Piscine prefabbricate: guida alla scelta

Vuoi dotare la tua casa di una piscina? La soluzione perfetta potrebbe essere una piscina prefabbricata. Vediamo di cosa si tratta e come sceglierla.

Piscine prefabbricate guida alla scelta 1

Con l’arrivo dell’estate viene sempre più voglia di fresco e di evasione. Perché non portare questi due elementi in casa propria con l’aggiunta di una piscina? Se la tua casa si trova in un contesto vincolato dal punto di vista idrogeologico e paesaggistico, una piscina prefabbricata può essere la scelta giusta. Si tratta di una soluzione vantaggiosa sia per gli interni che per gli esterni della tua casa.

Tra le tipologie disponibili sul mercato ne esistono svariate e di svariati materiali ma, la distinzione principale, va fatta tra interrate, seminterrate e fuori terra. Anche se si tratta di una struttura prefabbricata, le possibilità di personalizzazione possono essere molteplici.


Leggi anche: Come organizzare la tavola per il pranzo dell’Epifania

Con questo articolo, cercheremo di dare una panoramica tra le tipologie ed i materiali più comuni di piscine prefabbricate.

Piscine prefabbricate senza permessi

Come ogni struttura mantenuta stabilmente inserita su un terreno, anche le piscine dovrebbero richiedere le autorizzazioni da parte del Comune di riferimento. Si tratta di autorizzazioni che dipendono non solo dal Comune ma anche dal tipo di piscina.

Le piscine che rappresentano un manufatto definitivo, necessitano una autorizzazione preventiva da parte del comune che, però, potrebbe negare nel caso in cui ci siano dei vincoli paesaggistici oppure normativi piuttosto stringenti. Ciò si verifica, generalmente, per le piscine interrate.

In alcuni casi, in base alle regolamentazioni di alcuni comuni, potrebbero essere consentite le piscine semi interrate, senza chiedere autorizzazioni. Ciò si verifica se la piscina rappresenta una struttura che non richiede movimentazioni di terreno e che può essere smontata.

Dunque, le piscine prefabbricate senza permessi sono quelle fuori terra. In questo caso, l’iter burocratico si aggira piuttosto facilmente, soprattutto se non ci sono vincoli paesaggistici. Prima di procedere, però, informati con il tuo comune di riferimento perché la normativa potrebbe cambiare.

Piscine prefabbricate guida alla scelta 3

Piscine prefabbricate fuori terra

Le piscine prefabbricate fuori terra sono perfette se cerchi una soluzione immediata, semplice e non esageratamente costosa. Il tuo spazio esterno potrebbe diventare uno spazio unico di benessere e felicità da vivere con i propri congiunti. Inoltre, una piscina prefabbricata fuori terra potrebbe, come abbiamo detto sopra, superare i vincoli che, invece una piscina interrata richiederebbe.


Potrebbe interessarti: Come smaltire la condensa del condizionatore: consigli e rimedi

E ancora, le piscine fuori terra possono essere una valida soluzione anche per chi non dispone di molto spazio, pur essendo dei prodotti dal design molto bello da vedere e di installazione facile.

Alcune piscine prefabbricate fuori terra possono essere smontate e rimontate aggiungendo dei dettagli oppure per sopperire all’usura del tempo. Questo è possibile grazie a delle strutture modulari.

Piscine prefabbricate guida alla scelta 5

Piscine prefabbricate seminterrate

La caratteristica principale delle piscine seminterrate è che vengono posate nel terreno per metà. Il che permette alla piscina di adattarsi al terreno e ai suoi dislivelli eventuali ma anche allo spazio esterno di cui disponi. Una struttura ibrida, dunque, perfetta anche per terreni scoscesi.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Alcuni comuni, inoltre, permettono di installarle senza che sia necessario il passaggio per la burocrazia. Tra i modelli disponibili sul mercato spiccano quelli con struttura in legno, cemento, acciaio.

Piscine prefabbricate guida alla scelta 4

Piscine prefabbricate vetroresina

Le piscine prefabbricate in vetroresina vanno generalmente interrate. Si tratta di un vero e proprio blocco, che deve essere soltanto inserito nel contesto. Alcune dispongono già di luci e bocchettoni. Si comprende subito che la personalizzazione può essere molto scarsa.

Stando a molte opinioni, essendo un materiale di natura plastica, è poco duraturo nel tempo. Infatti, oltre a poter subire delle lesioni, si potrebbe rigonfiare a causa delle pressioni del terreno. Questa tipologia di vasche, infatti, è consigliata su terreni stabili.

Tuttavia, questa soluzione risulta perfetta per chi vuole una piscina autoportante, che non costi una fortuna e che si possa costruire in poco tempo. Inoltre, la temperatura dell’acqua al suo interno si mantiene costante. Tra gli altri pro il fatto di lasciare invariato il parametro catastale della tua casa.

Piscine prefabbricate guida alla scelta 2

Piscine prefabbricate in acciaio

Le piscine prefabbricate in acciaio vengono prodotte con pannelli, ovvero elementi modulari, che possono variare in lunghezza e raggiatura (se la vasca deve seguire lati curvi). L’acciaio può essere zincato oppure trattato con plastificazione ovvero aggiungendovi una pellicola di PVC. L’acciaio può essere liscio oppure lavorato. In questo secondo caso, la resistenza aumenta.

Successivamente, i pannelli vengono adagiati su un fondo di calcestruzzo armato e ancorati con tirafondi. Questi vengono imbullonati fra loro. Il tutto si completa con l’aggiunta di eventuali accessori quali fari, idromassaggio etc.

Tra i pregi di questa tipologia di piscine spiccano la versatilità e l’adattabilità. Si tratta di vasche installabili senza particolari verifiche del terreno.

Piscine prefabbricate guida alla scelta 6

Piscine prefabbricate: guide alla scelta – foto e immagini

Ora che ti abbiamo chiarito le idee circa le piscine prefabbricate, non ti resta che metterti a lavoro per trovare la tua e godertela per tutta l’estate!

Rita Paola Maietta
  • Giornalista Pubblicista dal 2010
  • Laurea Magistrale in Scienze della Comunicazione
  • Master in Comunicazione, specializzazione in Design, Arredamento, Lifestyle
Suggerisci una modifica