Calamari al forno


Calamari al forno

Sommario

Semplici e facili da realizzare i Calamari al forno sono un secondo piatto sanno e gustoso ricco di proteine ed Omega3.

Tempo di preparazione:
15 minuti
Tempo di cottura:
20 minuti
Quantità:
4

Ingredienti Ricetta

  • Calamari 500 gr
  • Pangrattato q.b.
  • Sale q.b.
  • Prezzemolo q.b.
  • Olio Extra Vergine di Oliva q.b.

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 gr
  • Calorie 90 kcal

Un secondo di pesce completo, gustoso e molto facile da preparare. I calamari, come molti altri prodotti del mare sono sani e ricchi di proprietà nutrizionali.

I Calamari al forno sono un secondo piatto davvero saporito, croccante, fragrante e piacerà davvero a tutti e può essere un’ottima alternativa alla classica frittura, sicuramente più calorica.

Possono essere serviti come secondo o come aperitivo davvero sfizioso e  delizioso! Vediamo come preparare insieme in questa ricetta passo passo i Calamari al forno!

Procedimento dei Calamari al forno

  1. Innanzitutto cercate di scegliere sempre prodotti di prima qualità e di massima freschezza. Soprattutto quando si sceglie di cucinare un buon pescato la norma fondamentale per un risultato garantito e senz’altro la provenienza. Noi abbiamo in dotazione dei calamari già puliti dal pescivendolo, ma se li avete acquistati interi e avete dubbi su una corretta pulizia, seguite la nostra guida a fine ricetta su come pulire i calamari.
    20201113_130352
  2. Anche se avete acquistato il prodotto già ripulito dal vostro pescivendolo di fiducia, ripassate ulteriormente i calamari sotto acqua corrente ed eliminate eventuali impurità. Una volta che sarà ben pulito tagliate il corpo in anelli piuttosto spessi e adagiateli, insieme ai tentacoli, in un piatto con olio Evo e due spicchi di aglio e lasciate insaporire per 15 minuti. Nel frattempo preparate la panura in una ciotola ampia unendo il pangrattato il sale, il pepe e il prezzemolo tritato e mescolate per amalgamare tutti gli ingredienti.
    20201113_130453
  3. Adagiate i calamari puliti nella panura avendo cura di far aderire il condimento alla carne in maniera uniforme.20201113_130643
  4. Il procedimento è rapido e semplice e impiegherà pochissimi minuti. Non dimenticate di prestare attenzione al condimento, ricoprendo tutti i calamari così da ottenere un prodotto croccante e dorato in maniera uniforme. Foderate una teglia con carta da forno e spennellate la base con il condimento di olio rimasto o in alternativa spalmatene poche gocce su tutta la superficie. Adagiate con cura la carne senza sovrapporre i pezzi garantendo così una cottura uniforme di tutto il preparato.
    20201113_130843
  5. Ultimate con una leggera spolverata di pangrattato, salate e pepate ancora un po’ se lo gradite e cuocete in forno statico a 190° per 20 minuti. Trascorso questo tempo suggerito provate la cottura infilando i rebbi di una forchetta nella polpa per verificarne l’avvenuta cottura, se necessario cuocete ancora per 10 minuti abbassando la temperatura a 180°.20201113_130943
  6. Gustate i calamari ancora caldi per apprezzarne fragranza e croccantezza, condite con altro prezzemolo e del succo di limone fresco.
    PSFix_20201113_140827

Come pulire i calamari freschi?

Pulire i calamari freschi potrebbe mettervi in difficoltà, ma a differenza di altri molluschi è un’operazione piuttosto semplice. Considerato che tutte le parti del calamaro possono essere utilizzate qualsiasi pezzo stacchiate dal corpo centrale, non buttatela, ma tenetela da parte per un secondo utilizzo.


  1. Come primo step sciacquate i calamari sotto acqua corrente e staccate la testa dal mantello.
  2. Una volta eliminata la testa che terrete da parte, eliminate la cartilagine trasparente che si trova all’interno del mantello e rimuovetela delicatamente.
  3. Risciacquate di nuovo sotto acqua corrente ed estraete le interiora dal mantello, che potrete buttare.
  4. Il calamaro, come altri molluschi della stessa famiglia, all’interno del mantello ha la sacca di inchiostro. Se vi occorre per altre preparazioni dovete scavare con attenzione nella cavità del mantello, far uscire il liquido e conservarlo.
  5. Per eliminare la pelle esterna basta incidere con un coltellino affilato la parte finale del mantello, afferrare un lembo della pelle e tirare via il rivestimento aiutandovi sempre con un coltellino.
  6. Successivamente rimuovete le pinne e separate la testa dai tentacoli praticando un’incisione con un coltellino nella parte sotto gli occhi.
  7. Dai tentacoli potete eliminare il dente centrale aprendoli a farfalla verso l’esterno e spingendo con le dita per favorire la fuoriuscita.
  8. Rimuovete la pelle e sciacquate con acqua corrente.

Calamari al forno foto e immagini


Leggi anche: Calamari ripieni ricetta

Raffaella Gambardella
  • Scrittore e Blogger

Commenti: Vedi tutto

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, guide e novità riguardo il mondo della casa e giardinaggio. Aggiornati dai nostri esperti di botanica e dell'arredo casa.