Torta caprese


Torta caprese

Sommario

Un guscio croccante che accoglie un cuore morbido e delicato di cioccolato e mandorle, dal profumo inconfondibile è il vessillo della pasticceria partenopea: la Torta Caprese!

Tempo di preparazione:
20 minuti
Tempo di cottura:
30 minuti
Quantità:
4

Ingredienti Ricetta

  • Mandorle 220 gr
  • Cioccolato fondente 150 gr
  • Burro 125 gr
  • Zucchero 125 gr
  • Uova 4
  • Zucchero al velo q.b.
  • Rhum q.b.
  • Cacao amaro 60 gr

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 gr
  • Calorie 330 kcal

Un guscio croccante che accoglie un cuore morbido e delicato di cioccolato e mandorle, dal profumo inconfondibile è il vessillo della pasticceria partenopea! Nata a Capri agli inizi del 1900 dalle sapienti mani dello chef Carmine Fiore, nasconde una storia originale ed interessante oltre che il sapore inconfondibile di uno dei dessert più famosi al mondo. Vediamo come preparare insieme questa deliziosa Torta Caprese nella nostra ricetta passo passo!



Procedimento della Torta Caprese

  1. Pesate le mandorle e scegliete prodotti di buona qualità per l’ottima riuscita del dessert. Potete scegliere tra le mandorle spellate, leggermente più dolci, o se volete potete optare per quelle con la pelle (mandorle armelline, un po’ più amare). Se gradite potete anche unire metà dell’una e dell’altra varietà per un sapore più equilibrato.20200902_204930
  2. In un mixer con lame tritate le mandorle riducendole in farina e tenete da parte.
    20200902_205138
  3. Aggiungete alle mandorle tritate il cacao amaro e mescolate per amalgamare perfettamente i due ingredienti secchi.20200902_205320
  4. In una ciotola ampia sgusciate le uova intere.
    20200902_211308
  5. Unite lo zucchero semolato e con l’aiuto di uno sbattitore elettrico montate con cura.
    20200902_211528
  6. Montate fino ad ottenere un impasto liscio e denso.
    20200902_212443
  7. Nel frattempo avrete messo a sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente.
    20200902_211512
  8. Sciogliete completamente il cioccolato che non dovrà presentare grumi al suo interno e unite poco rhum o il liquore che avete scelto e mescolate con cura.20200902_212743
  9. Unite il cioccolato fuso al composto di uova e zucchero e mescolate.
    20200902_213132
  10. Amalgamate per bene il cioccolato fino ad ottenere una crema densa e liscia priva di grumi.
    20200902_213324
  11. In un altro pentolino sciogliete il burro a bagnomaria.
    20200902_212833
  12. Scioglietelo completamente senza farlo friggere.
    20200902_213347
  13. Unite a filo il burro fuso nell’impasto di uova e cioccolato e mescolate con cura inglobando perfettamente tutti gli ingredienti.20200902_213407
  14. Quando l’impasto risulterà lucido e liscio aggiungete a mano la farina di mandorle e mescolate lentamente. Una volta che la farina si sarà inglobata del tutto versate l’impasto in uno stampo dai bordi non troppo alti (massimo 9 centimetri, tipo stampo da pastiera o crostata) e infornate in forno statico a 170° per 30 minuti controllando la cottura con lo stuzzicadenti.
    20200902_213542
  15. Rispetto agli dolci da forno la Torta Caprese non deve cuocere molto e deve risultare umida al suo interno. Per assaporarla al meglio su suggerisce di lasciarla nello stampo per almeno 12 ore e poi gustarla spolverizzata di abbondante zucchero al velo e, se volete, realizzate piccole decorazioni di cioccolato fondente e mandorle.PSFix_20200907_154658


Leggi anche: Insalata di Capri

Un po’ di storia…

Ormai è noto che nella storia gastronomica nazionale e internazionale, le più grandi creazioni culinarie siano state create per sbaglio! Famosissime le origini della ganache, nata per caso da un errore da parte di un cuoco geniale ma un po’ maldestro fino a raccontare della Torta Caprese, vessillo della pasticceria partenopea e famosa ormai in tutto il mondo.

Si narra infatti che nella bella e soleggiata Capri degli inizi del 900, in una bottega pasticciera artigiana della romantica isola, lo chef Carmine Fiore realizzò involontariamente quello che sarebbe stato uno dei dessert più apprezzati e copiati a livello mondiale. Da solo, nel suo piccolo mondo fatto di profumi inebrianti misti ad arte culinaria, stava preparando un sontuoso pranzo per dei malavitosi giunti nell’isola per acquistare una partita di ghetti per il gangster Al Capone.

Il pranzo procedeva per il meglio, ma giunti al dessert lo chef, forse preso dalla tensione e dalla fretta di servire il suo cavallo di battaglia agli ospiti, dimenticò di aggiungere la dose di farina necessaria per la sua torta di mandorle e cioccolato. Solo dopo averla infornata si rese conto del gravissimo errore, che si rivelò poi essere il tocco perfetto per ottenere un impasto dal guscio croccante e dal cuore morbido e delicato. Gli americani furono talmente soddisfatti del dessert che ne chiesero addirittura la ricetta! E fu così, che da un errore nacque uno dei dolci più diffusi al mondo e proposto in molteplici versioni e adattamenti, l’intramontabile Torta Caprese!


Potrebbe interessarti: Pomodori di Sorrento

Suggerimenti

Se volete aromatizzare la vostra Torta Caprese potete scegliere tra la buccia d’arancia, presente nella versione originale oppure per un liquore più profumato come il rhum, il Gran Marnier, il Cointreau o il più famoso liquore Strega. Lo stampo perfetto invece, è quello che si usa tradizionalmente per la pastiera napoletana. In commercio si trovano solitamente in alluminio e con i bordi svasati non più alti di 8/9 centimetri, che variano anche in base al diametro scelto.

Torta Caprese foto e immagini

Commenti: Vedi tutto