Alisso coltivazione

alisso

Alisso coltivazione e cure : guida al giardinaggio

L’Alisso è una pianta rustica perenne appartenente alla famiglia delle Crucifere ideale per bordure di aiuole e margini dei vialetti e zone rocciose del giardino.

alisso

Caratteristiche generali dell’Alisso

L’Alisso è una pianta erbacea perenne originaria dell’Europa e dell’Africa e della famiglia delle Brassicaceae (Crucifere).

E’ una pianta dalla crescita vigorosa che forma cespi fitti a portamento tappezzante o ricadente, alti solitamente 2o- 30 cm o 10 -15 cm se si tratta di una specie nana.

Le foglie sono piccole, lanceolate a margini interi. Il colore varia dal verde chiaro al  verde grigiastro. Le foglie dell’Alyssum montanum emanano un delicato profumo di miele.

fiori, riuniti in grappoli terminali agli apici degli steli erbacei, sono di colore bianco o viola nell’Alyssum maritimum o Alisso odoroso e di colore giallo limone, giallo-vivo dorato nell’Alyssum saxatile.

I frutti sono piccole silique sferiche e verdi che a maturazione completa virano al bruno liberando i semi.

I semi sono piccoli e scuri e simili a lenticchie.

Fioritura dell’alisso

La fioritura avviene dalla primavera all’autunno, generalmente da Maggio ad Ottobre.

alisso giallo coltivazione

Coltivazione dell’alisso in piena terra

Esposizione

Questa splendida pianta ornamentale per produrre fiori a profusione va coltivata al pieno sole o al massimo in una zona molto luminosa. All’ombra totale rallenta la crescita e produce pochissimi fiori.

Terreno

L’Alisso è una pianta che  cresce bene in tutti i tipi di terreni, anche sabbiosi, sciolti e ben drenati.

Annaffiature

E’ una pianta che vuole il terreno umido ma non fradicio quindi le annaffiature dovranno essere  moderate e praticate con maggiore frequenza soprattutto durante i mesi estivi. In inverno l’Alisso entra in dormienza e le irrigazioni vanno sospese o praticate saltuariamente solo se le piogge sono rarissime.

Concimazione

Il terreno di coltivazione va arricchito di nutrienti con concime liquido specifico ogni 20 giorni. In alternativa è possibile fornire anche un concime granulare a lenta cessione, in primavera o all’inizio dell’estate.

alisso

Alisso: coltivazione in vaso

L’alisso si coltiva facilmente anche in vaso e, in questo caso è necessario assicurare un sufficiente spazio per lo sviluppo delle radici e la crescita armoniosa della pianta, che tende ad allargarsi in poco tempo. Per un maggior effetto estetico si consiglia di impiantare almeno due piante per vaso a distanza di 20-25 cm di distanza. Per stimolare un’abbondante e prolungata fioritura dell’Alisso il vaso va collocato in una zona soleggiata per molte ore della giornata. Le annaffiature devono essere regolari e le concimazioni vanno effettuate somministrando ogni 15 giorni un fertilizzante specifico per piante fiorite opportunamente diluito nell’acqua. In inverno la pianta va protetto dal gelo.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Rinvaso

In primavera, le piante di Alisso sopravvissute all’inverno vanno trasferite in un contenitore più grande del precedente riempito con terriccio fresco, fertile e ben drenato, preferibilmente misto a un po’ di sabbia.

Moltiplicazione dell’alisso

L’alisso si riproduce per seme da maggio a luglio e per divisione dei cespi in estate subito dopo la fioritura.

Vedere: Alisso giallo semina

Propagazione dell’alisso per talea

Nuovi esemplari identici alla pianta madre si possono ottenere per talea.

Utilizzando cesoie ben affilate disinfettate si prelevano dai rametti sani e vigorosi delle talee lunghe circa 8 cm e si mettono a radicare in un terreno soffice e sabbioso, mantenuto appena umido fino alla comparsa di nuove foglie. A radicazione avvenuta segnalata dalla comparsa di nuove foglie, si lasciano irrobustire le nuove piante e solo successivamente si procederà alla messa a dimora definitiva, in piena terra o in vaso.
Alyssum-Alisso

Impianto o messa a dimora

Le piante di Alisso si impiantano in piena terra o in vaso,  tra aprile-maggio. La pianta va estratta dal vaso con molta delicatezza per evitare di arrecare danni alle radici e poi collocata in una buca abbastanza profonda e larga. Si copre con la terra lasciando che va compressa e si annaffia abbondantemente. Il rinvaso va effettuato quando il vaso è diventato troppo piccolo per le dimensioni della pianta; si consiglia di utilizzare un vaso dal diametro leggermente più grande del precedente, perché un vaso troppo grosso favorirebbe lo sviluppo delle radici, a discapito di foglie e fiori.

Abbinamenti

Per realizzare aiuole vivaci e colorate , abbellire balconi e terrazze, le piante di Alisso possono essere abbinate all’Arabis (arabide), all’Iberide e al Phlox.

alisso-giallo-coltivazione

Potatura dell’alisso

Per favorire l’emissione di nuovi getti e nuovi steli floreali si potano tutte le parti secche e quelle danneggiate.

Parassiti e malattie dell’Alisso

Le piante di Alisso sono abbastanza rustiche e raramente soffrono gli attacchi degli afidi e cocciniglie. Tra le malattie fungine, come tante altre piante ornamentali, teme il marciume delle radici causato dai ristagni di acqua nel terreno di coltivazione o nel sottovaso.

Cure e trattamenti

L’Alisso non richiede cure particolari, l’unica attenzione richiesta è lo svuotamento del sottovaso per scongiurare il marciume. In caso di attacco degli afidi, la pianta va irrorata specifici prodotti preferibilmente biologici come l’antiparassitario all’aglio, all’ortica o al piretro.

Varietà o specie di Alisso

Le due specie più diffuse sono: Alyssum maritima e Alyssum saxatile.

Alyssum maritima

E’ una pianta erbacea a portamento prostrato-tappezzante alta 10-15 cm. Forma in breve tempo vigorosi cespuglietti con fogliame verde chiaro o grigiastro. Da Marzo a Novembre produce numerosi racemi ad ombrello composte da numerosissimi fiorellini di colore bianco, delicatamente profumati. E’ un’annuale facile da coltivare  nelle aiole, tra le fessure dei muretti a secco e anche
in vaso. Si adatta a qualunque tipo di terreno purchè ben drenato, soffice e con una discreta quantità di sostanza organica. Resiste all’attacco di parassiti ma soffre malattie fungine se il clima è troppo umido.

Alyssum saxatile

E’ una pianta erbacea sempreverde alta circa 30 cm. Forma cespugli tappezzanti con rosette di foglie allungate di colore grigio-verdi.  In primavera, su fusti eretti sbocciano mazzetti di piccoli fiori di colore giallo oro. Si può coltivare in piena terra e in vaso.

Usi

L’Alisso è impiegata in giardinaggio per realizzare bordure, aiuole fiorite, ricoprire muretti e in  vaso o panieri sospese come pianta a portamento ricadente per abbellire davanzali e balconi.

Curiosità

Il nome generico Alyssum deriva  dal greco e significa “senza collera”, in riferimento al fatto che la pianta, nel passato era considerata un buon rimedio per combattere l’ira e l’aggressività.

Galleria foto dell’alisso

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica