Acaena – Acaena microphylla


Acaena


L’Acaena è una pianta erbacea perenne utilizzata come tappezzante nei giardini rocciosi e come pianta ornamentale in vaso. E’ di facile coltivazione ed è resistente alle avversità.


Caratteristiche generali dell’Acaena

Il genere Acaena, della famiglia delle Rosaceae comprende numerose specie di piante perenni sempreverdi e rampicanti diffuse principalmente in Nuova Zelanda, Australia e Sud America.

La pianta è provvista da una radice rizomatosa che dà origine a un fusto principale semilegnoso che emettendo numerose ramificazioni laterali, formano in breve tempo tappeti compatti densi di fogliame.

Le foglie, lunghe 4–15 centimetri, sono composte, alterne, con forma pennate e costituite quasi da 7–21 foglioline sottili, ovali con margini dentati e settati,  di colore  verde glauco, verde pallido o colorate di rosso bronzo, che a seconda della varietà vira all’azzurro o all’argento, per la presenza di una folta peluria.


Leggi anche: Varietà di Verbena

I fiori, vistosi e decorativi ma privi di petali sono un centinaio e per lo più raggruppati in una infiorescenza globosa avente un diametro di circa 2 cm.

I frutti sono acheni tondeggianti di colore vario, verde, rosso o bronzo, contenenti molti semi.

I semi sono dotati di aculei appuntiti. Si attaccano al pelo degli animali e alle piume degli uccelli con cui vengono a contatto che li disperdono anche a molti metri di distanza dal luogo di produzione (dispersione zoofila). Talvolta la dispersione dei semi avviene anche ad opera dell’uomo.

Fioritura

Alcune specie di di Acaena fioriscono in tarda primavera, tra maggio-giugno, altre varietà in estate tra giugno e settembre.

Acaena-coltivazione

Coltivazione dell’Acaena

Esposizione

Le pianta pur prediligendo il pieno sole si sviluppano abbastanza bene anche alla mezzombra. Sono resistenti alle alte temperature dei mesi estivi e sopportano temperature minime invernali anche molto rigide, fino a -20°C.

Terreno

Sono piante rustiche che si adattano bene ai terreni sassosi, sabbiosi, sciolti fertili o poveri, ben drenati e a pH neutro.

Annaffiature

Le piante di Acaena necessitano di sporadici apporti idrici in quanto tollerano anche 2 -3 mesi di siccità. Annaffiature moderate vanno fatte nei mesi estivi.

Concimazione

In primavera stagione della ripresa vegetativa, il terreno di coltivazione va arricchito con un concime minerale granulare a lento rilascio, distribuito sulla superficie del terreno.


Potrebbe interessarti: Saponaria coltivazione

Acaena: coltivazione in vaso

Per la bellezza delle foglie e dei fiori, alcune specie di Acaena a portamento prostrato si prestano ad essere coltivate nei vasi e nei panieri sospesi. Vanno ovviamente rispettate le esigenze di  esposizione, sole o mezzombra e tipologia di terreno. Le annaffiature dovranno essere più frequenti ma sempre senza eccessi. Per quanto riguarda le cure si può dire che non hanno particolari necessità.

Rinvaso

La pianta di Acaena va rinvasata quando le radici fuoriescono dai fori del vaso.

Moltiplicazione della Acaena

La riproduzione avviene per seme e per divisione dei cespi.

Moltiplicazione per seme

La semina si effettua in semenzaio freddo, a settembre o a marzo. Come letto di semina si utilizza un substrato specifico, ricco e ben drenato, mantenuto umido ma non fradicio fino alla comparsa dei teneri germogli che solitamente compaiono dopo 15 giorni, se la temperatura è di 20 o al di 25 °C.

Quando le piantine nate dalla germinazione dei semi hanno foglioline e radici ben sviluppate e, sono facili da maneggiare si ripicchettano in vasi singoli riempiti con un apposito terriccio a pH neutro.

