Abutilon Acero da fiore coltivazione


abutilon


L’abutilon conosciuto comunemente come acero da fiore o Malva indiana è arbusto sempreverde adatto per la coltivazione in giardino e in vaso.

abutilon-acero-da-fiore


Caratteristiche generali dell’Abutilon

L’Abutilon è una pianta perenne della famiglia delle Malvaceae proveniente dall’America meridionale.

Nelle zone di origine la pianta raggiunge anche 3 metri di altezza.

La chioma, densa e tondeggiante, è formata da fusti molto ramificati, ricoperti da grandi foglie di colore verde chiaro molto simili alle foglie dell’acero.

abutilon-fiore


Leggi anche: Ibisco cinese – Hibiscus syriacus

Alla base delle foglie durante il periodo della fioritura compaiono dei grandi fiori penduli e campanulati di colore giallo, arancione e rosso che ricordano i fiori dell’ibisco.

abutilon-foglie

I fiori di colore rosso, arancio e giallo, hanno la forma di una campana ed in boccio sembrano bacche dell’alchechengi.

Abutilon-frutti

Ai fiori fanno seguito i frutti, piccole bacche scure molto resistenti che rimangono sulla pianta per molte settimane nei mesi invernali.

acero-da-fiore

Fioritura

L’Abutilon inizia a fiorire dalla primavera inoltrata fino all’autunno inoltrato.

20130605_160301

Coltivazione dell’Abutilon

Esposizione

E’ una pianta che ama le posizioni luminose e soleggiate per molte ore del giorno. Se coltivata all’ombra parziale produce una scarsa fioritura: Teme il freddo e le gelate notturne e quindi in inverno va riparata dal gelo con una buona pacciamatura.  La pianta allevata in vaso va ricoverata in luogo protetto o in serra fredda.

Terreno

Pur adattandosi abbastanza bene nel comune terreno da giardino predilige quello soffice, sciolto ricco di sostanza organica e ben drenato perchè mal tollera i ristagni idrici.

Annaffiature

L’Abutilon va annaffiato regolarmente dalla ripresa vegetativa fino all’autunno inoltrato ma solo quando il terreno è completamente asciutto; in inverno le annaffiature vanno ridotte al minimo indispensabile e praticate solo nelle ore più calde della giornata. In estate nebulizzare le foglie una volta al giorno per assicurare alla pianta una buona umidità ambientale. L’abutilon, invece, allevato in appartamento va annaffiato regolarmente anche in inverno.

Concime-granulare

Concimazione

E’ una pianta che per vegetare in maniera armoniosa e produrre fiori a profusione necessita di continue concimazioni dalla primavera in poi. Si può somministrare, ogni 15 giorni, del concime specifico per piante da fiore diluito nell’acqua delle annaffiature, in dose leggermente inferiore a quella riportata sulla confezione o in  alternativa, ogni 40 giorni, del concime granulare a lento rilascio, distribuito sul terreno ma lontano dal colletto della pianta.

acero-da-fiore-moltiplicazione

Moltiplicazione dell’Abutilon

L’abutilon si riproduce per seme, in primavera e per talee semilegnose in primavera o in autunno.

Moltiplicazione per seme

La semina va fatta in letto caldo, in primavera nel periodo marzo-aprile. Il terriccio deve essere specifico,e mantenuto umido fino alla comparsa delle giovani piantine. Il semenzaio va tenuto ad una temperatura costante di 18-20° C. Le piante, quando raggiungono un’altezza di 20 cm, vanno trasferite in vasi singoli ed allevate in essi fino alla primavera successiva.

Propagazione per talea

Sempre in primavera è possibile ottenere nuove piante di Abutilon per talea.

Utilizzando cesoie ben affilate e disinfettate, si prelevano le talee lunghe circa 15 cm e si mettono a radicare in una miscela di torba e sabbia in parti uguali mantenuta sempre umida ma non fradicia. La comparsa di nuove foglie è segno dell’avvenuta radicazione. Si attende la primavera successiva prima di metterle a dimora definitiva.

