Decorare uova sode per Pasqua

Nicola Spisso
  • Autore specializzato in architettura e design d'interni

pulcini uova pasqua

Decorare o realizzare antipasti pasquali decorati o segnaposto da mangiare.

Cercate delle ricette pasquali simpatiche e divertenti?
Volete stupire i vostri ospiti durante il pranzo di Pasqua? Oppure siete alla ricerca di ricette facili,ma che allo stesso tempo invoglino il vostro bambino a mangiare qualcosina in più?
Questi simpatici pulcini appena nati, insieme a mamma chioccia faranno al caso vostro.

E’ veramente facile realizzarli, vediamo insieme gli ingredienti che vi occorrono e il relativo procedimento.

Ingredienti:
uova;
carote;
fette sottili di peperone rosso;
maionese,
olive nere oppure nori ( le foglie nere utilizzate per la preparazione del sushi).

Procedimento
Fate bollire le uova , mi raccomando non fatele cuocere molto, dovrete ottenere delle comuni uova sode.
Quando saranno fredde, eliminate delicatamente il guscio.
Posizionate ogni uovo su un piano da lavoro, effettuate dei tagli a zig zag con la punta di un coltello da cucina lungo tutta la circonferenza , in particolare il taglio dovrà essere effettuato verso la parte meno appuntita dell’uovo.

ritaglio uova soda

Estraete delicatamente la parte bianca , se non dovesse staccarsi, con il coltello ripassate tutte le incisioni effettuate precedentemente.
Spennellate il tuorlo con un po’ d’olio.
Prendete una carota e tagliatela a rondelle.
Con un piccolo tagliapasta rotondo per biscotti, ricavatevi delle mezze lune che serviranno per formare i becchi dei pulcini e quello di mamma chioccia.
Come collante potrete utilizzare un po’ di maionese.
Realizzate gli occhi con le olive nere, per ottenere dei pallini potrete utilizzare l’estremità di una cannuccia.
Prendete un peperone rosso, ricavatevi una fettina sottile e con una formina realizzate un cuore che taglierete a metà, in questo modo otterrete una bella cresta.
Potrete posizionare la “ Chicken egg family” in un contenitore porta uova, in un piatto, o in una bella insalatiera.

Foto via eyecandy.nanakaze.net