I vasi con le piantine vanno poi trasferite all’aperto e solo a primavera inoltrata, verso maggio, potranno essere definitivamente messe a dimora.

Propagazione per divisione dei cespi

Nuove piante di Acaena si possono ottenere anche dividendo i cespi sani e vigorosi. Questo tipo di propagazione vegetativa si esegue tra agosto – settembre o a marzo, prima della ripresa vegetativa. Si prelevando dalla pianta madre i fusti più giovani o parti di essi provvisti di radici avventizie ben sviluppate e si ripiantano direttamente a dimora. In poco tempo le varie porzioni radicheranno dando vita a nuove piante giovani e vigorose.

Impianto o messa a dimora

Le piante di Acaena si possono impiantare in piena terra alla fine dell’inverno, a Marzo. Nelle regioni caratterizzate da un clima primaverile molto fresco bisogna attendere il mese di Maggio.

Le piante vanno impiantate in buche ben drenate e distanti tra loro 30-40 cm.

Abbinamenti

Le piante di Acaena possono essere coltivata come elementi singoli, a gruppi o anche accostate ad altre piante a sviluppo arbustivo come Hebe armostrongii o Hebe pinguifolia, Armeria, Helianthemum, Sedum, Thymus e Graminacee ornamentali.

Potatura

Le piante di Acaena si potano a pochi centimetri dal suolo in autunno, per stimolare la produzione di nuovi fusti e foglie nella primavera seguente.

Parassiti e malattie della Acaena

Sono piante rustiche che non temono gli attacchi degli afidi, della cocciniglia e tra le malattie fungine sono sensibili al marciume delle radici a acausa dei ritagni idrici nel terreno o nel sottovaso.

Cure e trattamenti

Le piante dii Acaena non necessitano di cure tantomeno di trattamenti fitosanitari.

Acaena_pinnatifida

Varietà e specie di Acaena

Il genere Acaena come detto precedentemente comprende diverse specie che differiscono tra loro non tanto per le infiorescenze prodotte ma per l’altezza raggiunta in pieno sviluppo vegetativo e per il colore e le dimensioni delle foglie.

Acaena buchananii

Una pianta a portamento tappezzante alta non più di 4-5 cm e larga circa 30 cm. Ha fusti corti con foglie composte pennate grigio-verdi con forma oblungo-obovata, margine inciso e pagina pelosa sotto. Nel periodo della fioritura presenta fiori dapprima verdi-giallastri e giallo-brunati alla fine dell’estate. I frutti sono acheni di colore ambrato.

Acaena Breisgau

E’ un’erbacea perenne alta 15-20 cm, caratterizzata da una crescita vigorosa. Ha foglie lucide di colore verde-bruno e tra giugno-agosto produce fiori marrone brunati. Predilige il terreno sabbioso o ben drenato e come esposizione i luoghi soleggiati a parzialmente ombreggiati. S

Acaena inermis Purpurea

Una pianta erbacea perenne alata non più di 6-7 cm. Ha un caratteristico fogliame bruno-porpora e in tarda primavera, tra maggio-giugno, presenta fiori rossicci. Cresce senza problemi al sole o a mezzombra nei giardini rocciosi.

Acaena microphylla

E’ la specie più conosciuta e coltivata come ornamentale. E’ alta dai 3 ai 5 cm, presenta foglie pennate  verde-bronzo e in maggio-giugno produce fiori rossicci e frutti color cremisi.  Ottima come copri-suolo.

Acaena anserinifolia

Conosciuta anche come Acaena neozelandese e australiana, è una pianta rustica con un fusto principale robusto e legnoso lungo, alto sino a 1 metro, e ramificazioni lunghe 10 cm. oglie con 9-13 segmenti. Il colore di queste ultime è solo apparentemente argenteo – grazie ai lunghi peli che le ricoprono – mentre in realtà è di uno strano verde-marrone. I capolini, portati da peduncoli della lunghezza di 10 cm, sono sferici e larghi 135 cm, compresi i famosi aculeii, di colore marrone o giallastro con alcune sfumature rosse.