Potatura dell’Abutilon

Per ottenere una pianta con chioma fitta è bene potare i rami troppo lunghi all’inizio della primavera per favorire l’emissione di nuovi getti laterali. Per favorire il soleggiamento e l’arieggiamento è importante sfoltire anche le parti più parti interne. Recidere di netto tutti i rami secchi e asportare man mano i fiori appassiti e le foglie secche.

abutilon-rinvaso

Rinvaso dell’abutilon

Il rinvaso va effettuato quando le radici fuoriescono dai fori di drenaggio dell’acqua utilizzando nuovo terriccio e un contenitore di poco più grande del precedente e, se si vuole contenere lo sviluppo della pianta, è bene utilizzare lo stesso vaso ma nuovo terriccio.

abutilon-malattie

Parassiti e malattie dell’Abutilon

L’Abutilon è una pianta che teme gli attacchi della cocciniglia, della mosca bianca e degli afidi.

Soffre il marciume radicale causato dai ristagni idrici e la decolorazione fogliare causata dal cloro presente nell’acqua delle annaffiature.

Cure e trattamenti

Se necessario trattare la pianta con antiparassitari specifici anche quelli biologici preparati in casa come l’antiparassitario all’aglio, all’ortica e al piretro, efficaci e soprattutto non inquinanti per l’ambiente e che non arrecano danni agli insetti utili. Per evitare la decolorazione fogliare è consigliabile utilizzare l’acqua piovana o quella di fontana fatta riposare almeno 12 ore.

Varietà di Abutilon

Abutilon megapotamicum

Un arbusto sempreverde adatto alla coltivazione all’aperto nelle zone a clima mite. Abbellisce i giardini con i suoi fiori gialli e rossi nel periodo autunno – primavera. Ama il terreno acido, ben drenato e ricco di humus. Teme il marciume radicale e poichè non sopporta il freddo va riparato nei mesi invernali in serra o altro luogo luminoso.

Abutilon vitifolium

Una pianta originaria del Cile che in pieno sviluppo vegetativo raggiunge un’altezza dai 3 ai 5 metri.  questa specie semi-rustica predilige le zone più calde, anche se può essere coltivata in tutta Italia. I rametti sono ricoperti da foglie pelose, palmate a tre-cinque lobi ricoperte da una peluria biancastra. Da maggio a ottobre produce fiori peduncolati, riuniti in racemi ascellari, di colore malva o lavanda, che si appiattiscono quando sono completamente aperti. E’ una specie semi-rustica adatta al clima caldo. Va coltivata in pieno sole a dimora o in un vaso largo e profondo, 30/40. Teme il freddo.

 Usi dell’abutilon

Le diverse specie di Abutilon vengono coltivate come piante con portamento tondeggiante o come arbusti alti mediamente 2 metri e tra queste ne esistono alcune con caratteristiche simili alla juta, utilizzate nell’industria tessile.

Le piante di Abutilon vengono coltivate a scopo ornamentale nei giardini, nei parchi pubblici, isolate o in gruppi.

Cure e trattamenti

Se necessario trattare la pianta con antiparassitari specifici anche quelli biologici preparati in casa come l’antiparassitario all’aglio, all’ortica e al piretro, efficaci e soprattutto non inquinanti per l’ambiente e che non arrecano danni agli insetti utili. Per evitare la decolorazione fogliare è consigliabile utilizzare l’acqua piovana o quella di fontana fatta riposare almeno 12 ore.

petali-foto-abutilon

Proprietà

Alcune piante di Abutilon possiedono anche svariate proprietà benefiche come ad esempio  l’Abutilon theophrasti Medicus. Si tratta di una varietà apprezzata per le proprietà emollienti, antinfiammatorie, diuretiche ed antisettiche.

Della pianta si utilizzano sia il fusto che le radici e le foglie per l’elevato contenuto di mucillagine, utile a lenire le mucose del sistema urinario e respiratorio.

Anche i semi trovano impiego grazie alla proprietà lassative.

Abutilon: significato dei fiori

Nel linguaggio dei fiori l’Abutilon simboleggia la meditazione.

Curiosità

In Italia la pianta di Abutilon viene comunemente chiamata Cencio molle in riferimento alla forma delle foglie che ricordano gli stracci utilizzati per la pulizia della casa.

Galleria foto Abutilon

LauraB

Commenti: Vedi tutto