Allamanda-fiori-rosa

Moltiplicazione dell’Allamanda

L’Allamanda si moltiplica per seme a fine inverno e per talea, in autunno o in primavera. Le talee, lunghe circa 10 cm, vanno prelevate dai rami laterali non fioriferi con cesoie ben affilate e disinfettate.

Dopo averle trattate con un leggero strato di ormoni radicanti, si mettono a radicare in un miscuglio di sabbia e torba. Alla comparsa di nuove foglioline, le piantine vanno trasferite in piccoli contenitori prima di essere collocate a definitiva dimora.

Allamanda-cathartica-foto

Potatura Allamanda

Per favorire l’incespimento basale cimare frequentemente i rami principali. In primavera potare i rami molto lunghi, quelli vecchi e disordinati lasciando solo uno o due nodi di legno vecchio.

cocciniglia

Parassiti e malattie della Allamanda

L’Allamanda viene attaccata dalla cocciniglia e dal ragnetto rosso, parassiti che si eliminano manualmente o con trattamenti specifici facilmente reperibili in commercio.

Soffre il marciume delle radici causato dai ristagni d’acqua.

Cure e trattamenti

Le cocciniglie possono essere asportate manualmente con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool. Il ragnetto rosso può essere eliminato con antiparassitari specifici o tramite lotta biologica, magari introducendo nell’habitat insetti antagonisti come le coccinelle che sono ghiotte di questo piccoli acaro.

Varietà e specie di Allamanda

Esistono diverse specie tutte ornamentali e adatte alla coltivazione in vaso.

Allamanda blanchetii

Chiamata anche Campana rossa è una specie rampicante con fusti sottili alti circa 1,5 metri e foglie, lucide e coriacee, di forma ovale o lanceolata di color verde brillante. Dalla primavera all’autunno produce vistosi fiori forma di imbuto di colore rosato o porpora. E’ una una specie che può essere coltivata anche come pianta d’appartamento in un luogo luminoso al riparo dei raggi diretti del sole e delle correnti d’aria . In estate va annaffiata con regolarità e va vaporizzata spesso con acqua non calcarea mentre nella stagione invernale le innaffiatura vanno considerevolmente ridotte.

Allamanda schottii

E’ una specie arbustiva originaria del Brasile. In pieno vigore vegetativo l’arbusto supera i 3 metri di altezza e circa i 2 m di larghezza.  Le foglie hanno forma ellittica-obovata e sono disposte in spirali di 3–5 lungo i fusti. I fiori sono grandi e gialli  e generalmente appaiono all’estremità dei rami nel periodo primaverile.  Predilige i terrei ricchi e ben drenati. Ama il clima temperato e resiste a brevi periodi di siccità. Va potata ogni anno.

Allamanda-schottii

Allamanda violacea

E’  una specie arbustiva rampicante che raggiunge diversi metri di altezza con foglie ovali, verde brillante, leggermente ondulate. In estate produce vistosi fiori con petali svasati di colore rosso-violaceo.  E’ una pianta tropicale a crescita rapida che può essere coltivata al pieno sole o a mezza ombra. Cresce bene a temperature comprese tra i 20 e i 25º e non tollera quelle inferiori a 10°C. Predilige il terreno misto composto da terra da giardino, lettiera di foglie e sabbia silicea. va regolarmente annaffiata con acqua priva di calcare e concimare dalla primavera all’autunno ogni 15 giorni con un concime minerale che favorisce la fioritura.

Usi

Le diverse specie di Allamanda vengono  coltivate come ornamentali in vaso e all’aperto nei giardini costieri per tappezzare muretti di separazione e recinzioni.
In passato alcune specie di Allamanda sono state utilizzate nella medicina popolare per trattare i tumori del fegato, l’ittero e la malaria.

L’Allamanda è una pianta velenosa?

Tutte le specie di Allamanda sono tossiche e bisogna stare attenti alla linfa che provoca serie irritazioni cutanee per semplice contatto.

Curiosità

Il genere Allamanda è stato dedicato al botanico svizzero Frederich Louis Allamand.

Galleria foto Allamanda

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, guide e novità riguardo il mondo della casa e giardinaggio. Aggiornati dai nostri esperti di botanica e dell'arredo casa.