Acaena adscendens

Conosciuta anche come  Acaena affinis o Acaena decumbens, è una pianta erbacea perenne alta 19-15 cm. Ha piccoli fusti  di colore bruno rossastro o bruno chiaro e foglie composte da 6-12 foglioline di un bel colore blu chiaro argentato sopra biancastre sotto. Produce fiori bianco crema seguiti da frutti di colore verde oliva. Acaena adscendens è perfetta per tappezzare i giardini rocciosi.

Acaena magellanica

Una pianta diffusa allo stato spontaneo in Cile e Argentina. Ha fusti striscianti, bruno rossastri, lunghi fino ad 1 m con foglie azzurrognole ovali con margini dentati profondamente e regolarmente. Produce piccole infiorescenze ovoidali di colore rosso porpora, bianche all’apertura dei fiori, e frutti bruni, decorativi.  L’Acaena magellanica è perfetta come tappezzante.

Acaena varietà Blue Haze

E’ una pianta erbacea con fusti robusti a portamento decombente ricoperti di foglie di colore argenteo o grigio-azzurro. Le foglie, lunghe 3-10 cm e con 9-15 segmenti, presentano margini profondamente incisi con bordi rosso-violetti o bronzei. I capolini sono globosi e, al momento della fruttificazione producono acheni con aculei corti e rossastri.

Acaena novae-zealandiae

E’ una specie di Acaena dal portamento prostrato. Ha fusti striscianti che in pieno sviluppo vegetativo possono superare anche il metro di lunghezza. Le foglie sono lunghe 5 -10 cm sono composte e formate da 9-15 foglioline di forma arrotondata, con margini dentati, il cui colore varia fra il verde brillante della pagina superiore e quello più pallido della pagina inferiore.

I fiori, più di 100 e privi di petali, sono riuniti in vistose infiorescenze a capolino il cui colore varia dal bianco al verde o al viola. I frutti sono acheni provviste di aculei che da rossi diventano marroni in maturazione e si attaccano anche agli abiti. Questa specie di Acaena ha diversi nomi comuni, infatti viene chiamata: bidibid rosso, bidgee widgee, buzzy e piri-piri bur. E’ diffusa specialmente in Nuova Zelanda, Australia e Nuova Guinea.

Acaena pinnatifida

Una specie perenne, endemica solo nelle zone costiere della California. Resiste alle basse temperature, tollera bene la siccità prolungata, cresce bene al pieno sole anche se non ha problemi all’ombra parziale. E’ alta circa 30 cm, ha foglie pinnate verdi e tra maggio-giugno produce infiorescenze a spighe composte da centinaia di fiori rossi a cui fanno seguito frutti acuminati che marcendo emanano uno sgradevole odore.

Acaena exigua

Una specie perenne, conosciuta con il nome comune liliwai, con steli frondosi lunghi 1-4 cm ricoperti di foglie composte da  6 a 17 foglioline ovali lucide sulla pagina superiore e biancastre su quella inferiore. produce fiori privi di petali riuniti in infiorescenze lunghe circa 1 cm portate sulle sommità degli steli. I frutti sono acheni conici di colore marrone chiaro.

Usi

Le piante di Acaena vengono coltivate come piante coprisuolo o tappezzanti nei giardini rocciosi, tra le fessure di lastricati o selciati o tra le mattonelle utilizzate nella pavimentazione di terreni antistanti alla casa.. Quelle che  sviluppano in maniera vigorosa fusti principali molto lunghi anche come rampicanti a ridosso di muri di recinzione o come ricadenti in vaso. q

Curiosità

Diverse specie di Acaena in Nuova Zelanda sono conosciute con il nome comune bidibid, la versione inglese del nome Maori originale di piripiri.

Galleria foto Acaena

LauraB

Commenti: Vedi tutto