Aceto casalingo fai da te


aceto


L’aceto è un liquido acido che si ottiene dalla trasformazione dell’alcol etilico o etanolo contenuto nel vino. Si tratta di un  processo naturale, fermentazione acetica, causato dall’azione di batterei utili, i Gram-negativi del genere Acetobacter, che, in presenza di aria e acqua, ossidano l’etanolo contenuto nel vino in acido acetico.

Quindi non buttate il vino che avanza ma provate ad ottenere da esso un ottimo aceto casalingo imitando i nostri saggi nonni che come è not0 riciclavano tutto.

Come fare l’aceto con il vino

Esistono diversi procedimenti che consentono di riciclare il vino e per farne un ottimo aceto naturale.


Leggi anche: Vino all’Issopo

Il primo metodo consiste nel lasciare la bottiglia con il vino all’aria aperta in un luogo caldo per circa 3-4 settimane.

Un secondo modo che ottenere un aceto dal gradevole sapore asprigno consiste nell’aggiunger al vino la madre dell’aceto, l’ammasso gelatinoso di color viola intenso che si deposita sul fondo della bottiglia di un vecchio aceto e che contiene  il batterio fermentativo l’Acetobacter aceti responsabile della trasformazione.

In alternativa potete provare a fare l’aceto naturale utilizzando un semplice espediente: introducete nella bottiglia di vino (piena per 3/4)  uno spaghetto. Dopo pochi giorni avrete a disposizione l’aceto per condire le vostre insalate di stagione.

aceto

Con questi procedimenti potete anche provare a fare l’aceto aromatizzato al rosmarino, al basilico, al finocchio selvatico e alla menta.

LauraB

Commenti: Vedi tutto