Albizia coltivazione


albizia-julibrissin

L’Albizia nota anche come Acacia di Costantinopoli è una pianta coltivata nei giardini, nei parchi, lungo i viali, le strade e nei vasi per la sua chioma frondosa e per la bellezza dei suoi fiori piumosi.

Albizia-fioritura


Caratteristiche e generalità Albizia -Acacia di Costantinopoli

L’ Albizia è un albero di origine asiatica appartenente alla famiglia delle Fabaceae che raggiunge altezze anche superiori ai 10 metri.

Tra le diverse specie, oltre una cinquantina, la più diffusa è senza dubbio l’ Albizia julibrissin, conosciuta come: Albero della seta o Acacia di Costantinopoli o Gaggia arborea.

L’albero presenta un fusto eretto ricoperto da una corteccia di colore scuro che da liscia nella fase giovanile diventa con tempo variamente fessurata.

I rami dal portamento divaricato formano una chioma ad ombrello composta da un fitto fogliame caduco.

Le foglie composte e bipennate sono formate da numerose foglioline ovali di colore verde brillante simili a quelli della mimosa.

Albizia-fiore

I fiori sono infiorescenze delicatamente profumate che spuntano sui rami apicali riuniti in corimbi piumosi con stami lunghi e rosati.

Albizia-acacia-fiore

I frutti simili ai baccelli dei fagioli sono silique contenenti semi fertili, piatti e scuri che maturano nel periodo autunnale.

albizia-frutti

Fioritura: l’Albizia fiorisce nel periodo giugno – agosto.

albizia-fioritura

Coltivazione Albizia

Esposizione:  ama le esposizioni soleggiate o semiombrose. Sopporta la salsedine e tollera abbastanza anche il freddo invernale.

Terreno: è un albero che si adatta a qualsiasi tipo di terreno anche se preferisce un terreno fertile, leggermente acido e ben drenato.

Annaffiature: le piante si accontentano delle piogge ma nei periodi di prolungata siccità richiedono annaffiature profonde ogni due settimane. Le piante allevate in vaso vanno annaffiate regolarmente quando il terreno è completamente asciutto.

Concime-granulare

Concimazione: somministrare del concime granulare a lento rilascio alla base degli alberi a fine inverno o del concime liquido durante la fioritura.

Albizia-frutti

Moltiplicazione Albizia

L’ Albizia si riproduce per seme, autosemina e per talea estiva.

La semina va effettuata in primavera dopo aver ammollato i semi per 24 ore in acqua tiepida.

Dopo la germinazione che richiede circa 2 mesi, le nuove piantine vanno trapiantate e allevate in contenitori singoli per almeno 2 anni fino al momento dell’impianto in piena terra.

Albizia- Seta-del-Giappone

Impianto Albizia

Le piante vanno messe a dimora tra l’autunno e la fine dell’inverno.

Albizia_julibrissin

Potatura dell’Albizia

A fine inverno effettuare una potatura di contenimento della chioma e dei rami secchi o danneggiati con attrezzi ben affilati e sterilizzati.

albizia-frutti-secchi

Parassiti e malattie

L’Albizia teme l’attacco della Psylla, Acizzia jamatonica, un parassita molto aggressivo che, negli ultimi anni, le sta decimando. Si tratta di una particolare specie di psilla, che nutrendosi della linfa provoca la caduta delle foglie e la conseguente morte della pianta per la ridotta o mancata fotosintesi clorofilliana.

I sintomi da infestazione sono ben visibili in quanto la chioma è imbrattata da melata.

L’Albizia come tutte le altre Fabacee (mimosa, Robinia), teme anche l’attacco della cocciniglia che generalmente forma degli ammassi sui rami e tra le ascelle delle foglie.

cociniglia-parassiti

Cure

Riparo invernale per le piante allevate in vaso nei climi molto rigidi e trattamenti preventivi con prodotti dilavanti a base di sali di Potassio per la lotta ai parassiti.

albizia-acacia-costantinopoli-significato

Albizia significato dei fiori

Nel linguaggio dei fiori simboleggia la delicatezza. Non a caso il suo nome significa fiore di seta.

Galleria foto Albizia

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger

Google News

Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta