Alberi da frutta: come fare la potatura

Rita Paola Maietta
  • Giornalista Pubblicista dal 2010

Gli alberi da frutta devono essere potati per poter crescere in modo sano e vigoroso. Come effettuare delle potature in modo corretto? Te lo spieghiamo qui di seguito. 

Alberi da frutta come fare la potatura 3

La potatura degli alberi da frutto non è facilissima da fare: ogni pianta dovrebbe essere sottoposta ad una tecnica specifica, che varia a seconda della specie. Specialmente se la pianta si trova nella sua fase iniziale, è necessario rivolgersi a giardinieri esperti. Un’attenzione necessaria se non si sa da dove iniziare e non si vuole danneggiare la pianta.

Lo scopo della potatura è quello di regolare la pianta, in modo che sia ordinata e possa mantenersi non solo sana ma anche produttiva. Tagliando via parte dei rami e regolando le radici, la pianta da frutta potrà rinnovare il suo apparato vegetativo.


Leggi anche: Alberi da frutta: quelli più adatti alla coltivazione in balcone

La potatura, dunque, non è soltanto un semplice sfoltimento, ma un’operazione importante e complessa. Ogni albero da frutta dovrebbe seguire un calendario specifico. Su ogni pianta, inoltre, vanno utilizzati degli attrezzi specifici oltre che delle tecniche uniche per ognuna.

Alberi da frutta come fare la potatura 2

Morfologia della pianta

Come fare a capire quale tecnica o utensile usare con il proprio albero da frutto? Grazie allo studio della morfologia dell’albero da frutta che abbiamo davanti. Si parte analizzando la chioma, un albero è formato da:

  • i rami a legno (dalla forma appuntite) che compongono la struttura di base della pianta;
  • i rami con fiori (dalla forma arrotondata) che daranno vita ai frutti;
  • i rami che daranno vita alle foglie;
  • i rami misti dove potranno avere vita sia i fiori che le foglie.

Proprio questi ultimi, ti regaleranno più frutti e, al tempo stesso, richiedono più attenzione quando andrai a potarli. Infatti, dovrai evitare di tagliare via le gemme ma lasciarne tante di modo che il raccolto possa essere abbondante.

A seconda della loro posizione, le gemme si possono dividere in:

  • gemme apicali prodotte soltanto sui rami più giovani, di una lunghezza di 30 cm, che produrranno frutta;
  • gemme a sperone che crescono sul legno vecchio e non superano 1 o 2 centimetri; soltanto nel terzo anno di età si formano le gemme a fiore che vengono chiamate speroni.

Alberi da frutta come fare la potatura 4

Tipologie di potature

Come abbiamo scritto più su, non tutte le potature sono uguali ma ne esistono diverse tipologie che analizzeremo di seguito.

La prima è la potatura di formazione utilizzata per le piante giovani. Il suo scopo è quello di far crescere la pianta robusta, con rami distanziati ed equilibrata. Grazie alla potatura, la luce penetrerà in modo più uniforme, facendo sviluppare i frutti in modo uguale. Anche in questo caso, si possono fare delle distinzioni:


Potrebbe interessarti: Alberi da frutta in vaso: guida alla scelta giusta

  • potatura di formazione a fuso libero, che è perfetta per il pero;
  • potatura di formazione a cordoni valida su piante con portinnesti deboli
  • potatura di formazione a ventaglio per peschi e prugne.

La seconda potatura è detta di produzione, che ha lo scopo di far aumentare la produzione, appunto, dei frutti sia per quantità che per qualità.

La terza è la potatura secca che va eseguita quando la pianta è a riposo vegetativo. Lo scopo è quello di riequilibrare il rapporto tra linfa e gemme: meglio arriverà la linfa, maggiore sarà la produzione di frutti.

La quarta è la potatura verde che viene praticata in estate, quando la pianta cresce. Il suo scopo è quello di far diminuire i tagli da praticare durante la stagione fredda.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Anche i tagli hanno una propria classificazione. Se viene effettuato a pochi centimetri dall’apice, il taglio viene detto spuntatura. Se fatto vicino alla base ma lasciando le gemme, il taglio si chiama speronatura. Se si taglia l’apice da un ramo posto di lato, il taglio si chiama di ritorno.

Alberi da frutta come fare la potatura 5

Come e quando potare

Dovrai togliere tutti i rami che tendono verso l’alto, per permettere a foglie e gemme, di prendere la giusta quantità di luce. Dovrai tagliare subito sopra la gemma che tende verso fuori. I germogli verticali, invece, dovranno essere recisi. Oltre ai germogli, bisogna considerare che alcuni alberi fruttificano sui rami vecchi (es. melo e pero).

La potatura, sia per gli alberi giovani che per quelli più vecchi, dovrebbe essere praticata in primavera, quando inizia. In estate, invece, si può procedere con una potatura di diradamento.

Per potare dovrai usare gli strumenti adatti ovvero: forbici da giardino, cesoie, seghetti e guanti da giardino come base. Poi, potrebbe servirti lo svettatoio (per i rami più alti) ed il mastice cicatrizzante, che fungerà da barriera contro i parassiti.

Come si smaltiscono i rami appena potati? I ramoscelli morbidi e sottili possono diventare compost. Gli atri possono essere bruciati. Un passo fondamentale, questo, per eliminare la possibilità del diffondersi di microrganismi dannosi.

Alberi da frutta come fare la potatura 1

Alberi da frutta: come fare la potatura – foto e immagini

Ora che la potatura non ha più segreti per te, non ti resta che metterti a lavoro con i tuoi alberi da frutta.