Palatella con la mpupata


Palatella con la mpupata

Sommario

La palatella è composto da uno sfilatino di pane fatto con farina di frumento dalla forma particolare che ha alle due estremità, due tondini di pane, ed una farcitura, la cosiddetta mpupata a base melanzane sott'olio e aceto che si abbina a delle acciughe sotto sale da dissalare, utilizzando anche un pizzico di peperoncino.

Quantità:
4

Ingredienti Ricetta

  • Palatelle 4
  • Melanzane sotto aceto 200 g
  • Alici sotto sale o acciughe 100 g
  • Semi di finocchietto qb
  • Peperoncino piccante qb

palatella-mpupata

Procedimento della Palatella

acciughe-alici-sotto-sale

Le alici sotto sale o acciughe vanno messe in barattolo e coperte d’olio. Volendo possiamo aggiungere semi di finocchietto ed un po’ di peperoncino piccante.

melanzane-strizzatura

Le melanzane sotto aceto vanno sempre conservate in un barattolo di olio.

Se non si apprezza troppo il sapore dell’aceto, possiamo strizzarle prima di metterle sott’olio, così da eliminare l’aceto in eccesso.

Lasciamo almeno un giorno ad insaporire.

Procediamo a farcire la palatella con la mpupata.

Disponiamo tutti gli ingredienti sulla tavola.

Apriamo il pane o meglio la palatella, per farcirlo.

Creiamo una base con i filetti di alici salate, possibilmente di Cetara.

Quindi adagiamo le melanzane e gustiamo.

Nella ricetta tradizionale troviamo solo melanzane ed acciughe.

Abbinamento con la Palatella

Vanno abbinati un vino con le percoche o pesche ed a fine pasto l’anguria o melone di fuoco.

Curiosità e storia della Palatella

La ricetta della palatella è tipica della zona di Salerno in Campania ed in particolare delle zone di Materdomini e Nocera e come da tradizione si prepara per essere consumata la sera del 14 agosto giorno della festa del Santuario di Materdomini, quando i pellegrini giunti da tutti i paesi vicini, si raccolgono nella chiesa o sul piazzale antistante per la recita del rosario.

Alla partecipazione si aggiungono anche carri con raffigurante l’icona della Madonna di Materdomini. Tra le frazioni nocerine partecipanti alla preparazione del carro vi sono Pecorari e Pucciano.

Ed è proprio durante la festa religioso-popolare di Materdomini che si consuma la tradizionale palatella con la mpupata.

CasaeGiardino
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News
Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta